Coltivazione carciofi

Perchè conoscerla:

Ogni qualvolta si sceglie di occuparsi di giardinaggio ci si assume delle responsabilità. Questo perchè il giardinaggio è un' occupazione che, come tutte le altre occupaizoni incluse sotto il nome di fai da te, riesce a dare tante soddisfazioni e tanti vantaggi, ma richiede anche l' impiego di tempo, dedizione e, quindi, di sacrifici. Per questo, ogni volta che si sceglie una pianta, bisogna tenere anche in considerazione che si stà acquistando una essere vivente dotato di specifiche necessità ed esigenze, e non un semplice materiale. Molto spesso, infatti, accade che ci si reca in un vivaio o in un apposito negozio, per concludere l' acquisto di una pianta, magari perchè si ha bisogno di qualcosa da posizionare in un angolo della casa, o con cui arredare il proprio balcone, e si apprezza molto la bellezza di quella pianta, quindi la si ritiene idonea a ricoprire quel ruolo, dimenticandosi che le piante vanno anche curate Ma non bisogna dimenticarsi che, al di la della sua bellezza e del suo sicuramente elevato valore ornamentale, se non si è sicuri di poter ritagliare nel proprio tempo del tempo proprio per la cura delle proprie piante, è meglio optare per un altro genere di mezzi per ornare un determinato spazio che si possiede: in commercio ci sono tantissimi oggetti finalizzati a questo scopo.

Le piante, invece, hanno bisogno di chi si prende cura di loro, in modo costante e , sopratutto, nel modo giusto. Anche perchè, se alle piante vengono a mancare le giuste cure, queste iniziano a soffrirne e ciò vuol dire che inizieranno a manifestare anche all'esterno il loro malessere, sopratutto nella produzione di foglie, fiori, verdure o frutti. Pertanto, è molto importante sapersi prendere cura delle proprie piante, sapere quali sono le loro esigenze e come soddisfarle.

Semi Carciofo Zelenyy Shar - Green Ball coltivazione biologica di verdure Heirloom

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Usi e proprietà :

piante di carciofoIl carciofo è un vegetale proprio del' area mediterranea, che può raggiungere un massimo di un metro e venti centimetri. Il suo consumo ha origini antichissime: era utilizzato già nelle diete degli antichi egizi, poi dai greci e dai romani. Attualmente, è molto conosciuto in tutto il mondo, anche e sopratutto in Italia, il maggior produttore di carciofi del mondo, dove i luoghi in cui è maggiormente diffuso sono la Liguria, la Toscana, la Sardegna, il Lazio e la Puglia. Sul nostro pianeta, si contano circa novanta specie di carciofo, da quelle tonde a quelle allungate, da quelle senza spine a quelle con le spine, da quelle verdi a quelle viola.

Il carciofo è un alimento che in cucina è utilizzato sia come contorno per accompagnare i secondi, stufato, lesso, fritto, al vapore, sott' olio o sotto aceto, sia insieme nei primi, specialmente nel famoso risotto ai carciofi, molto apprezzato. Ma al di là del suo sapore, sicuramente molto conosciuto, mangiare il carciofo fa bene anche per le virtù che questo ortaggio possiede, e che derivano da una sostanza in esso contenuta, ovvero la cinarina, dal potassio e dai sali di ferro. Inoltre, nel carciofo è possibile trovare anche degli zuccheri che è permesso di mangiare anche a chi soffre di diabete, overo la mannite e inulina.

Quando si ingerisce il carciofo, si ingerisce un alimento ottimo per il proprio fegato, ma solo quando lo si ingerisce crudo: la cinarina, infatti, è una sostanza che favorisce la secrezione biliare e la diuresi, ma i suoi benefici sono praticamente annullati dalla cottura. Inoltre, il carciofo ha proprietà digestive e diuretiche e permette di limitare il colesterolo. Inoltre, grazie ad un acido in esso contenuto, il carciofo permette di prevenire patologie arteriosclerotiche e cardiovascolari.

Terriccio:

Ogni pianta ha bisogno di un proprio terriccio, che diventerà la sua casa fino al rinvaso, se questo avverrà e se la pianta è coltivata in vaso. Il terriccio, quindi, deve essere idoneo per la pianta e deve conferire ad essa tutte le sostanze necessarie per il suo nutrimento, oltre ad ospitare le radici e a darle acqua.

Pertanto, per svolgere bene la coltivazione dei carciofi, il primo paso da fare è proprio quello di assicurarsi che il terriccio scelto sia quello idoneo per questa pianta. Il terriccio di cui il carciofo ha bisogno è un terreno a medio impasto , areato e ben drenato e precedentemente vangato e fertilizzato, anche se, a dirla tutta, il carciofo riesce a sopravvivere anche nei terreni che non hanno proprio di queste caratteristiche, quindi sono argillosi o torbosi ecc.

Prima della semina, deve avvenire la vangatura del terriccio, che, a seconda della grandezza del sito, può avvenire manualmente o con la vanga e che deve arrivare ad un minimo di trenta cm dalla superficie del terreno. Successivamente, si passa a creare dei solchi, sui quali andrà sistemato circa un chilo e mezzo di letame ricoperto con altro terreno.

  • ciliegio La scelta di occuparsi di giardinaggio deve essere ponderata e conseguente ad una vera e propria passione per il mondo delle piante e della natura in generale. Generalmente, le piante sono viste dai p...
  • coltivare il melone Molte persone scelgono di dedicarsi al giardinaggio per godere dei molti benefici che questo riesce a dare: occupandosi delle proprie piante, indipendentemente dal loro numero, permette di trascorrere...
  • rosmarino in vaso Molte persone scelgono di dedicarsi alla pratica del giardinaggio: questo perchè si tratta di un hobby capace di dare molti benefici: Occuparsi delle proprie piante peremette di rilassarsi, di passare...
  • coltivare agrumi Ogni volta che ci si dedica a dei lavori di fai da te3 si sceglie di unire l' utile al dilettevole, e questo è possibile anche scegliendo di optare per la scelta del giardinaggio. Tramite quest' ultim...

TecTake Aiuola rialzata con mensola 119 x 53 x 90 cm porta-oggetti semenzaio a letto | resistente alle intemperie - modelli differenti - (semenzaio a letto | no. 402212)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 46,99€


Coltivazione carciofi: Semina, messa a dimora e pratiche colturali:

La coltivazione dei carciofi può incominciare sia con la semina dei semi, sia con le gemme, sia con gli ovuli, ovvero le gemme disseccate. E' sconsigliata inciminciare questa pratica con la semina vera e propria, perchè è difficile che la pianta attecchisca, quindi meglio iniziare con gemme e ovuli, che vanno piantati a circa venti centimetri di profondità dal terreno e distanziati gli uni dagli altri almeno settanta centimetri. Per quanto riguarda il periodo, questo dipende per lo più dalla zona climatica, e può avvenire a fine autunno o a fine inverno.

Le innaffiature delle piante di carciofo devono avvenire in modo moderato e devono essere effettuato solo quando il terreno risulta completamente asciutto, in quanto questa pianta non sopporta i ristagni idrici, che le causano il marciume radicale.

La concimazione, invece, deve avvenire durante il primo anno solo se il terreno non è stato opportunamente fertilizzato. Dopo il primo anno, la concimazione deve avvenire due volte all' anno, ovvero in inverno e in estate. Quella invernale, prevedere la sistemazione di letame intorno alle piante, mentre quella estiva prevede l' apporto di concime granulare.

La pacciamatura, invece, è realizzata per proteggere le piante di carciofi dalle piante infestanti e dalla secchezza del terreno. E' bene rimuovere tutti i polloni che possono crescere vicino alle piante, in quanto usufruiscono del nutrimento della pianta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO