Coltivazione origano

Coltivazione origano

L'Origanum vulgare, comunemente conosciuto col nome di origano è una pianta dalle spiccate proprietà aromatiche e spesso utilizzata nella tradizione culinaria del Mediterraneo. Questa pianta fa parte della famiglia delle Lamiaceae ex Labiate ed ha un portamento prevalentemente erbaceo, cespuglioso e cresce in zone anche molto aride e assolate, fino ad un'altitudine di 2000 metri sopra il livello del mare.

Il fusto dell'origano è eretto e può raggiungere quasi il metro di altezza, si presenta con un bel colore rossastro nella porzione più apicale e ha la caratteristica di essere ricoperto da un fitto strato di piccoli e sottili peli.

Questo fusto è dotato di foglie verticillate con forma lanceolata e dai margini lisci che si uniscono ad esso attraverso un picciolo di lunghezza ridotta.

I fiori creano quasi delle infiorescenze poichè sono raccolti alla sommità dei rami. Il loro colore può variare dal bianco al rosa per giungere anche al rosso; sono dotati di brattee rossastre e sono ermafroditi, cioè possiedono sia le strutture maschili che quelle femminili. Necessitano di un'azione di impollinazione che viene compiuta prevalentemente da insetti e viene quindi chiamata entomofila.

Il frutto è una piccola capsula di colore molto scuro.

Questa pianta è conosciuta già da secoli, addirittura ne vengono fatti degli accenni da alcuni dei più importanti filosofi latini che già ne sfruttavano le proprietà medicinali e che li utilizzavano anche in cucina.

origano

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


COLTIVAZIONE PREMESSE

origano Nonostante queste piante crescano spontaneamente è possibile, ed è diffusissima questa pratica, poterle coltivare anche nei propri giardini. Il presupposto è quello di coltivarle in ambiente aperto, fresco e soprattutto attraverso l'uso di un terreno con spiccate capacità drenanti.

La sua diffusione è legata agli usi che se ne possono fare, tra cui, oltre quelli elencati in precedenza, vi è quello ornamentale grazie alla presenza di fiori molto graziosi e profumati.

Le dimensioni della pianta non sono notevoli così da permettere, anche a chi ha piccoli spazi a disposizione, di poterla coltivare in tutta serenità.

  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • carote Spesso, chi si occupa di giardinaggio “fai da te” , decide di coltivare, piuttosto che le varie piante ornamentali, un vero e proprio orticello. Questa scelta può essere motivata da molti fattori, spe...
  • zucca La zucca è una pianta propria dell' America centrale, anche se i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico, e risalgono al 7000 circa a.C. E' stata importata in occidente subito dopo la scopert...
  • Alcune note Mettere a punto il progetto di un orto rappresenta qualcosa di molto interessante e, allo stesso tempo, qualcosa di molto positivo e assolutamente fattibile per una porzione sempre crescente di italia...

MAGS Vertriebs GmbH, Sow and Grow Pizza Chef, kit per bambini per coltivazione pomodoro, basilico e origano, Multicolore (Mehrfarbig)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,39€


COLTIVAZIONE: COME PROCEDERE

Prima di tutto si parte dal terreno che non deve necessariamente essere molto ricco, infatti questa è una pianta che si adatta facilmente a quasi tutti i tipi di terreno anche se preferisce quelli secchi e calcarei.

Essendo queste delle piante spontanee che riescono a sopravvivere in ambienti anche molto aridi non necessitano di particolari concimazioni che possono comunque essere somministrate in periodi particolari del ciclo vitale come durante la ripresa vegetativa.

Per ciò che concerne le innaffiature possiamo dire che devono essere molto frequenti ma è necessario dosare in modo corretto la quantità di acqua che deve essere decisamente esigua per evitare di inzuppare il terreno.

Nel corso della coltivazione, come per tutte le piante può capitare di incorrere in danneggiamenti di alcune loro porzioni. Qualora ci si dovesse trovare in questa situazione si consiglia semplicemente di rimuovere le parti danneggiate o secche per evitare di ridurre la funzionalità completa e corretta della pianta stessa.

L'origano non necessita nemmeno di una potatura annuale vera e propria viste le sue caratteristiche generali.

La fioritura della pianta avviene da luglio ad ottobre, quindi nella stagione calda dell'anno. La raccolta avviene immediatamente dopo la fioritura e i fiori vengono prelevati con il ramo che li porta. Devono essere messi a seccare e poi conservati in barattoli di vetro.


MOLTIPLICAZIONE DELL'ORIGANO

origano Il processo di moltiplicazione può essere effettuato secondo tre metodi, quello relativo all'uso dei semi, quello per talea oppure l'ultimo per divisione della pianta.

In genere la moltiplicazione per semi avviene in vasi e non direttamente nel giardino visto che le piante necessitano di condizioni particolari per poter germinare. Si utilizza del terriccio fertile misto a sabbia, si inseriscono i semi e poi si ripone un altro sottile strato di terra al di sopra. Il tutto deve essere fatto in primavera e si devono ricreare precise condizioni ambientali, come l'umidità del terreno, che viene favorita anche dalla copertura del vaso con una lastra di vetro, la temperatura che deve aggirarsi tra i 10 e i 13 gradi, l'insolazione che deve essere scarsa. Il terriccio si mantiene umido inserendo dell'acqua attraverso un vaporizzatore e non immettendola direttamente.

Le prime piantine che germoglieranno dovranno essere passate in rassegna per poter eliminare le più deboli. Quando saranno sufficientemente grandi si potranno trasferire quelle resistenti in ambiente aperto.

La moltiplicazione per talea deve essere invece effettuata a giungno utilizzando porzioni vegetative della pianta, prive di fiori, di lughezza di 8-10 cm che dovranno essere inserite in un misto di torba e sabbia. La temperatura deve essere mantenuta bassa e solo quando le piantine si saranno stabilizzate potranno essere trapiantate in un altro vaso o in ambiente aperto.

La moltiplicazione tramite divisione è molto smplice e consiste nell'invasamento di una parte della pianta di dimensioni maggiori di quelle della talea e deve essere effettuata o a marzo o a ottobre. Le condizioni in cui devono essere mantenute le nuove piantine sono le medesime delle situazioni precedenti.


USI

L'origano è ricco in fenoli e sono proprio questi che vengono utilizzati per le proprietà aromatiche. Il suo uso si è espanso anche in cucina come condimento in sughi, secondi piatti e contorni. Questa pianta è nota anche per le sue proprietà curative con funzione espettorante, calmante nei confronti di dolori addominali, infiammazioni intestinali. Ha anche funzione antisettica ed antalgica.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO