Lavori nell'orto di Gennaio

Gennaio: un mese di riposo per l'orto

Gennaio è uno dei mesi più freddi dell'anno. Sin dai tempi più antichi, i contadini utilizzavano questo mese per poter tirare le somme e fare un bilancio dell'anno appena concluso. I lavori nell'orto del mese di gennaio sono pochi: ci si limita a pianificare l'attività, preparando il terreno per la semina e studiando come far ruotare le colture.

Gennaio è un mese in cui i lavori agricoli si riducono notevolmente, anche a causa della brevità del giorno e si dedica anche alla protezione delle piante seminate nei mesi precedenti, per evitare che il freddo intenso dell'inverno possa danneggiarle irrimediabilmente, compromettendo il raccolto.

Anche a livello di produzione, gennaio è un mese abbastanza particolare: la raccolta si limita alle verdure verdi a foglia, erbe aromatiche e ad alcuni frutti invernali.

Lavori nell^orto di Gennaio

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre – 6 varietà da coltivare – Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


I lavori dell'orto in gennaio

lavori dell'orto in gennaioPer poter organizzare la produzione dell'anno appena iniziato, è conveniente disegnare su un foglio una mappa dell'appezzamento di terreno coltivato e, quindi, di suddividere il tutto in tanti appezzamenti di terreno quante colture si desiderano effettuare.

Un buon agricoltore conserva sempre le mappe dell'orto, in modo che anno dopo anno può comprovare quali coltivazioni ha effettuato in ogni singola porzione d'orto. Così facendo, può scegliere di volta in volta quale è la coltura migliore per ogni porzione, per assicurare al terreno il giusto apporto di azoto e di altri elementi nutritivi, evitandone l'impoverimento e migliorando la produzione.

Effettuare la rotazione delle colture, sin dal Medio Evo, è considerata la miglior strategia per migliorare la produttività. Al tempo stesso, questo accorgimento riduce l'incidenza di parassiti e malattie. Cambiando la coltivazione su di un determinato appezzamento infatti, si evita che possano attecchire di maniera endemica i parassiti di un determinato tipo di coltura.

A gennaio è bene anche effettuare un bilancio complessivo dell'anno appena concluso. Sapendo quali colture hanno dato buoni risultati e quali invece sono risultate poco convenienti, è possibile conoscere in anticipo dove è necessario concentrare i propri interventi. Al tempo stesso, si potrà valutare se alcuni 'esperimenti' o alcune coltivazioni nuove introdotte risultano o meno redditizie.

  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • carote Spesso, chi si occupa di giardinaggio “fai da te” , decide di coltivare, piuttosto che le varie piante ornamentali, un vero e proprio orticello. Questa scelta può essere motivata da molti fattori, spe...
  • zucca La zucca è una pianta propria dell' America centrale, anche se i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico, e risalgono al 7000 circa a.C. E' stata importata in occidente subito dopo la scopert...
  • Alcune note Mettere a punto il progetto di un orto rappresenta qualcosa di molto interessante e, allo stesso tempo, qualcosa di molto positivo e assolutamente fattibile per una porzione sempre crescente di italia...

Roleadro Led Grow 54W Coltivazione Indoor Impermeabile IP65 con Rosso e Blu 55CM Led Piante Lampada in Grow Box Idroponica Indoor

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


La preparazione del terreno e la semina

A partire dalla terza settimana di gennaio, si può iniziare a preparare il terreno per la semina.

E' importante tener presente che, minore è il rischio di gelata, maggiori sono le possibilità che il lavoro fatto vada a buon fine.

Per poter preparare il terreno per la semina, è importante svolgere alcune operazioni preliminari. In primo luogo, il terreno va liberato completamente dai residui delle piante coltivate l'anno precedente, che devono essere estirpate. Le piante estirpate possono ovviamente essere raccolte in un angolo, fatte macerare e quindi produrre concime, da utilizzare nel giro di alcune settimane.

Una volta estirpate le vecchie piante, il terreno va vangato in profondità: così facendo, si arieggerà il sottosuolo, favorendo l'azione di lombrichi e altri animali che, smuovendo la terra, ne migliorano la produttività.

Al tempo stesso, vangare consentirà al freddo di penetrare nel terreno, uccidendo la maggior parte dei parassiti.

Il terreno appena vangato può poi essere concimato con prodotti a base di potassio, fosforo e azoto.

La semina in gennaio è possibile solamente nelle regioni più calde.

Nelle aree più fredde (Italia centro-settentrionale, aree collinari e montuose) la semina dovrebbe essere fatta in un apposito semenzaio, meglio se conservato in una serra.

Una volta germogliate, dopo poche settimane, le piante possono essere messe a dimora.

In alternativa, è possibile comprare le piantine già germogliate e piantarle in primavera.

Per quel che riguarda i piccoli orti su balconi e terrazze, si possono seminare piante come rucola, lattuga, ravanelli, carote, radicchio, erba cipollina, basilico, prezzemolo e valeriana.


Lavori nell'orto di Gennaio: La raccolta

Gennaio è un mese in cui la raccolta si limita a pochi tipi di piante: essenzialmente verdure da foglia (catalogna, bietole, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, cavoli, verze, indivia, finocchi, porri, ravanelli, radicchio, spinaci, sedano, rapa, topinambur); erbe aromatiche (origano, salvia, timo, rosmarino, alloro), frutta invernale (arance, mandarini, mandaranci, pompelmi).


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO