Ancoraggio

Informazioni e sicurezza

Dal semplice chiodo messo nel muro, a sistemi complessi di antenne e applicazioni industriali, i metodi di ancoraggio sono uno dei temi imprescindibili per qualsiasi lavoro, che sia fatto in casa o che riguardi ambiti professionali. Data l’importanza di questa operazione, prima di iniziare qualsiasi tipo di lavoro è bene conoscere dettagliatamente sia le norme di legge che regolano le diverse situazioni che si possono presentare, sia, soprattutto, caratteristiche e certificazioni degli elementi che si vanno ad adoperare. Non a caso, da tempo, esiste una Associazione Nazionale Sistemi di Fissaggio che si adopera per divulgare tutte le informazioni utili in questo campo e definire regole e calcoli riguardanti i fissaggi. Sia chimici, sia meccanici.

La tenuta del sistema e, quindi, la sua sicurezza, sono senza dubbio i primi elementi da tenere in considerazione: i professionisti possono fare affidamento sulla propria esperienza; per chi, invece, non è abitualmente avvezzo a queste operazioni, la cosa migliore è quella di rivolgersi a rivendite specializzate o negozi di ferramenta nei quali si può trovare il personale qualificato per ricevere i giusti consigli e le indicazioni operative. I punti dai quali bisogna partire sono sempre gli stessi, nel piccolo come nel grande: che cosa si deve fissare e su quale tipo di supporto.

Ancoraggio

Sterling - Ancoraggio di sicurezza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,68€


Ancoraggi chimici o meccanici?

Ancoraggio meccanico Sostanzialmente sono due le famiglie in cui si dividono i sistemi di fissaggio: chimico e meccanico. Partendo dall’ambito più abituale per tutti, come può essere quello di un semplice lavoro di casa, ancora oggi il tassello di plastica rimane il più diffuso e semplice dei sistemi di ancoraggio meccanici. Praticamente a pari merito, c’è, poi, il tassello d’acciaio: i due, in genere, sono usati in maniera intercambiabile, garantendo sostanzialmente le stesse prestazioni e coprendo i medesimi ambiti di utilizzo. Quando, però, il carico da sostenere è troppo elevato, i tasselli, in plastica o in acciaio che siano, non possono garantire la tenuta dovuta, imponendo di valutare altre possibilità.

Le soluzioni che si presentano, a questo punto, vanno nella direzione degli ancoraggi chimici: questi, infatti, sono ideali per essere utilizzati anche in situazioni di carichi dinamici ripetuti nel tempo o quando le condizioni del supporto sono critiche. L’ancoraggio chimico si incolla al supporto, diventando, in sostanza, un tutt’uno con esso. Questa metodologia è ideale per ancorare oggetti sottoposti a costanti vibrazioni, come possono essere, per fare un esempio conosciuto da tutti, i condizionatori.

Sebbene l'ancoraggio chimico sia più indicato per usi professionali, oggi, il loro utilizzo si è relativamente semplificato, permettendo di essere eseguito anche da un utente non professionista. Naturalmente, essendo un sistema meno abitale, bisogna usare particolare attenzione e cautela.

L’ulteriore vantaggio del chimico rispetto al meccanico è che il primo può essere sia permanente sia temporaneo, offrendo, in questo modo, una polivalenza di utilizzo in molteplici ambiti e situazioni.

  • Alcune note Molto spesso si sente parlare di ancoraggio chimico nell’ambito di molti lavori e quindi, lo comprendiamo sin da queste primissime battute, sia nell’ambito dell’edilizia che dell’ingegneria. Ovviament...
  • Alcune note Ogni qual volta parliamo in prima persona o sentiamo parlare, semmai ad onor del vero non propria da persone appartenenti al più o meno ristretto cerchio degli addetti ai lavori dei differenti tipi di...

Lumaland Chiodi fissaggio Picchetti di ancoraggio multiuso Perni ancoraggio 100 pezzi con finale a doppia lancia Extra resistenti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,89€
(Risparmi 6,6€)


Ecologia

EcologiaQualcuno, sentendo la parola "chimico", potrebbe spaventarsi, associando automaticamente il termine a un sistema inquinante e poco naturale. In realtà, oggi giorno, la tecnologia ha fatto notevoli progressi anche in questo campo: la maggior parte dei fissaggi chimici più utilizzati, per esempio, è priva di stirene e, quindi, ecologicamente più sicura e rispettosa dell’ambiente. Inoltre, sono atossici e inodori, ed eventuali residui di resina che rimangono inutilizzati possono essere riciclati e riutilizzati. La sola attenzione richiesta è quella di informarsi sui corretti metodi di smaltimento delle cartucce non utilizzate del tutto.


Ancoraggio: Metodi

Per quanto riguarda il metodo, ogni sistema di fissaggio ha la propria modalità. Se si vogliono tracciare delle linee generali, si può sottolineare l’importanza dell’operazione di foratura del supporto: spesso, infatti, si trascura questa operazione, ma avere un foro netto, pulito, senza residui di polvere che si intromettano tra tassello e parete, garantisce una maggiore tenuta dell’ancoraggio.

Allo stesso modo, è bene serrare il tassello nella maniera corretta: non è vero che più si stringe maggiore sarà la tenuta del supporto, perché se si applica una coppia di serraggio eccessiva, si innalza la pressione sul materiale di supporto rischiando di danneggiarlo e compromettere, di conseguenza, l’operazione.

Fondamentali sono anche la profondità e lo spessore dell’ancoraggio così come la tecnica di montaggio utilizzata.



COMMENTI SULL' ARTICOLO