Coltivazione timo

Coltivazione timo

Il timo appartiene alla famiglia delle Labiatae, ha un fusto molto ramificato alto una trentina di centimetri con i rami sottili di colore verde-giallastro o verde-biancastro e foglie piccole, ovali, con margini leggermente piegati. I fiori sono riuniti in infiorescenze terminali. Il timo si contraddistingue in due specie principali: il vulgaris ed il serpyllum ; il primo è originario dell’area mediterranea, mentre il secondo è diffuso allo stato spontaneo nelle altre regioni d’Europa ed in quelle occidentali e centrali dell’Asia. Il thymus vulgaris preferisce terreni argillosi o calcarei e può prosperare fino a 1500 metri di altitudine (ad altezze superiori raramente entra in fioritura). Il thymus serpyllum è una pianta polimorfa di tipo erbaceo perenne, comunissima nei luoghi incolti montani e submontani e viene largamente usata per aromatizzare le pietanze. I fusti striscianti sono dotati di radici avventizie di colore bianco-rosato, porporino o lilla-violetto, presenti da giugno ad ottobre. Da questa specie sono derivate due varietà particolarmente interessanti: la citriodora, che emana un gradevolissimo profumo di limone e le foglie hanno un largo margine giallo dorato, e l’atropurpurea con foglie di colore porpora scuro molto ornamentali. Ambedue le specie di timo si riproducono per divisione dei cespi, il metodo più facile di moltiplicazione. Le sommità fiorite del timo volgare, chiamate in farmaceutica thymi herba, sono ricche di un olio essenziale composto prevalentemente da timolo e carvacrolo; l’olio essenziale che si ricava dal thymus serpyllum è invece ricco principalmente di cimolo, oltre che di timolo e carvacrolo.Una specie di timo considerata alpina è il thymus striatus presente fino a 2000 metri di altitudine nei luoghi montani, in Istria, sull’Appennino centro meridionale e sui rilievi montuosi della Sicilia.

timo

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


TIMO: COLTIVAZIONE

Il clima migliore per la coltivazione in orto del timo è quello temperato delle zone mediterranee; tuttavia esso cresce un po’ dappertutto senza dimostrare particolari esigenze. Per la coltivazione bisogna evitare i ristagni di acqua, quindi le innaffiature pur abbondanti devono essere ben distribuite e possibilmente tramite irrigatore nebulizzante. Al momento della semina è fondamentale la scelta di un luogo esente da zone ombreggiate in quanto predilige costanti esposizioni ai raggi del sole. Se procediamo alla coltivazione per seme questa avviene in tarda primavera ossia verso la fine di aprile e quest’ultimi vanno raccolti in un semenzaio. In questo caso si prende una cassetta rettangolare di circa quaranta centimetri di lunghezza con all’interno terriccio e sabbia fine. Il semenzaio va protetto, non va esposto a correnti di aria, deve essere conservato in un luogo con umidità costante e ad una temperatura intorno ai venti gradi. L’innaffiatura deve essere frequente ed abbondante. E’ importante quando si acquista o si costruisce il contenitore che funge da semenzaio assicurarsi che ci sia la possibilità di coprirlo. La forma più semplice è una cassetta di legno con coperchio di vetro fissato a cerniera in modo da aprirlo e chiuderlo ogni qualvolta è necessario. Nei centri di giardinaggio possiamo trovarli già completi. La temperatura va monitorata utilizzando anche un vecchio termometro.

  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • carote Spesso, chi si occupa di giardinaggio “fai da te” , decide di coltivare, piuttosto che le varie piante ornamentali, un vero e proprio orticello. Questa scelta può essere motivata da molti fattori, spe...
  • zucca La zucca è una pianta propria dell' America centrale, anche se i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico, e risalgono al 7000 circa a.C. E' stata importata in occidente subito dopo la scopert...
  • Alcune note Mettere a punto il progetto di un orto rappresenta qualcosa di molto interessante e, allo stesso tempo, qualcosa di molto positivo e assolutamente fattibile per una porzione sempre crescente di italia...

Fioriera In Legno + Lavagna Coltivazione Basilico Prezzemolo Timo 34x12x53h Orto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


TIMO: CONCIMAZIONE E MANUTENZIONE

timo Il timo come tutti i prodotti dell’orto, deve crescere sano ed abbondante ed è quindi importante concimare la terra in modo che possa nutrire la pianta nel migliore dei modi. Oggi esistono dei concimi chimici già pronti, tuttavia si possono utilizzare delle tecniche usate quando i concimi sintetici non esistevano. Quindi la scelta del letame e degli escrementi animali rimane la pratica migliore da adottare nella concimazione dell’orto, perché le sostanze organiche e nutrienti sono già ricche di elementi che spesso nei concimi chimici non sono disponibili e pertanto sui usano degli integratori. Nel caso specifico del timo è necessario un letame non troppo leggero, mescolato a torba sminuzzata che è l’ideale per una concimazione nutriente. La torba infatti svolge in questo caso un effetto spugna, mantenendo costante l’umidità del terreno proprio come avviene nella fase di germogliazione dei semi.


TIMO: FIORITURA

timoQuando le piantine si sono sviluppate a seguito della germogliazione dei semi raccolti, si possono finalmente piantare nell’orto. Le distanze di ogni singolo impianto deve essere di circa quaranta centimetri tra ogni fila. Una volta che la pianta di timo sviluppa definitivamente le parti floreali, si può quindi procedere alla raccolta. Questa interessa le foglie e le profumate parti floreali generalmente rosate, che vengono comunque asportate d’estate proprio all’inizio della fioritura. Il timo può essere usato fresco oppure conservato essiccato in vasetti di vetro. E’ tuttavia fondamentale tenere sempre la zona coltivata pulita dalle erbe infestanti, per evitare la proliferazione dei parassiti. Il timo è facile da coltivare anche in un vaso sul davanzale della finestra per cui in casa (visto i molteplici usi nell’arte culinari), si può tenere sempre una certa quantità senza doverla comprare quando se ne ha bisogno. Se decidiamo di far essiccare le foglie, queste vanno tenute all’ombra e all’aria aperta. Tra i particolari usi curativi, il timo è indicato come digestivo, antisettico e cicatrizzante. Tra le varie specie di timo esistono alcune di minore importanza come il thymus pulegoides che però è considerato unicamente pianta ornamentale e dopo circa due o tre anni, produce un simpatico cuscino di fiori che in piena fioritura ricorda l’aubretia.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO