Pialla

La pialla un attrezzo di antiche origini

La pialla era un utensile molto pregiato per la lavorazione del legno e veniva impiegato dai falegnami per spianare le superfici, squadrare i lati, rimuovere trucioli e levigare. Le prime pialle rinvenute in alcuni scavi archeologici, avevano una struttura realizzata da una suola di metallo affilato ed il corpo centrale in legno con un'impugnatura rudimentale. Di questi strumenti si persero le tracce nel periodo oscuro del Medioevo e riapparvero come per magia con l'inizio del Rinascimento. Tutte le botteghe dei maestri ebanisti- falegnami erano dotate di questi strumenti indispensabili nella lavorazione del legno. L'evoluzione della pialla si ebbe però nell'Ottocento e la caratteristica che la contraddistingueva dagli utensili precedenti, era rappresentata dalla realizzazione con parti centrali dei tronchi di faggio che venivano stagionati per un periodo di almeno tre anni. Il pezzo una volta pronto veniva scelto con la venatura che andava dalla parte anteriore a quella posteriore e gli si praticava un foro in cui veniva alloggiata la lama. La cavità per la lama era realizzata nella parte inferiore con una angolazione fissa di 45° ed un'apertura con un'ampiezza tale da permettere tagli precisi. Ai lati venivano realizzati due recessi in cui si inseriva il cuneo di blocco. Queste tecniche di produzione si sono tramandate fino ai nostri giorni con la realizzazione di modelli per ogni tipo di lavorazione.
pialla

Connex COXT898000 - Pialla con 10 lame

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,56€


Tipologie di pialla: da manuali a motore

piallaEsistono pialle di diverso tipo, realizzate in funzione del lavoro che dovranno svolgere. Tra quelle più comunemente usate troviamo quelle manuali. Oggi possono essere prodotte in metallo, in legno oppure miste con corpo in metallo e legno. La struttura della pialla manuale è costituita dal ceppo, dall'impugnatura, dalla suola, dalla feritoia, dalla lama o coltello e dal cuneo o lardone. La lavorazione a pialla consente di asportare uno strato di legno con spessore variabile chiamato truciolo. Regolando la lama, lo spessore della parte asportata sarà equivalente alla parte sporgente affilata. Per la regolazione della lama si utilizza il mazzuolo e lo si batte sulla parte posteriore del ceppo. Invece per far sporgere la lama si batte sul ferro e per bloccarla, sul cuneo. Tra le pialle a lavorazione manuale, i modelli più conosciuti sono quelli per sgrossare, il pialletto di finitura, il piallone, la pialla a lama dentata, le pialle utilizzate dai bottai, le sponderuole e gli incorsatoi. Poi esistono anche le pialle per superfici curve, concave o convesse, dette anche pialle a compasso create per le lavorazioni particolari delle botti. Dalla lavorazione manuale si passa poi alle pialle professionali a motore che sono rappresentate da quelle a filo, a spessore e combinate, fino ad arrivare al pialletto elettrico.


  • utilizzo pialla elettrica Le pialle sono degli utensili utilizzati per lavorare il legno. La loro nascita risale a moltissimo tempo fa: in alcune opere figurative egizie sono presenti dei falegnami proprio durante l’ atto del ...
  • Pialla a filo Iniziamo con il dire che la pialla a filo rientra nella categoria delle pialle a motore, ovvero delle pialle azionate da un motore elettrico. La pialla a filo si presenta come un banco di lavorazione ...
  • pialla per legno Esistono diversi tipi di pialle a mano o elettriche, entrambe offrono ottimi risultati se usate nel modo giusto. Per i pezzi di legno piccoli la pialla a mano va benissimo, mentre per quelli più grand...
  • termosifoni Il riscaldamento dell'abitazione è sicuramente un argomento molto vasto, infatti in questa sezione andremo a parlare del riscaldamento della casa a 360 gradi.Vi starete chiedendo però, precisamente ...

Kakuri - Pialla manuale giapponese Kanna, 42 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,99€


Campi di applicazione delle pialle manuali

piallaLe pialle manuali più utilizzate sono sicuramente quelle per sgrossare, infatti vengono utilizzate per la sgrossatura di tavole rozze. Poi troviamo il pialletto a finire, che è utilizzato, come il nome stesso lo descrive, per rifinire le superfici del legno. Invece il piallone è solamente un pialletto molto più lungo e consente di eseguire rettifiche su grandi superfici e fili diretti sulle tavole. Proseguendo nell'elenco possiamo trovare la pialla a lama dentata, che grazie alle scanalature realizzate sul coltello, consente di eseguire la preparazione di superfici da impiallacciare. Uno strumento molto singolare è invece quello della pialla da bottai che consente di effettuare lavorazioni di pezzi curvi come le doghe, impiegate nella realizzazione di botti e tini. Per la regolazione della sporgenza della lama il pialletto a registro è equipaggiato di viti di registro che ne consentono lo spostamento. Per la realizzazione di modanature, incastri e battenti vengono normalmente usate le sponderuole, che grazie alla caratteristica della lama con la stessa larghezza del corpo della pialla permette la fuoriuscita dei trucioli dall'apertura posta ai lati. Per costruire le cornici, invece si ricorre agli incorsatoi che sono simili alle sponderuole, però hanno la lama ed il corpo sagomati in varie forme. Le pialle manuali molto spesso sono autocostruite dai falegnami ed è possibile trovarne di tutte le taglie ed adatte ad ogni tipo di lavorazione. Alcuni modelli superano un metro di lunghezza o addirittura i due metri e mezzo. Le pialle usate dai bottai ad esempio vengono installate capovolte su dei cavalletti e superano spesso i due metri di lunghezza.


Pialla: Campi di applicazione delle pialle a motore

La tecnologia nel campo delle attrezzature per il legno si è molto evoluta e piallare fa parte da sempre della lavorazione del legno massello. Le pialle a filo sono l'esempio più rappresentativo di questa evoluzione. Infatti nascono da una progettazione raffinata, volta a svolgere lavorazioni complicate. Per ottenere condizioni di lavoro ottimali anche per pezzi di grandi dimensioni, le pialle a filo professionali sono dotate di lunghi piani in ghisa ed una grande guida in alluminio anodizzato. I piani sono realizzati in ghisa a struttura nervata ed hanno una movimentazione a parallelogramma su delle bielle specifiche, che consentono di mantenere una distanza costante tra il piano di lavoro e l'albero porta-coltelli. Con questa soluzione la regolazione del taglio e l'asportazione sono immediate e semplici. Inoltre grazie alla pesante struttura in ghisa, l'albero porta-coltelli è retto in modo sicuro e le vibrazioni sono praticamente assenti e questo consente di realizzare ottime finiture.



COMMENTI SULL' ARTICOLO