Coltivazione cavoli

La semina

I cavoli sono ortaggi invernali: quello di cui hanno bisogno per lo sviluppo è dunque un clima che preveda temperature fredde. È necessario preparare bene il terreno almeno tre o quattro settimane prima della data prevista per la semina: il cavolo ha bisogno di un terreno ben drenante e ricco di elementi nutritivi. Bisogna procedere con una vangatura profonda almeno quaranta centimetri: al terreno dovrà essere unito del concime organico (letame o stallatico) e della sabbia a grana fine, allo scopo di favorire il drenaggio dell'acqua. Il cavolo è infatti particolarmente sensibile ai ristagni idrici, che porterebbero le radici a soffocare e a marcire, facendo morire tutta la pianta. Le piantine di cavolo possono essere seminate durante tutto l'anno: i semi possono essere acquistati anche nei supermercati, e di solito sono disponibili nelle diverse varietà. Il cavolo si può seminare direttamente in campo oppure nel semenzaio, per poi trasferire le piantine nel terreno. Nel primo caso è sufficiente scavare delle buche profonde alcuni centimetri e sistemarvi due o tre semi, per poi ricoprire la buca con terriccio umido. Nel caso in cui si voglia usare un semenzaio, basta spargere i semi sul terriccio, per poi coprirli con un leggero strato di terra e annaffiarli leggermente. Quando le piantine saranno germogliate e avranno raggiunto un'altezza di circa dieci centimetri, si possono trasferire nel terreno vangato e concimato, sistemandole a una distanza l'una dall'altra di almeno quaranta centimetri: stessa distanza da utilizzare fra le diverse file.

Il cavolo può essere coltivato anche in vaso: bisogna però tener presente che questo tipo di ortaggi ha bisogno di un ampio spazio per potersi sviluppare bene. Se vogliamo tentare, possiamo comunque procurarci dei vasi di terracotta, che sia largo e profondo almeno mezzo metro. In questo caso, il drenaggio risulterà particolarmente importante: è consigliabile sistemare della ghiaia sul fondo del vaso per favorire il deflusso dell'acqua.

Coltivazione cavoli

Terriccio per orto ed ortaggi (Potgrond H - Klasmann) (c.ca 29 kg - 70 lt)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


La crescita

Coltivazione cavoliIl cavolo ha bisogno di molti elementi nutritivi per crescere bene, ma se il terreno è stato preparato a dovere prima della semina o del trapianto, non sarà sufficiente procedere a ulteriori fertilizzazioni. Periodicamente, sarà necessario eliminare le erbacce infestanti che cresceranno fra i cavoli, aiutandoci con un rastrello (che ha anche lo scopo di smuovere le zolle di terra e arieggiarle). Le erbacce potrebbero infatti sottrarre elementi nutritivi ai cavoli, e essere un veicolo per funghi e parassiti. Si può anche intervenire con la cosiddetta "pacciamatura": si tratta di un'operazione che prevede la sistemazione di paglia sul terreno fra le piante, per evitare la nascita delle erbacce. Per quanto riguarda l'irrigazione, sarà necessario intervenire quando il terreno sarà asciutto: nei mesi invernali possono rivelarsi sufficienti anche le piogge naturali, e sarà necessario intervenire per annaffiare i cavoli solo in caso di prolungata siccità. In ogni caso, bisognerà prestare attenzione a non inzuppare mai il terreno con l'acqua e a non creare pozze e ristagni, che potrebbero rivelarsi fatali per le piantine. Nella coltivazione del cavolo può rendersi necessario anche un altro intervento, chiamato "rincalzatura": lo si fa solitamente quando la pianta sporge troppo dal terreno, e ha lo scopo di proteggere le radici e il fusto dal freddo. Si tratta semplicemente di accumulare terriccio nuovo alla base delle piante, che può essere protetta anche con del tessuto apposito. In questo modo, anche in caso di gelate particolarmente consistenti, le radici dei cavoli saranno ben protette.

    Roleadro Led Grow 54W Coltivazione Indoor Impermeabile IP65 con Rosso e Blu 55CM Led Piante Lampada in Grow Box Idroponica Indoor

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


    La raccolta

    cavolo giovaneLa raccolta dei cavoli deve essere fatta quando la pianta è completamente formata (saranno necessari almeno quattro mesi dalla semina). Per la varietà del cavolo cappuccio (la più diffusa) bisognerà raccogliere le piante quando l'interno sarà ancora chiuso. Per quanto riguarda invece il cavolfiore (anch'esso molto consumato sulle nostre tavole), si potrà raccogliere quando i cavoli presenteranno il classico fiore bianco: fate attenzione a tagliare il cavolo comprendendo anche le foglie verdi, che hanno lo scopo di proteggere il fiore all'interno. Una volta raccolti, i cavoli devono essere utilizzati entro pochi giorni: si raccomanda di conservarli in frigorifero, dove si manterranno per una decina di giorni circa. Nel caso in cui si siano effettuati più interventi di semina nel corso dei mesi, si potranno avere raccolti per tutto l'arco dell'anno.


    Coltivazione cavoli: Le malattie

    Oltre al ristagno idrico, il cavolo è minacciato anche da altri insetti e parassiti, fra cui la temuta "cavolaia". Si tratta della larva di una farfalla che si nutre delle foglie di questi ortaggi. La farfalla depone le uova alla base delle piante: è necessario controllare periodicamente i nostri cavoli, per poter rimuovere le uova non appena se ne noti la presenza (nel caso in cui si arrivi troppo tardi, bisognerà comunque eliminare le larve). In alternativa, si potranno utilizzare dei prodotti appositi, che si trovano in commercio nei negozi specializzati.

    I cavoli sono anche attaccati dalla temuta "ernia del cavolo": si tratta di un fungo che penetra all'interno dell'ortaggio e fa rigonfiare le foglie. Anche in questo caso, bisogna controllare periodicamente le piante, per poter intervenire subito.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO