Batteria di pentole

Quanti pezzi contiene una batteria di pentole?

Solitamente si indica con batteria di pentole una quantità di 12 oppure di 18 elementi. Tutto dipende dalle case produttrici, le quali propongono set diversi, sia nel numero che nelle caratteristiche. Ovviamente la batteria di pentole può essere composta in autonomia, scegliendo i pezzi che più si desiderano, ma la dotazione canonica proviene spesso dalla stessa casa produttrice. Tipica dei regali di nozze e del 'corredo' di un tempo, la batteria di pentole da cucina deve contenere degli elementi indispensabili. Essi sono innanzitutto le casseruole, proposte in tre diverse misure. La misura delle pentole si definisce con il diametro, per cui le casseruole della batteria devono avere tre differenti diametri: 16 cm, 22 cm e 26 o 28 cm. La stessa regola vale per le padelle, le quali devono presentarsi almeno di due misure diverse. Nella batteria di pentole classica si inseriscono almeno due tegamini e un bollitore per acqua e latte. Completa la serie una bistecchiera, due pirofile di diversa dimensione, una pentola cuoci pasta, dotata di scola pasta integrato e una tortiera.
Batteria di pentole

Batteria da Cucina Cook D'Lux (12 pezzi) Pentole Acciaio Inox Design

Prezzo: in offerta su Amazon a: 80,51€


I pezzi 'accessori' della batteria di pentole

batteria di pentoleLe pentole indispensabili non possono mancare in cucina, in quanto servono a preparare i cibi a seconda della tipologia e del metodo di cottura preferito. Ad esse possono essere affiancate delle pentole più particolari, ma ugualmente utili, oppure aggiungere pentole classiche in misure diverse, per disporre degli strumenti giusti in base alla quantità di cibi da cuocere. E' questo il caso delle tortiere, che possono essere di forma e di diametro diverso, oppure dei tegamini, i quali possono essere scelti dalla misura più piccola fino alla taglia extra large. Tutto dipende dalle esigenze famigliari, in quanto più persone vivono in casa e più grandi dovranno essere le pentole. Tra gli elementi accessori si inseriscono la pentola a pressione, la casseruola a doppia parete per il bagnomaria, la pesciera e la vaporiera. Tutte queste pentole sono molto utili e comode e vanno scelte in base ai metodi di cottura preferiti. E' infatti inutile acquistare una pesciera se non si cucina quasi mai il pesce, mentre valutare l'acquisto di un bel wok in ghisa può diventare un investimento per chi ama i metodi di cottura veloci e ispirati alla tradizione orientale. La regola comune nella scelta della batteria di pentole è quella di affidarsi a case produttrici di comprovata esperienza. Probabilmente il costo iniziale sarà maggiore, ma è meglio investire all'inizio che non vedersi costretti a cambiare pentole ogni sei mesi!

BATTERIA DI PENTOLE BAVARIA 24 PEZZI IN ACCIAIO INOX 18/10

Prezzo: in offerta su Amazon a: 127€


Batteria di pentole: Quali materiali per la batteria di pentole?

Un tempo le pentole erano costruite in rame oppure in terracotta, materiali che da comuni si sono trasformati al giorno d'oggi in costose alternative all'acciaio. La versione inox del metallo è di gran lunga il materiale più usato nella costruzione di pentole, in quanto è resistente alle alte temperature, non è particolarmente pesante da maneggiare e si presenta facile da pulire. Esistono comunque delle alternative molto valide all'acciaio, quali la ceramica e l'alluminio. Quest'ultimo chiede di essere scelto se si possiede una buona manualità in cucina, in quanto conduce in modo più potente il calore e può essere attaccato dagli acidi di alcuni cibi. Molti chef usano l'alluminio, perché cuoce in modo più profondo e in minor tempo rispetto all'acciaio, ma bisogna fare attenzione alla temperatura e a non lasciare i cibi all'interno della pentola, perché potrebbero ossidarsi. Un'alternativa ai metalli è rappresentata dalla ceramica, materiale che richiede un pò di tempo per riscaldarsi, ma che ha un'ottima resa in termini di cottura. Dedicata ad una cucina 'light', la ceramica non necessita di particolari condimenti in cottura e possiede un'antiaderenza innata. La sua struttura è comunque delicata e, come accade per le pentole antiaderenti in teflon, non deve essere graffiata con strumenti appuntiti. A tal scopo chi prevede di acquistare una batteria di pentole in ceramica o in materiale antiaderente, deve mettere in preventivo l'acquisto di utensili in plastica o in silicone, per rimestare i cibi senza intaccare e rovinare la superficie delle pentole.



COMMENTI SULL' ARTICOLO