Orto, progettazione

Scegliere dove creare l'orto

A meno di non voler cavalcare le ultime tendenze e scegliere di realizzare il proprio orto sul balcone di casa o sul terrazzo condominiale, la prima delle operazioni da definire è proprio la scelta di dove localizzare il nostro orto. Le verdure e le piante aromatiche hanno bisogno di un luogo soleggiato, con una buona ventilazione, non esposto a venti troppo violenti nè sbalzi di temperatura repentini. E' quindi necessario tenere presenti tutti questi fattori prima di mettere mano a zappe e vanghe. E' altresì importante, nella fase della progettazione, tenere conto della vicinanza di fonti d'acqua, così da non dover sfacchinare con i secchi e le pompe avanti e indietro. Alla luce di tutti questi elementi va da sè che per comodità sarebbe bene scegliere di iniziare a coltivare un'area non troppo distante dalla nostra abitazione. Di gran voga, negli ultimi anni, gli orti collettivi, che mettono insieme diversi coltivatori coinvolgendoli nella cura di un pezzo unico di terreno. In questo modo il lavoro di manutenzione sarà più semplice da eseguire, visto che spalmato su diverse braccia.

coltivare orto

Boddingtons - Tessuto per il controllo delle infestanti, 1 x 100 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 56,4€


Le geometrie dell'orto, come disegnarlo

esempio di orto Una volta stabilito il luogo a cui affidare la crescita di pomodori e lattughe, bisogna procedere con la divisione degli spazi, bisogna, in altre parole, disegnare l'orto. Tale divisione e distribuzione dello spazio va fatta seguendo due regole di base: la prima riguarda il numero di persone che si nutriranno attraverso quell'orto, i loro gusti, le loro esigenze. In secondo luogo la geometria deve seguire un criterio razionale: non vanno cioè affiancate tra loro piante che registrano una difficile 'convivenza', che magari non vivono bene nello stesso terreno. Mettere vicine piante che hanno necessità diverse rischierebbe di far andar a monte l'intera coltivazione. Bisogna inoltre tener presente che periodicamente va effettuata la rotazione, in maniera tale che il terreno si rigeneri e rinasca a nuova vita: in quest'ottica è bene che le aree destinate alla coltivazione siano più o meno simili tra loro per quadratura, in modo da non avere sorprese nel suddetto periodo della rotazione, appunto.


    4 * 10 M Impianto Compensazione Per Gli Uccelli Cervo o Piccoli Animali / Durevole & Heavy-Duty e Flessibile e Proteggere le Piante, Alberi e Arbusti

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,98€
    (Risparmi 8,02€)


    Cosa seminare?

    esempio di orto Una volta stabilite le aree di pertinenza, quello che è importante è progettare le semine dell’orto. Si tratta di una fase non solo determinante, ma anche divertente, stimolante, dal momento che richiede di mettersi su con carta e penna a stilare un vero e proprio calendario delle semine e dei raccolti. Operazioni che, proprio per questo, è bene che siano molto chiare e precise già prima di iniziare il lavoro. La scelta sui semi si basa sui gusti personali, certo, ma anche su quali siano le piante o i frutti che possono facilmente trasformarsi in conserve, così da poter avere prodotti sani, freschi e fatti con le nostre mani, a disposizione tutto l'anno. In questo senso è bene dotarsi anche di altri strumenti oltre alla zappa e alla vanga: i libri, i prontuari della semina. sarà necessario essere molto preparati prima di mettere mano a dissodare le zolle di terreno.


    Orto, progettazione: Gli strumenti del mestiere

    attrezzo per coltivazione Una volta stabiliti la posizione, il tipo di semi da piantare, e le aree in cui dividere il terreno è ora il momento di mettere mano ai 'ferri del mestiere'. Un aiuto per iniziare, specie se non si è particolarmente in forze, è dato dalla motozappa, uno strumento meccanico che aiuta non poco nelle operazioni agricole dal momento che riesce agevolmente a sminuzzare, triturare e infine rigirare le zolle di terreno, così che si rigeneri e che le aree infertili prendano il posto di quelle produttive -e viceversa. Grazie alla motozappa, si diceva, si riduce la fatica al minimo, ma sono ugualmente necessari anche vanga, zappa, rastrello, pala (o badile) un annaffiatoio o comunque una tubo collegato a un rubinetto e un bastone per fare i buchi nel terreno. Una volta che saremo pronti con tutto il necessario per scavare e seminare, l'orto non avrà più misteri. E' tuttavia utile, se abbiamo dei dubbi o delle difficoltà, chiedere aiuto a chi ci sta vicino, senza peccare di presunzione. In fondo non è vero che l'erba del vicino è sempre la più verde?


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO