Travi

Garanzia di sicurezza e stabilità

Sinonimo di sicurezza, di affidabilità; concetto legato alla garanzia di stabilità e alla possibilità di poter lavorare su fondamenta solide. Di cosa stiamo parlando? Di uno dei prodotti più antichi e anche più importanti in ambito edilizio: le travi. Molto più che un semplice oggetto utilizzato per costruire case, uffici e luoghi abitabili e non solo, ma vere e proprio strutture fondanti. In ambito costruttivo, la trave è quasi sempre un elemento dominante dal punto di vista delle dimensioni: questo vuol dire che visivamente essa spicca rispetto a quanto la circonda ed offre un colpo d’occhio non indifferente. E’ chiaro che con il passare del tempo l’uomo ha imparato ad utilizzare la tecnologia in maniera tale da nascondere le travi per privilegiare la vista del soffitto, ma questo tipo di soluzione è tutt’altro che ricorrente per le abitazioni più ampie e caratterizzate da un tetto in legno isolante. In questo caso le travi che sorreggono il tavolato, emergono dal punto di vista visivo e si vede chiaramente quanto siano importanti al fine di supportare quanto accade dal soffitto in su. La domanda a questo punto sorge quasi spontanea: nelle case in cui le travi non si vedono, vuol dire che queste non ci sono. La risposta è no, nel senso che ci sono anche se non si vedono, per un motivo molto semplice: non ci sono case senza travi, anche perché senza travi non c’è e non può esserci sicurezza. Stiamo parlando di un elemento assolutamente predominante nell’equilibrio della casa.
Casa con travi in legno

Wolfcraft 7667010 - Punta per travi di legno ø 6.0 x 400 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 0,24€)


Pilastri e travi

Pilastri in Turchia Un’altra domanda che sorge assolutamente naturale è relativa alla differenza tra pilastri e travi, entrambi fondamentali nell’assetto strutturale di un’abitazione, entrambi utili a garantire stabilità alle costruzioni. Allora quale distinzione c’è da fare relativamente a questi due elementi? Sostanzialmente, questi vanno divisi in base allo sforzo che sono chiamati a realizzare: i pilastri sono caratterizzati da un comportamento a prevalente sforzo normale, mentre le travi intese in senso stretto sono chiamate a lavorare soprattutto in flessione, nell’ambito di un’abitazione o di una costruzione qualunque. La seconda differenza che possiamo individuare è anche quella più facile da notare, soprattutto se si ci si trova di fronte a un telaio regolare, e ha a che fare con il loro posizionamento: i pilastri rappresentano elementi verticali di sostegno, mentre le travi lavorano unicamente per vie orizzontali, e sono caratterizzate dalla capacità di sostenere anche uno sforzo in oscillazione.

  • travi in acciaio Il fai da te non consiste solo nell' occuparsi del confezionamento di piccoli oggetti o nel compiere piccole azioni giornaliere in grado di rilassare, dare soddisfazioni, ma anche essere utili. Rien...
  • TRAVI Il fai da te permette di occuparsi di tutti i campi possibili, e intrattenersi durante il proprio tempo libero spaziando da un campo all’ altro, dal bricolage al giardinaggio, dal decoupage alla manut...
  • Trave in poliuretano effetto legno In edilizia, il poliuretano è utilizzato per la realizzazione di numerosi manufatti e per le sue proprietà isolanti, che lo rendono adatto per elevare il comfort termico e acustico degli edifici.Un ...
  • travi in legno lamellare In edilizia è frequente avere a che fare con le travi, elementi allo stesso tempo molto importanti in una struttura e particolari da trattare. Pertanto, anche se ci si occupa di fai da te nel campo de...

Sipa 8/1436 Supporto Chiuso per Travi con Piano, Trave 91x91 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,37€


Tipologie di travi

Travi in legnoUna ulteriore, ma non meno importante, distinzione tra le varie tipologie di travi, è possibile realizzarla in base al materiale di composizione, che non è detto sia sempre lo stesso, anzi. Come abbiamo visto, le travi in legno rappresentano una soluzione estremamente gettonata, specie laddove si desideri dare alla casa un’impronta rustica, ma accanto a questo materiale naturale, è tutt’altro che insolito l’utilizzo di sostanze artificiali quali il calcestruzzo e il cemento armato, che viceversa dominano nella maggior parte delle costruzioni. Con il passare del tempo, tra l’altro, l’uomo ha provveduto da sé ad una standardizzazione delle realizzazioni abitative: nelle grandi strutture meccaniche, come fabbriche e grandi officine, le travi vengono realizzate soprattutto in acciaio (materiale che fa capolino anche altrove, nei grattacieli, per esempio). Ricorrenti in diversi ambiti sono le cosiddette travi miste, costruite mediante l’utilizzo di due o più materiali: acciaio e calcestruzzo, acciaio e laterizio armato e così via…


Travi: Un occhio alla storia

Galileo GalileiDando un’occhiata alla storia, si capisce ad occhio nudo e senza uno sforzo particolare che quando si parla di travi si ha a che fare con qualcosa che per i grandi scienziati non ha mai rappresentato un mistero. Né per quanto riguarda lo studio e l’utilizzo, né per quanto concerne l’interpretazione e la costruzione. Uno dei primi nomi collegati all’approfondimento relativo alle travi è quello di un certo Galileo Galilei, che rappresenta senza ombra di dubbio il padre fondatore della Scienza delle costruzioni. Dopo di lui, niente è stato come prima: vale per la fisica, per la chimica, per la scienza in genere, e per la capacità umana di realizzare spazi abitativi adatti alle sue esigenze. Se è vero che dopo Galileo Galilei le teorie relative alle travi non sono state più le stesse, è anche vero che dopo di lui tantissimi scienziati hanno approfondito l’identità e le possibilità di utilizzo delle travi in ambito costruttivo, influenzando notevolmente il futuro di questi prodotti fondamentali. Giusto per citarne alcuni, possiamo fare i nomi di Saint Venant, Eulero, Bernoulli e Navier. Nomi che ai più diranno poco o nulla, ma che negli studiosi di Scienza delle costruzioni incutono rispetto e ammirazione: beneficiarono anche – naturalmente- di condizioni tecnologiche e di una maggiore ricchezza di elementi, ma ciò non toglie nulla all’arguzia e alla profondità delle loro trovate, che ebbero un successo testimoniato inequivocabilmente anche dai posteri.



COMMENTI SULL' ARTICOLO