Bonsai ginepro

BONSAI GINEPRO

Il Bonsai ginepro è una conifera sempreverde di piccole dimensioni, ne esistono di diverse specie, infatti il suo portamento può essere colonnare,compatto e slanciato oppure può essere un grosso arbusto con i vari tronchi intrecciati tra loro anche in modo disordinato.Le foglie sono dure e pungenti con diverse tonalità da blu-verde scuro a verde chiaro. I frutti chiamati galbule o bacche del ginepro sono tondi e verdi fino a diventare blu in fase di maturazione. E' una pianta molto resistente e forte, non ha bisogno di molte cure e può essere lasciata tutto l'anno all'esterno seguendo alcuni accorgimenti; nei periodi troppo freddi con eventuali gelate il vaso deve essere riparato, per non far gelare la massa radicale invece in quelli troppo caldi, non esporla direttamente al sole. Si consiglia di posizionare il Bonsai in una zona illuminata, arieggiata ma non ventilata e per finire soleggiata. Il terreno può essere fertile o povero l'importante che sia ben drenato. Durante la tecnica di innaffiatura prestare particolare attenzione a non creare ristagni che potrebbero danneggiare la massa radicale creando marciume. Infatti il Bonsai ginepro è soggetto ad attacchi da parte di parassiti vegetali proprio come il marciume radicale e da parassiti animali come le cocciniglia, il ragnetto rosso e afidi, per poter proteggerlo utilizzare fungicida e insetticida biologici o chimici, soprattutto nel periodo iniziale di vegetazione e in quello di fruttificazione, inizialmente si può utilizzare metà dose, successivamente se necessario si può aumentare il dosaggio fino a far scomparire completamente i parassiti.

BONSAI GINEPRO

BONSAI GINEPRO ITOIGAWA h.36 - Juniperus itoigawa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 190€


CONCIMAZIONE

La concimazione è fondamentale per il Bonsai ginepro in quanto essendo piantato in un vaso piccolo e avendo poco terreno, non riesce ad avere tutti i nutrimenti necessari per crescere, quindi è opportuno integrarli con del concime da diluire in acqua, si consiglia l'utilizzo di quello liquido anche se quello granulare viene assorbito più lentamente. Il periodo migliore per concimare la pianta è in quello vegetativo che va da marzo a settembre, almeno una volta al mese, evitando di intervenire nel periodo più caldo della stagione estiva.


  • bonsai Occuparsi di giardinaggio è un' attività che richiede impegno e pazienza, ma che riesce a dare anche molto, come la possibilità di stare tra la natura, di respirare aria pulita, di crearsi un piccolo ...
  • Alcune note Nell’ambito delle frequenti e classiche riflessioni più o meno strettamente collegate al mondo della botanica da sempre un certo fascino e una discreta dose di interesse è quella che riponiamo nei con...
  • Alcune note Nell’ambito delle nostre classiche discussioni in tema di botanica da sempre un certo fascino e una discreta dose di interesse è quella che riponiamo nei confronti dei bonsai. Ovviamente, in maniera i...
  • bonsai ligustrum Il fai da te comprende occupazioni in tantissimi campi, da quello edile a quello della bigiotteria, fino al giardinaggio. Si tratta di operazioni semplici, ma molto utili, che tutti possono portare av...

100% reale giapponese fantasma blu Acero Bonsai Semi, 10 Semi / Pack, Acer palmatum atropurpureum, Bonsai SOW TUTTO L'ANNO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


RINVASO

bonsai ginepro Il rinvaso del Bonsai ginepro è importante per l'eliminazione di radici grandi e inutili per la nutrizione della pianta, lasciando spazio invece a quelle capillari utilizzando delle forbici adeguate. La frequenza con la quale la pianta deve essere rinvasata è in base alla dimensione del vaso, al tipo di terreno e all'età del Bonsai, più la pianta è adulta meno dovrà essere rinvasata. Questa tecnica deve essere eseguita durante il periodo di riposo vegetativo che va da fine autunno all'inizio della primavera, con la sostituzione del terriccio e del vaso, utilizzandone uno adeguato alle dimensioni della nuova grandezza del Bonsai, proteggendo i fori del drenaggio con una rete o del pietrisco per evitare che durante l'innaffiatura l'acqua porti via parte del terriccio e contemporaneamente diventa anche una protezione per eventuali parassiti animali. Il substrato deve garantire un adeguato drenaggio e la sua composizione deve essere al 50% di terriccio universale, 25% di sabbia e 25% di torba.


Bonsai ginepro: POTATURA E APPLICAZIONE DI FILI E TIRANTI

bonsai ginepro La potatura di formazione al Bonsai ginepro deve essere eseguita nel periodo tra fine autunno e inizio primavera è serve per eliminare tutte le crescite indesiderate, modellando la pianta in base alla forma che si vuole raggiungere. Per il taglio dei rami utilizzare delle tronchesi concave ben affilate per evitare di strapparli, causando danni al Bonsai, infine medicarli con del mastice o pasta cicatrizzante. Il taglio drastico dei rami primari è consigliabile eseguirlo nel periodo di riposo vegetativo, tra febbraio e marzo e non prima del terzo o quarto anno di vita della pianta. Con questa potatura la pianta può produrre foglie a forma di ago, non intervenendo su questi germogli la pianta seguirà il suo ritmo naturale di coltivazione fino ad arrivare ad avere nuovamente germogli a forma di scaglie. Si consiglia di non tagliare i germogli a forma di ago per non crearne degli altri uguali. E' preferibile utilizzare la tecnica di potatura graduale e progressiva in modo da avere sempre i classici germogli.

Durante il periodo vegetativo per assicurare il giusto equilibrio eseguire la tecnica di pinzatura e cimatura, prendendo tra le dita un ciuffetto di vegetazione e spezzando delicatamente le scaglie nuove che fuoriescono dal profilo a forma di ventaglio. Questa tecnica viene utilizzata per favorire la crescita di nuovi germogli laterali, si consiglia di ripetere più volte la stessa operazione.

L'applicazione di fili e tiranti nel Bonsai ginepro deve essere eseguita durante il periodo vegetativo, è preferibile intervenire sui rami giovani in quanto più flessibili e sensibili alla correzione. I fili di rame ricoperti da una guaina di gomma per evitare di creare danni ai rami sono facili da modellare, consentendo di modellarli come più si preferisce. Si consiglia di innaffiare la pianta qualche ora prima di eseguire questa tecnica per rendere i rami più flessibili e meno propensi a spezzarsi.


Guarda il Video
  • ginepro bonsai Pianta appartenente al gruppo delle conifere, il bonsai ginepro si presenta come una specie particolarmente resistente e
    visita : ginepro bonsai
  • bonsai ginepro Il bonsai di ginepro è il più usato dai maestri bonsaisti del Giappone. Questa pianta, infatti, oltre all’innegabile val
    visita : bonsai ginepro

COMMENTI SULL' ARTICOLO