Coperture industriali

Coperture industriali

Ogni tetto è composto fondamentalmente da due parti: una struttura di sostegno e una copertura esterna impermeabile. Entrambe le componenti possono essere costituite da diversi materiali ciascuno adatto a scopi ben precisi. Le coperture industriali hanno solitamente una struttura di sostegno in metallo mentre la copertura esterna può essere realizzata in metallo o con materiali sintetici come la vetroresina e il PVC. Di norma il legno non viene mai utilizzato, a differenza dei tetti residenziali, a causa delle sue scarse proprietà ignifughe mentre i metalli più utilizzati nella fabbricazione di coperture industriali sono l'acciaio, l'alluminio e il ferro zincato. Tuttavia i metalli sono utilizzati per la costruzione della struttura portante mentre le coperture esterne sono ormai realizzate facendo esclusivamente uso di materiali sintetici come l'EPDM, il TPO, il TPU e il PP poiché offrono un elevata resistenza alle temperature estreme, sono leggeri e quindi facili da trasportare e da installare. Nel secolo scorso l'amianto è stato uno dei materiali più utilizzati nella realizzazione di tetti e coperture sia di tipo residenziale che industriale grazie al suo basso costo e alle eccellenti proprietà ignifughe e di isolamento termico. Nonostante questo materiale sia oggi considerato fuorilegge, a causa dei rischi connessi alla sua lavorazione, in molte zone persistono coperture in amianto sia su case che su piccole fabbriche.
Coperture industriali

YANLIU Cappa di levigatura in vernice verde, copertura in vernice a polvere Dust industriale in polvere Maschera a tutto sguardo Protezione in scialle protettiva in smerigliatura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,19€


I vantaggi dei materiali sintetici

materiali sintetici coperture Il mercato offre una vasta gamma di soluzioni diverse e le migliori ditte produttrici provvedono alla progettazione, installazione e riparazione di coperture tetti di ogni genere. Vista la grande diffusione dei materiali sintetici che offrono un elevato isolamento termico, sono poco costosi e possono essere agevolmente trasportati e montati da tecnici specializzati, sempre più spesso, si ricorre ad essi anche per rivestire le tradizionali coperture industriali in metallo in modo da aumentare notevolmente la loro efficienza e durata. In particolare il TPU o poliuretano espanso è utilizzato sotto forma di schiuma per isolare gli edifici coperti da tetti metallici. Questo versatile materiale è infatti capace di aumentare notevolmente la resistenza del metallo agli agenti atmosferici ed aiuta a mantenere costante la temperatura all'interno degli edifici. La schiuma di poliuretano espanso viene inoltre utilizzata per proteggere coperture tetti dall'usura del tempo e dalla ruggine. L'EPDM (monomero di Etilene, Propilene e Diene) e il TPO (poliolefina termoplastica) sono gomme sintetiche molto resistenti perfette come coperture industriali perché resistenti al fuoco e altamente impermeabili. I pannelli vengono realizzati sovrapponendo sottili strati di fogli laminati uniti mediante processi di saldatura a caldo o a freddo, inserendo, tra uno strato e l'altro di materiale, delle sottili reti metalliche per aumentare la resistenza dell'intera struttura. A seconda della zona climatica in cui ci si trova le coperture tetti possono essere rifinite con l'aggiunta di strati superficiali idrorepellenti o altamente riflettenti in modo da aumentare la resistenza alla pioggia e al calore.

    Sourcingmap - Polvere A prova Copertura

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,55€


    Coperture tetti in bitume modificato

    Particolarmente efficienti risultano le coperture industriali realizzate in bitume modificato con polimeri. Le coperture tetti in bitume modificato con polimeri sintetici, esistenti già dalla seconda metà del secolo scorso, sono particolarmente performanti perché offrono un elevata resistenza meccanica, un buon isolamento termico e sono disponibili in una vasta gamma di colorazioni. Per realizzare questo tipo di coperture industriali è necessario applicare uno o più strati di bitume ad una struttura portante unendoli tra loro per mezzo di colle o adesivi integrati nei fogli, saldandoli con torce a fiamma libera o stendendoli sotto forma di asfalto rovente.Coperture tetti in bitume modificato rappresentano l'ultima generazione di coperture industriali dato che sono molto resistenti e soprattutto poco costosi.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO