muscari

Il Muscari, una delle Liliaceae più belle

Il Giacinto Uva, il Pian del Cucco, la Cipolla canina, il Giacinto dal pennacchio ed il Lampascione sono solo alcuni dei nomi volgari attribuiti alla pianta del Muscari. Questa bulbosa, si contraddistingue dalle altre Liliacee grazie alla caratteristica forma delle foglie stiliformi strette e lunghe e dai piccoli fiori dal perigonio oblungo o globoso. I Muscari constano di 60 specie ed appartengono all'altrettanto numerosa famiglia delle Liliaceae. La loro area di origine va dall'Asia Minore all'Europa fino a lambire le coste delle regioni mediterranee. La pianta fiorisce da febbraio a giugno. Il fusto è costituito da un'infiorescenza a racemo allungato e molto compatto con fiori che sono spesso di un colore che va dal blu scuro al violetto oppure bianchi. La pianta è una bulbosa perenne con un numero limitato di foglie basali, con lamina molto spessa, ripiegate verso il basso e caratterizzata da un frutto a forma di capsula. La bulbosa viene generalmente utilizzata per abbellire terrazze, aiuole, bordure e giardini rocciosi. Grazie al colore intenso dei suoi fiori, crea delle belle macchie di colore.
muscari

AZZURRANTE PER ORTENSIE A BASE DI FERRO MANGANESE E ZINCO POLVERE SOLUBILE IN CONF. DA 800 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Cure ed accorgimenti

Cure muscari Abituata alle rigide condizioni climatiche nel periodo invernale dell'Asia Minore e dell'Europa Centrale, la pianta del Muscari non richiede cure particolari e si adatta tranquillamente al nostro clima mediterraneo. Infatti si adegua a qualsiasi tipologia di terreno, purché sia ben drenante e senza ristagni d'acqua. Se invece desiderate metterla in vaso, sarà utile preparare un terriccio composto da torba, sabbia e concime organico. Inoltre i Muscari pur non temendo la siccità, non dovranno mai essere lasciati a corto d'acqua. Pertanto bisogna assicurarsi che nel periodo vegetativo che va da febbraio a maggio, tra un'innaffiatura e l'altra, il terreno sia ben asciutto. Un concime organico ben maturo dovrà essere distribuito all'inizio ed alla fine della fioritura, consentendo alla pianta di mantenere colori più brillanti durante la fioritura e foglie più verdi. Se si decide di far riprodurre la bulbosa, la propagazione avverrà tramite i bulbi verso la fine dell'autunno oppure con i semi all'inizio della primavera. I bulbi ottenuti andranno piantati ad una profondità di circa cinque-dieci centimetri. Per ottenere un'adeguata propagazione con fioritura, si dovranno attendere almeno due anni. Invece per il rinvaso il periodo consigliato è la primavera. La pianta non richiede potatura ma semplicemente la rimozione a fine fioritura dei fiori appassiti e delle foglie danneggiate. Una delle poche avversità a cui potrà andare incontro la bulbosa è costituita dalla formazione di una muffa bluastra, il "penicillium". La scelta di un terreno ben drenato e sano eviterà ogni problema.

    Bouganvillea - Albero Artificiale Da Arredo Con Fiori Beauty e Tronco Vero - Alto 125 cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 89,99€


    muscari: Alcune curiosità

    muscariAlcune delle specie del Muscari, si sono talmente propagate spontaneamente che è facile scorgerle in terreni incolti, nei campi coltivati oppure in distese erbose. Questa Liliacea, se dovesse essere collocata in una posizione poco soleggiata non produrrà molti fiori ma un'esagerata quantità di foglie.Il nome di questa pianta deriva dal termine latino "muscus", muschio, infatti il tenue profumo somiglia molto a quello del piccolo vegetale primitivo che incontriamo nei nostri boschi. Il bulbo del Muscari Comusum, detto volgarmente Lampascione, in alcune regioni del sud Italia, viene utilizzato anche per la preparazione di alcuni piatti tradizionali. Infatti viene usato cotto per la preparazione di pasta e risotti di vario genere e per arricchire insalate e contorni al forno.Grazie al gradevole effetto cromatico, i Muscari vengono spesso accostati, nell'arte floreale, ad altri fiori come i narcisi ed i tulipani, per creare composizioni di grande effetto. Inoltre si possono realizzare delle vere e proprie cascate di colore, inserendo due o tre tipologie che risulteranno apprezzabili per l'accostamento del blu scuro, del violetto e del bianco. I fiori recisi potranno essere anche utilizzati per la creazione di mazzetti primaverili molto allegri.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO