Tasi: chi la paga

Cosa paga il proprietario

La Tasi deve essere pagata secondo aliquote e quote stabilite da ogni singolo Comune, quindi per prima cosa bisogna controllare questi dati presso il Comune di pertinenza. Per quanto riguarda il proprietario, possono esserci varie casistiche. Se possiede un'abitazione principale di una delle seguenti categorie: A1, A2, A3, A4, A5, A6, A7, A8, A9, l'importo è tutto a suo carico. Se l'immobile ha più proprietari, il versamento deve essere effettuato da uno solo di essi, con vincolo di solidarietà, cioè in caso di mancato pagamento, l'altra parte potrà essere chiamata a versare il contributo per intero. In caso di abitazione data in uso gratuito o comodato a parenti di primo grado che la occupano come abitazione principale, o data in locazione ad uso principale, al propietario spetta l'80%. In presenza di pluralità di proprietari per lo stesso immobile, essi sono tenuti a pagare in solido, cioè, tutti devono versare l'imposta. Esiste anche la possibilità che uno dei proprietari paghi per intero, ma in linea generale se uno dei due non paga, il secondo deve comunque versare la sua quota.
tasi

Set grimaldelli da 20 pezzi + set tascabile, lucchetto trasparente da pratica, guide per fabbri principianti ed esperti della Lock Cowboy

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,97€
(Risparmi 20,03€)


Cosa paga il proprietario di fabbricati

tasi pagamento In caso di fabbricato non produttivo di reddito fondiario, in cui il proprietario esercita la sua attività, o che è sfitto, il tributo spetta al proprietario. Così come per i possessori di fabbricati sfitti, o comunque tenuti a disposizione di qualunque categoria catastale, oppure costruiti e destinati alla vendita, ma non affittati. La stessa cosa è prevista per un'area fabbricabile, o un fabbricato in fase di ristrutturazione. Tutte le restanti tipologie di immobili e fabbricati, diverse da quelle elencate, prevedono un'imposta dell'80% per il proprietario. Nel caso in cui esso non abbia a disposizione l'immobile stesso, l'imposta sarà sempre dell'80% per il proprietario e in ciascuno di questi casi, se sono presenti più proprietari, il versamento deve sempre essere effettuato da uno solo di loro, con il vincolo di solidarietà.

  • tasi inquilino Nel caso sia previsto il pagamento della Tasi, l'inquilino deve versare una quota compresa tra il 10% e il 30%. La percentuale esatta viene stabilita dalla delibera comunale. Nel caso in cui questa pr...
  • storia del tartan Il tessuto scozzese, famoso come tartan, è caratterizzato da una fantasia a quadretti con colori differenti. Questo tessuto ha radici molto lontane, che affondano nella cultura scozzese e nei clan che...
  • local tax Il ministro Padoan ha recentemente annunciato l'arrivo per il 2016 di una tassa unica, la Local Tax, che avrebbe come scopo quello di diminuire la pressione fiscale sui cittadini. La Local Tax infatti...
  • tasse sulla casa Se, fino a qualche anno fa, gli italiani sentivano parlare di ICI, a partire dal 2011 con il Decreto Salva Italia (DL 201/11) firmato da Mario Monti, si parla, invece, di IMU. L'Imposta Municipale p...

WEONE sostituzione potente metallo 4W 11lb 5kg elettrico di sollevamento Magnete Tenere elettromagnete DC 12V 50N ZYE1-P25 / 20

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€
(Risparmi 9€)


Cosa paga l'inquilino

pagamento tasi La suddivisione del pagamento tra proprietario e inquilino avviene per le seconde case. L'inquilino deve avere un regolare contratto d'affitto registrato, con una durata superiore a sei mesi. La prima cosa da fare è verificare se, per il Comune in cui si trova l'immobile è previsto il pagamento della Tasi per le seconde case, o se le stesse sono esenti dal pagamento di questo tributo. Nel caso in cui sia previsto il pagamento, all'inquilino spetterà una quota di tributo compresa tra il 10% e il 30%, mentre al proprietario una quota compresa tra il 70% e il 90%. L'esatta percentuale viene stabilita da una delibera comunale, che non può prevedere, per l'inquilino, una quota inferiore al 10%. Inoltre, non è previsto il vincolo di solidarietà tra le due parti, quindi se l'inquilino non paga la sua quota, la stessa non può essere richiesta al proprietario. Perciò, l'inquilino è responsabile in prima persona e in caso di mancato pagamento, incorreranno le sanzioni. Il pagamento dell'imposta non spetta all'inquilino solo se l'importo da lui dovuto è inferiore a sei euro.


Tasi: chi la paga: Cosa pagano i coniugi separati o divorziati

pagamento tasi In genere, la casa coniugale viene assegnata ad uno dei due coniugi, separati o divorziati, molto spesso alla moglie, che ottiene anche la custodia dei figli. Quindi, il coniuge assegnatario viene considerato il titolare dell'abitazione e pertanto, gli spetta il pagamento dei tributi. Nel caso della Tasi, possono esserci due tipi di casistiche: se gli ex coniugi sono comproprietari, il pagamento riguarda entrambi, in base alle quote di possesso. Ma se l'ex coniuge a cui è stata assegnata l'abitazione non è proprietario di quote dell'immobile, la divisione del pagamento è simile a quella tra proprietario e inquilino. Quindi l'ex coniuge assegnatario deve pagare un'imposta compresa tra il 10% e il 30%, in base alle disposizioni della delibera comunale. L'anno scorso il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze)ha rilasciato delle disposizioni in merito alle quali, l'ex coniuge assegnatario, essendo titolare del diritto d'abitazione, è il solo che paga la Tasi per l'abitazione principale. Ma, non avendo queste dichiarazioni, valenza legislativa, è consigliato verificare presso il Comune di riferimento quali sono le disposizioni a riguardo e comportarsi di conseguenza.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO