Coltivare broccoli

Coltivare broccoli: consigli e suggerimenti

Coltivare broccoli è un’operazione semplice, che richiede il rispetto di poche e semplici norme, e che pertanto può essere effettuata anche da una persona poco esperta. Abbiamo a che fare con un ortaggio tipico dell’inverno, ricco di vitamine, il cui consumo è indicato in particolar modo per coloro che hanno necessità di reintegrare minerali. Alla base di una coltivazione perfetta del broccolo sta una adeguata preparazione del terreno, in maniera da favorire una piantumazione corretta. Il terreno deve essere predisposto alcuni mesi prima di mettere a dimora le varie piantine. Il periodo più indicato per la coltivazione di tale ortaggio è quello primaverile, fino all’inizio dell’estate: per questo motivo, il terreno deve essere lavorato già durante l’autunno. Nel momento in cui si lavora sul terreno, occorre effettuare la vangatura a una profondità di almeno mezzo metro, così che il letame penetri nella terra alla perfezione. I solchi vanno concimati e quindi ricoperti di terriccio: i solchi realizzati dopo il primo saranno tutti paralleli, e soprattutto distanziati tra di loro così che ogni filare di piantine disponga dello spazio necessario per svilupparsi e crescere in modo adeguato. Occorre precisare, per altro, che esistono varietà differenti di broccolo, che si distinguono a seconda del luogo nel quale crescono e della forma. Basti pensare al broccolo di Creazzo, particolarmente diffuso in Veneto, al broccolo ramoso o al broccolo romanesco, più chiaro, dal punto di vista della colorazione, rispetto al broccolo che tutti conoscono.

broccolo

Roleadro 300w Led Piante Spettro Completo Led Coltivazione Lampada per Piante Fiore Di Verdure Serra Idroponica, Led Grow Light Luce Crescita di Grow Box (308 mm * 208 mm * 60mm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 78,99€
(Risparmi 81€)


Attenzione a parassiti e acqua

coltivazione broccoli È opportuno prestare attenzione, inoltre, ai parassiti: benché si tratti di una pianta piuttosto resistente, può essere colpita con facilità da infezioni. Altrettanta cura deve essere riservata alla quantità di acqua che viene somministrata: in caso di un contatto eccessivo con l’umidità, il rischio che la pianta marcisca è molto alto. Come detto, il periodo ideale per la semina del broccolo corrisponde ai mesi primaverili.


  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • carote Spesso, chi si occupa di giardinaggio “fai da te” , decide di coltivare, piuttosto che le varie piante ornamentali, un vero e proprio orticello. Questa scelta può essere motivata da molti fattori, spe...
  • zucca La zucca è una pianta propria dell' America centrale, anche se i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico, e risalgono al 7000 circa a.C. E' stata importata in occidente subito dopo la scopert...
  • Alcune note Mettere a punto il progetto di un orto rappresenta qualcosa di molto interessante e, allo stesso tempo, qualcosa di molto positivo e assolutamente fattibile per una porzione sempre crescente di italia...

semi di broccoli sani e nutrienti semi di ortaggi biologici per giardino di casa, ad alto rendimento facile da coltivare 100 semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,58€


Quando e come effettuare la semina

coltivazione broccoli La procedura da seguire è molto semplice: occorre impiegare dei contenitori appositi ed effettuare la semina tenendo conto che un mese dopo si avranno delle piantine, alte non più di una decina di centimetri, che dovranno essere trapiantate. Il trapianto dovrà essere effettuato distanziando le diverse piantine, così che poi abbiano a disposizione lo spazio necessario per crescere: va bene una distanza di trenta centimetri. Dopo aver preparato le buche con un elemento appuntito, si può procedere alla messa a dimora delle piantine, e quindi ricomporre il terreno compattandolo intorno alla buca. Il periodo prima del raccolto necessita concimazione e annaffiature. Se il terreno viene concimato in maniera corretta in preparazione, altri interventi di questo tipo saranno inutili: un bel risparmio di tempo e denaro, insomma, visto che un terreno ben concimato non ha bisogno di ulteriori sostanze nutritive. La vangatura, a seconda delle finalità della coltura (professionale o amatoriale) e delle dimensioni dello spazio, può anche essere effettuata con una vanga o una motozappa. Per ogni metro quadro occorre un chilo e mezzo di letame maturo, da sistemare con l’aiuto di una forca.


Annaffiatura e raccolta

L’annaffiatura dipende, naturalmente, dalla latitudine a cui ci si trova. Nel momento in cui il broccolo comincia la produzione in estate, le piante devono essere bagnate ogni giorno, così che la loro produttività aumenti. A proposito della raccolta dei broccoli, essa richiede un tempo di attesa tra i due e i quattro mesi: occorre partire dai broccoli più grandi, eseguendo un taglio netto e obliquo in maniera tale da impedire il ristagno dell’acqua, e quindi che la pianta marcisca. Dopo la prima raccolta, i frutti saranno prodotti in maniera naturale, senza bisogno di ulteriori interventi. Va precisato che del broccolo sia mangia sia la foglia, che costituisce la parte più morbida, sia il gambo, sia la testa. Ideali sia freschi che surgelati, possono essere anche cotti con acqua e aceto e messi sott’olio.


In conclusione

broccolo

Come si può notare, la coltivazione dei broccoli si rivela piuttosto semplice anche per una persona non abituata a curare un orto: l'importante è tenere conto delle giuste tempistiche, partendo con la preparazione del terreno con l'anticipo necessario in maniera da riuscire a effettuare la raccolta nei mesi invernali. Nel momento in cui la pianta inizia a crescere, in estate, l'innaffiatura rappresenta una tappa fondamentale, cui occorre prestare molta attenzione: deve essere effettuata nelle ore più fresche della giornata, e soprattutto non deve contemplare un utilizzo eccessivo di acqua. Il rischio, infatti, è che la pianta rimanga umida per troppo tempo, con un ristagno di acqua che potrebbe portarlo a marcire o favorire l'insorgenza di malattie o infezioni. Per lo stesso motivo, è importante riservare molta cura anche alla scelta del terriccio, che deve garantire un ottimo drenaggio dei liquidi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO