Bonsai melo

Il bonsai melo: apprezzato, conosciuto, diffuso

Il bonsai melo rappresenta uno dei bonsai da frutto più conosciuti, apprezzati e diffusi, non a caso presente nella maggior parte delle collezioni degli appassionati bonsaisti. Si tratta di un piccolo albero piuttosto resistente, che non si oppone agli interventi dell’uomo, e che in primavera regala una fioritura decisamente piacevole sotto il profilo estetico, con fiori i cui colori vanno dal rosa pallido al più candido dei bianchi. Nei mesi autunnali, invece, il bonsai melo dà vita a una fruttificazione abbondante: in questo periodo, è necessario lasciare i frutti in numero limitato, fino a quando maturano completamente, a seconda delle dimensioni della pianta: non tutti sanno, infatti, che i fiori e i frutti dei bonsai mantengono la stessa grandezza dei fiori e dei frutti della specie naturale. Quindi, da una parte bisogna fare i conti con un problema di carattere estetico (frutti esageratamente grandi rispetto all’albero); dall’altro, interviene un problema prettamente pratico e materiale, visto che naturalmente il bonsai non è in grado di sopportare il peso di mele di dimensioni normali. Non è un caso, d’altra parte, che normalmente ai bonsaisti venga suggerito di scegliere piante che producono, in natura, frutti di dimensioni ridotte: insomma, risulta evidente la differenza che passa tra una mela e una ciliegia, per quanto grossa quest’ultima possa essere.

bonsai melo

BONSAI MELOGRANO h.58 - Punica granatum

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1900€


Dove nasce il bonsai melo

E’ anche per tale ragione che per la creazione del bonsai melo solitamente non si inizia dal melo vero e proprio (l’albero da frutto comune) ma si parte da un melo selvatico di dimensioni limitate, che garantiscono che il bonsai produce frutti il cui diametro non superi pochi centimetri. Per quel che riguarda il clima, il bonsai melo preferisce soprattutto le aree temperate, e si trova a proprio agio con il sole, persino durante la stagione calda. Si riproduce per seme e per talea, e deve essere posizionato in un luogo sufficientemente illuminata dalla luce dei raggi del sole diretti, lontano da spifferi. Così come per qualsiasi pianta, la periodicità delle innaffiature per il bonsai melo cambia a seconda della zona climatica, della stagione, del drenaggio, delle dimensioni del vaso e del tipo di terriccio. In questo senso, è opportuno adottare molto buon senso, tenendo conto di una realtà troppo spesso sottovalutata, e cioè che nella maggior parte dei casi le piante non muoiono per carenza, ma per eccesso d’acqua. Il bonsai, insomma, deve essere innaffiato solo nel momento in cui il terreno si rivela totalmente asciutto: il che, per altro, nel corso della stagione estiva potrebbe voler dire anche tutti i giorni (avendo cura, comunque, di evitare le ore più soleggiate). Durante il periodo estivo, invece, è consigliabile innaffiare nelle ore serali, così che la pianta poi possa sfruttare la notte e il fresco per mantenere umido il terriccio per un periodo più lungo. A seconda della zona geografica, infine, nelle stagioni intermedie l’innaffiatura potrebbe essere necessaria non più di due volte a settimana, e addirittura una o due volte al mese in inverno. L’acqua deve essere somministrata semplicemente versandola lentamente sul substrato, prestando attenzione a non bagnare le foglie. L’operazione va reiterata a distanza di alcuni minuti, così che il terriccio possa trattenere quanta più acqua possibile.

  • bonsai Occuparsi di giardinaggio è un' attività che richiede impegno e pazienza, ma che riesce a dare anche molto, come la possibilità di stare tra la natura, di respirare aria pulita, di crearsi un piccolo ...
  • Alcune note Nell’ambito delle frequenti e classiche riflessioni più o meno strettamente collegate al mondo della botanica da sempre un certo fascino e una discreta dose di interesse è quella che riponiamo nei con...
  • Alcune note Nell’ambito delle nostre classiche discussioni in tema di botanica da sempre un certo fascino e una discreta dose di interesse è quella che riponiamo nei confronti dei bonsai. Ovviamente, in maniera i...
  • bonsai ligustrum Il fai da te comprende occupazioni in tantissimi campi, da quello edile a quello della bigiotteria, fino al giardinaggio. Si tratta di operazioni semplici, ma molto utili, che tutti possono portare av...

OUNONA Vasi di fiore pianta Fata Vaso da giardino con dolci della casa (argento)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€
(Risparmi 12€)


Come eseguire le operazioni di concimazione

bonsai melo A proposito degli interventi di concimazione, il bonsai melo, così come tutte le altre varietà di bonsai da frutto, mal sopporta una concimazione effettuata durante la fioritura, prediligendola nel corso della fruttificazione. Tenendo conto della quantità di terra contenuta, risulta fondamentale integrare gli elementi nutritivi necessari alla pianta con i fertilizzanti. Le concimazioni devono essere cadenzate a intervalli di circa venti giorni l’una dall’altra nel corso del periodo di vegetazione complessivo, che va da marzo alla fine di settembre, con interruzioni unicamente nei periodi molto caldi e in occasione della fioritura. Per eseguire la concimazione in maniera corretta, è opportuno impiegare un concime liquido che deve essere diluito nell’acqua che servirà per l’irrigazione. Il terreno deve essere bagnato prima della fertilizzazione, allo scopo di evitare possibili danni alle radici.


Bonsai melo: La potatura dei rami: come e perché farla

bonsai melo potatoIl bonsai melo, come ogni bonsai, necessita di interventi di potatura per crescere nel migliore dei modi. In corrispondenza della conclusione del periodo di riposo vegetativo, bisogna effettuare la potatura di formazione; in pratica, nel momento in cui il bonsai si sta predisponendo a una nuova vegetazione, vicino all’inizio della primavera. I tagli devono essere trattati con mastice cicatrizzante, per evitare attacchi e infezioni dovute a parassiti o animali. Chiaramente, gli attrezzi da impiegare devono essere compatibili con le dimensioni della pianta: l’importante, comunque, è che le lame risultino molto affilate. La potatura di formazione serve a dare al bonsai melo la forma che si desidera, mentre per quanto concerne gli interventi di mantenimento il loro scopo è quello di stabilire e fissare i risultati conseguiti nel corso del tempo. Infine, due parole sul rinvaso, che ha bisogna di un terriccio che sia in grado di favorire un buon drenaggio e la corretta ossigenazione delle radici: per questo è importante scegliere un vaso con dimensioni e forma adeguati.


Guarda il Video
  • bonsai melo Il bonsai melo, è una piccola opera d’arte, che riproduce in miniatura, le caratteristiche peculiari dell’originale albe
    visita : bonsai melo

COMMENTI SULL' ARTICOLO