Coltivare carote

Coltivare carote

La carota appartiene alla famiglia delle Umbelliferae ed è una pianta annuale o biennale, diffusa in tutta l’Italia e largamente coltivata come ortaggio a scopo alimentare, ricchissima di carotene e di vitamine di ogni tipo; in erboristeria si utilizzano a scopo medicamentoso sia i tuberi freschi sia i semi essiccati. Da quanti secoli sia diventata una pianta da ortaggio non è tuttavia possibile stabilirlo. Le carote, quelle coltivate nei tempi moderni erano allora sconosciute perché le forme orticole sono state create dai coltivatori dell’Europa Centrale: erano note già nel cinquecento, quando cominciarono ad essere utilizzate proprio come ortaggi. Le varietà delle carote coltivate in Occidente hanno colori varianti dal bianco-avorio al giallo-arancio secondo le varietà; mentre quelle coltivate in India sono violacee o nerastre. Delle carote come è noto si consumano le radici, che possono essere di diverse forme: lunghe o semilunghe, cilindriche o cuneiformi, un poco gibbose oppure a forma di trottola. Le foglie che sono frastagliatissime, partono dal colletto delle carote e sono di un bel verde intenso. Le varietà di carote si differenziano come detto in base alla forma più o meno allungata. Le principali sono: la carota a radice lunga, quella a radice mezza lunga e quella a radice corta. Esiste poi la carota selvatica che ha un fusto eretto o ascendente striato, ramificato, con le foglie inferiori divise in due o tre lobi e riunite a formare una rosetta basale da cui si diparte lo scapo floreale.
carote

Dreamerd 2-Pack 7 Gallon Grow Borse / aerazione Tessuto Pentole / Borse Piantapatate con patta per coltivare ortaggi: patate, carote e cipolla

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


COLTIVARE CAROTE: LE SPECIE

caroteLe carote a radice lunga sono di diversi colori come la rossa lunga di Napoli, la rossa di Flakker di forma cilindrica, la liscia di Milano tardiva, la lunga di Saint Valery e la cilindrica di Ventimiglia. Le carote a radice mezza lunga sono quella di Nantes precoce e molto produttiva, la mezza lunga di Amsterdam più precoce della precedente, l’ottusa di Guèran apprezzata per la produzione estiva e la mezza lunga di Chatenay la più conosciuta e la più apprezzata. Tra le carote a radice corta troviamo invece la rossa di Parigi particolarmente adatta alla forzatura sottovetro, la corta precoce d’Olanda dalla polpa di color rosso vivo di forma rotonda che appare già dai primi di aprile come primizia nei mercati. Le varietà di carote a radice bianche sono invece quelle destinate all’alimentazione del bestiame, mentre le migliori per l’alimentazione umana sono quelle di colore arancione e rosso.

  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • carote Spesso, chi si occupa di giardinaggio “fai da te” , decide di coltivare, piuttosto che le varie piante ornamentali, un vero e proprio orticello. Questa scelta può essere motivata da molti fattori, spe...
  • zucca La zucca è una pianta propria dell' America centrale, anche se i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico, e risalgono al 7000 circa a.C. E' stata importata in occidente subito dopo la scopert...
  • Alcune note Mettere a punto il progetto di un orto rappresenta qualcosa di molto interessante e, allo stesso tempo, qualcosa di molto positivo e assolutamente fattibile per una porzione sempre crescente di italia...

Il Kit ortaggi stravaganti di Plant Theatre - 5 straordinari ortaggi da coltivare - un regalo ideale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


COLTIVAZIONE CAROTE

caroteSecondo la natura del terreno, si consigliano le carote corte e semi corte per terreni compatti e per la coltivazione in piccole aiuole; le varietà a radici lunghe si coltivano invece meglio nei terreni sciolti e sono quelle adottate nelle grandi coltivazioni ortive. Le carote piccole e corte sono ovviamente più precoci e sono anche migliori per l’uso culinario, perché più tenere e saporite per ricette di insalate miste crude e per contorni. Le semi corte o quelle grosse servono per aromatizzare alcune vivande. Poichè le carote non si trapiantano, se la semina risultasse troppo fitta occorrerà diradare togliendone alcune dal terreno. Per la coltivazione delle carote bisogna escludere i terreni troppo compatti oppure ricchi di ghiaia, che impediscono alle radici di svilupparsi regolarmente; preferibili invece sono i terreni freschi e sciolti riccamente concimati e lavorati in profondità. Saranno utili per il miglior sviluppo delle radici i concimi ricchi di potassio. La raccolta avviene dopo circa tre mesi e mezzo dalla semina per la varietà rotonde e precoci; dopo circa quattro mesi e mezzo per le carote corte ed a trottola; dopo sei mesi e mezzo per le mezze lunghe, e dopo otto mesi per la varietà a radici lunghe.


COLTIVARE CAROTE: MANUTENZIONE ED USI

caroteNelle coltivazioni industriali le carote vengono seminate su file parallele per poter intervenire comodamente con le operazioni di sarchiatura del terreno. Bisogna innaffiarle molto nei periodi di lunga siccità. L’opportuna copertura con teloni di plastica a forma di tunnel consentono di anticipare la raccolta, perché in questo modo si abbrevia il periodo vegetativo di sviluppo di queste radici fittonanti, che sono particolarmente utili per estrarre il carotene ed la provitamina A che contengono. Della carota si adoperano i tuberi freschi ed anche i semi essiccati per svariati usi medicamentosi. Infine se la radice che rappresenta la parte commestibile della pianta non viene colta, la parte aerea può svilupparsi e fiorire. Questo esempio è riscontrabile in un tipo di carota denominata ”Daucus”. I coltivatori hanno ottenuto molte varietà di carote grazie alla riproduzione in serra in modo da separare quelle gialle ed arancione per l’alimentazione umana, ed aumentando la produzione di quelle bianche con un notevole risparmio sui costi del mangime da somministrare agli animali. Per questi ultimi, le carote sono indicate per curare tosse e catarro che colpiscono i cavalli, gli asini ed i muli e si possono somministrare aggiungendo al pasto due o tre carote tagliate. Infine le carote, ricchissime di vitamine e di sali minerali possono essere definite dal punto di vista alimentare gli ortaggi più completi che si conoscano. Bisognerebbe mangiare carote tutti i giorni, specialmente nei primi anni di vita preferibilmente crude per ricevere le quantità necessarie di vitamine per una sana crescita del nostro bambino.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO