Agevolazioni fiscali per i mutui

Requisiti perchè un mutuo possa godere di agevolazioni.

La legge prevede che si possano detrarre dalla dichiarazione dei redditi le spese relative agli interessi e all'accensione di un mutuo ipotecario, purchè vengano rispettati alcuni criteri fondamentali. In primo luogo, sono soggetti ad agevolazioni solo i mutui garantiti da ipoteca e destinati all'acquisto o alla ristrutturazione di una abitazione. L'immobile oggetto dell'ipoteca può, comunque, essere diverso da quello per cui si richiede il mutuo. Sono esclusi dalle agevolazioni i prestiti personali di qualunque genere e le aperture di credito con garanzia ipotecaria. In caso di acquisto, si ottengono agevolazioni fiscali solo per l'acquisto di immobili da adibire ad abitazione principale e relative pertinenze. Questo vale anche per immobili soggetti a locazione o ad usufrutto, poichè si intenda destinarli ad abitazione principale.

Le detrazioni si applicano anche in caso di un mutuo per la costruzione di una abitazione principale o per una ristrutturazione radicale che cambi completamente l'immobile iniziale allo scopo di ottenerne uno che funga poi da abitazione. Infine, si possono applicare le detrazioni anche su mutui che vengono aperti in sostituzione di altri mutui esistenti e detraibili.

mutuo

Rilevatore di fughe d' aria per migliorare l' isolamento termico della casa – Punta a fumo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


Tempistiche e limitazioni.

agevolazioni per mutuo Se l'immobile per cui si è chiesto il mutuo viene acquistato, esso deve essere adibito ad abitazione principale entro un anno dalla stipula del mutuo. In caso di ristrutturazione, si può chiedere una proroga fino a due anni. In questo caso, però, le agevolazioni fiscali saranno richiedibili solo a partire dal termine della ristrutturazione. Se l'immobile acquistato è occupato da inquilini, la notifica di sfratto dovrà essere inviata entro tre mesi dalla stipula del mutuo e andrà sempre rispettato l'anno per adibire l'immobile ad abitazione principale. Una eccezione a questa regola è ammessa dal trasferimento per motivi di lavoro occorsi dopo la stipula del mutuo o in caso di ricovero permanente in istituto di cura. In questi ultimi casi le agevolazioni fiscali restano a patto che l'immobile non venga dato in locazione. In caso di costruzione o ristrutturazione, il mutuo deve essere stipulato entro i sei mesi prima o dopo l'inizio dei lavori e si deve adibire l'immobile ad abitazione principale entro sei mesi dal termine di questi.


  • Acquistare casa Acquistare casa è senza dubbio un passo importante, ma oggi, forse più che in passato, è bene valutarne tutti gli aspetti. La casa propria consente di fare modifiche secondo propri gusti ed esigenze e...
  • mutuo casa Chi ha aperto un mutuo, generalmente per l’acquisto di un immobile che spesso è la prima casa, o abitazione principale, si trova a dover rimborsare per molti anni delle rate su cui gravano degli inter...
  • acquistare casa Al fine di agevolare l'erogazione dei prestiti, da parte degli Istituti di Credito in favore dei privati, richiesti allo scopo di finanziare l'acquisto dell'immobile, lo Stato ha predisposto un apposi...
  • Alcune note Se volessimo o se fossimo chiamati ad individuare una dei primi dieci argomenti, argomenti di ampio respiro, che si stanno diffondendo con crescente successo all’interno del nostro Paese negli ultimi ...

UniqueFire UF-1508 T75 XPE LED Super Luminosa Luce Verde Colore: Rosso/Bianco/Verde Luce LED Caccia Torcia Tattica con Luce Verde, Ideale per Caccia, Pesca, Caccia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,99€
(Risparmi 11,81€)


Importi detraibili.

agevolazioni per mutuo E' importante tenere presente che ogni anno, nella dichiarazione dei redditi, sarà possibile detrarre gli importi relativi al mutuo solo ed esclusivamente per le spese sostenute nel corso dell'anno. Vanno anche tenuti presenti i massimali di detrazione, che sono di 4000 Euro per mutuo d'acquisto e 2582,28 Euro per mutuo da ristrutturazione.

L'imponibile per la detrazione fiscale è componibile da: spese per l'istruttoria bancaria, costi di eventuali perizie, imposte sul mutuo, costi per l'atto notarile e quote di interessi sulle rate del mutuo. Il beneficio fiscale equivale ad una detrazione di imposta del 19%. In pratica, per ogni 100 Euro ammessi in detrazione, verrà ridotta di 19 Euro l'imposta IRPEF da pagare. I contraenti di un mutuo che non pagano l'IRPEF non hanno accesso alle agevolazioni.


Agevolazioni fiscali per i mutui: Particolarità e situazioni specifiche.

agevolazioni per mutuo L'importo massimo del mutuo a cui è possibile applicare le detrazioni è quello costituito dal costo dell'immobile a cui si aggiungono eventuali spese di mediazione immobiliare, notarili e fiscali relative al mutuo. Se l'importo totale del finanziamento supera questa somma, l'eccedenza sarà esclusa dalle agevolazioni fiscali. In caso di ristrutturazione, ogni anno sarà possibile detrarre esclusivamente le spese relative alla frazione di mutuo utilizzata fino a quel momento per i lavori. In caso di mutui cointestati, il beneficio fiscale viene ripartito tra i cointestatari in misura della loro partecipazione al mutuo. Se uno dei cointestatari non ha reddito e, quindi, non paga l'IRPEF, la sua quota di agevolazioni viene perduta. Questo non si applica in caso in cui il cointestatario sia un coniuge disoccupato.

La possibilità di detrarre le spese del mutuo decade se viene meno l'utilizzo come abitazione principale, salvo i casi di trasferimento per lavoro o per ricovero permanente già menzionati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO