Gelsomino rampicante

vedi anche: Bonsai gelsomino

Gelsomino rampicante

Il gelsomino è una pianta arbustiva perenne che prende il suo nome dall'arabo, significa "dono di Dio" ed in molti paesi è simbolo di purezza e femminilità

Questo tipo di pianta è utilizzato in molti giardini, parchi e terrazzi per la sua grande rusticità che gli permette di adattarsi ai diversi ambienti senza aver bisogno di ricevere troppe cure o manutenzione.

Il gelsomino rampicante è una scelta che può essere fatta per molti scopi: per avere un po' di privacy chiudendo un'inferriata, per esempio, o semplicemente per abbellire un muro del giardino. Vediamo quali sono i segreti per coltivarlo.

gelsomino rampicante

RHYNCOSPERMUM JASMINOIDES O FALSO GELSOMINO VASO 18CM Sempreverde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Esposizione

gelsomino rampicante Si possono scegliere diverse varietà di gelsomino rampicante: tutte sono caratterizzate dai profumatissimi fiori bianchi. Il gelsomino non è solo di tipo rampicante ma, se scegliamo quest'ultimo, dobbiamo tener presente che può arrivare a un'altezza che supera i quattro metri: l'idea per abbellire il giardino o il terrazzo, o anche per creare una barriera verde contro gli sguardi dei passanti.

Il gelsomino desidera però un clima caldo: non è quindi indicato per vivere nelle zone in cui l'inverno è molto rigido, e in cui il termometro rimane sotto lo zero molto a lungo. Per questo, è meglio piantare i gelsomini in una zona del giardino nella quale possano ricevere la luce diretta del sole, non sottoposta alle raffiche di vento.

  • gelsomino Tra le varie occupazioni che rientrano sotto il nome di fai da te, una è quella del giardinaggio, un' attività che richiede impegno e dedizione ma che, allo stesso tempo, è in grado di ripagare appien...
  • gelsomino Il Gelsomino, il cui nome scientifico è Jasminum, è una pianta che appartiene alla famiglia delle Oleaceae, portamento arbustivo- rampicante. Si tratta di un genere che comprende varie specie, circa 2...
  • fiori di gelsomino Il fiore del gelsomino, deriva la sua nomenclatura dal latino “Jasminum”. Appartenente alla famiglia delle Oleaceae , il gelsomino, presenta un andamento rampicante, con un arbusto sottile e morbido e...
  • gelsomino Il termine Gelsomino deriva dalla parola yasamin, un termine persiano. Si dice che questa popolazione ne traesse un olio, appunto detto olio di gelsomino, che veniva offerto in dono agli invitati dei ...

Tenax 72180298 Corolla Rete in plastica per piante rampicanti 500 x 50 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Il terreno e la messa a dimora

gelsomino rampicante È possibile mettere a dimora i gelsomini direttamente in campo o, se si preferisce, in un vaso. In questo caso è bene scegliere vasi di terracotta, che favoriscono l'ossigenazione del terreno e delle radici, e un terriccio ricco di sostanze nutritive e drenante (si consiglia di porre sempre dei sassolini o delle palline di argilla espansa alla base del vaso, per garantire il drenaggio). Il terreno drenante è fondamentale in ogni caso: il ristagno di acqua è pericoloso per le radici della pianta, perché potrebbero farle marcire, causando la morte del gelsomino.

È meglio piantare i gelsomini all'inizio della primavera, a marzo: nelle zone più calde, la piantumazione si può effettuare anche a febbraio.Nel caso in cui si decida di tenere in vaso le piante del gelsomino, è necessario procedere a un'operazione di rinvaso ogni colta che le radici saranno cresciute troppo, occupando tutto lo spazio permesso dal vaso: i gelsomini crescono rapidamente, così come le loro radici. Bisogna quindi fare in modo che lo spazio a disposizione sia sufficiente, sostituendo il vaso con uno più ampio.


La crescita e i sostegni

gelsomino rampicante Sia che si coltivi il gelsomino in vaso, sia che lo si coltivi in campo aperto, la versione rampicante avrà bisogno di sostegni ai quali aggrapparsi durante la crescita. Al momento in cui si piantano i germogli, vi si possono già sistemare accanto i sostegni: si possono utilizzare gli appositi sostegni per piante che si trovano nei negozi di articoli per il giardinaggio (disponibili in diverse varietà e colore, se desideriamo realizzare una siepe che rispetti alcuni canoni estetici). In alternativa, vanno bene anche canne o bastoni. Le piante dovranno essere legate via via che crescono, son fili in rafia naturale (un materiale che permette di legare le piante senza danneggiarle). Bisogna fare attenzione a legarle strettamente, ma senza procurare delle lesioni al fusto.


Irrigazione

gelsomino Per quanto riguarda l'irrigazione, bisogna seguire alcune semplici regole. Il gelsomino non ha bisogno di molta acqua: le annaffiature dovranno essere più frequenti nella stagione estiva, e quasi assenti in quella invernale. È sufficiente bagnare il terreno una volta che questo risulti asciutto e secco al tatto. Quando si annaffiano i gelsomini rampicanti, bisogna evitare di bagnare il fusto o le foglie della pianta, limitandosi a far cadere l'acqua sul terreno. Il gelsomino cresce rapidamente: per aiutarlo sarà dunque opportuno procedere con la fertilizzazione del terreno (soprattutto nel periodo della fioritura): ogni tre settimane circa, si può disciogliere nell'acqua dell'annaffiatura un po' di concime liquido, ricco di sostanze nutrienti.

In inverno, per prevenire i danni da gelate è possibile coprire il terreno con della paglia, per tenere protette le radici contro il gelo.


La potatura

La potatura è una delle operazioni più importanti per la crescita del gelsomino rampicante. Lo scopo è quello di fare in modo che la pianta sviluppi sempre nuovi rami, in modo da farla crescere rigogliosa sul sostegno che abbiamo preparato, sviluppando ogni anno molti fiori. Per i primi tre anni di vita della pianta è infatti necessario tagliare i rami alla cima, in modo che facciano nascere i rami laterali, che a loro volta andranno tagliati. Ogni nuovo ramo svilupperà germogli e fiori: in questo modo, ci accerteremo che il gelsomino rampicante formi una buona copertura per il luogo in cui abbiamo deciso di porlo.

La potatura ha anche un altro scopo: nel caso in cui si sia pensato di dare al gelsomino rampicante una forma precisa, è necessario tagliare tutti i rami che non rispettano questa forma. In questo modo, la pianta rispetterà quelli che erano i nostri progetti. Con gli interventi di potatura bisogna anche andare a eliminare i rami secchi o malati, che potrebbero diventare facile preda di funghi e parassiti. Questo tipo di potatura deve essere effettuata dopo il periodo di fioritura della pianta, in modo da vedere bene la situazione di ogni ramo, non più coperto dai fiori.


Le malattie

gelsomino rampicante Il gelsomino è una pianta molto resistente alle malattie e agli attacchi di funghi e parassiti. A volte però può succedere che la pianta mostri segni di sofferenza: è dunque bene controllarla spesso, per poter notare in tempo eventuali lezioni o presenza di muffe.

Le muffe e i funghi sono infatti i nemici del gelsomino, insieme a insetti come gli afidi. Nel caso in cui si notino segni di sofferenza della pianta, lesioni o foglie che appassiscono, è necessario munirsi di appositi prodotti per la cura del gelsomino, disponibili nei negozi specializzati in articoli da giardinaggio.



Guarda il Video
  • gelsomino Il Gelsomino è una pianta arbustiva perenne ed appartiene al genere Jasminum della famiglia delle Oleaceae dove fa parte
    visita : gelsomino
  • gelsomino rampicante Il Gelsomino rampicante è una pianta a rapida velocità di crescita, in grado a sviluppare un'ampia vegetazione; per ques
    visita : gelsomino rampicante
  • gelsomino in vaso ho comprato un gelsomino da vaso aveva tanti fiori si stava seccando ho cambiato vaso con uno più grande ma, ormai è una
    visita : gelsomino in vaso
  • gelsomino siepe La siepe si può realizzare con tantissime specie di piante. Mentre gli uomini optano spesso per l’alloro, le signore pr
    visita : gelsomino siepe

COMMENTI SULL' ARTICOLO