Coltivazione ravanelli

Coltivazione ravanelli

Il ravanello è una pianta, il cui frutto si distingue, non solo per la forma ed il colore, ma anche per il caratteristico sapore fresco ed aromatico. Queste peculiarità, rendono il ravanello largamente utilizzato in cucina, per la guarnizione di piatti, come gli antipasti o i secondi, e per condire ed arricchire insalate e contorni freschi. Dallo stesso ravanello, si ricava anche un olio, molto leggero, e una salsetta particolarmente aromatica, molto diffusa nelle cucine orientali. I ravanelli possono assumere una forma tondeggiante o allungata e possono presentarsi in due colorazioni, bianchi o rossi. I ravanelli possono essere coltivati in vaso, anche se preferiscono il terreno –infatti la coltivazione in orto risulta essere ideale-. Questa pianta, non va esposta direttamente al sole, poiché potrebbe seccarsi, e allo stesso tempo, va tutelata dalle piogge torrenziali; il clima ideale che favorisca la sua crescita è un clima temperato e mite. Il terreno deve presentare delle caratteristiche particolari. Deve essere composto da sabbia, ghiaia e torba, ma privo di argilla; inoltre il terreno dovrà essere particolarmente spugnoso e drenante. Il terreno non necessita di una particolare forma di preparazione: sarà solo necessario smuovere la terra con una moto zappa se si tratta di un piccolo orto, o con un aratro se si tratta di un grosso appezzamento di terreno. Il terreno una volta smosso, andrà concimato con dell’organico e lasciato a riposo. La semina del ravanello, un po’ come quella del porro, va eseguita ad una distanza minima di pochi centimetri: le piante poco vigorose e prive di foglie, saranno poi eliminate per lasciare spazio alle altre piante forti. I semi di ravanello possono essere piantati in tutti i periodi dell’anno, poiché l’ortaggio, presenta una crescita costante. L’irrigazione dovrà essere costante in quanto un eccesso di acqua, causerebbe problemi, e allo stesso tempo, una scarsa irrigazione, porterebbe alla lignificazione del fusto della pianta stessa. I ravanelli andranno raccolti dopo circa un mese dalla semina, estirpando completamente la pianta dalla radice, è importante rispettare tutte le regole inerenti alla coltivazione, per evitare che l’ortaggio secchi. I ravanelli come qualsiasi altro tipo di pianta, temono l’attacco di insetti di diverso genere, e per questo, è necessario usare un antiparassitario ed un insetticida. Questo tipo di ortaggio, può essere coltivato anche in vaso, scegliendo la giusta misura nel diametro e nell’altezza del vaso stesso e prestando molta attenzione al clima, al terreno, all’irrigazione.
Coltivazione ravanelli

AmgateEu 2-Pack – Sacca per la coltivazione di ortaggi, vasca con patta di accesso per raccolta, Eco-friendly impermeabile pe

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,97€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO