Estrattori di sali solubili

Cosa sono i sali solubili

Gli estrattori di Sali solubili presenti sul mercato sono tantissimi perché tali sono i problemi di tipo strutturale ed estetico che si devono risolvere. I Sali solubili consistono nel deposito di Sali minerali all’interno delle pareti, pavimentazioni, muri portanti, piastrelle e tutto ciò che è a stretto contatto con il terreno. Il loro deposito è dovuto alla risalita dell’acqua che penetra all’interno di strutture edili. La causa è un cattivo isolamento, frattura dei materiali o l’utilizzo di materiali porosi, di bassissima qualità o poco adatti. In pratica, l’acqua risale verso il muro, quando le temperature salgono l’acqua evapora lasciando dei sali solubili che si cristallizzano, aumentando di volume e danneggiando la struttura sia funzionalmente e sia esteticamente.
sali solubili

INTONACO PREMISCELATO DA KG.5 SELF-SERVICE Confezione da 6PZ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,33€


Estrattori di Sali solubili: le argille

sali Tra i tantissimi estrattori di Sali solubili ci sono delle argille atte a contrastare il fenomeno di risalita dell’acqua. Prima di procedere con questo intervento è conveniente sapere che, in presenza di spaccature del muro se si applica questo composto (a base di sepiolite o attapulgite) i risultati non saranno molto soddisfacenti perché esso tenderà ad assorbire altra acqua dalla parte sita sotto il taglio, e quindi comporta la risalita di altro liquido. Detto ciò, si procede con il bagnare il muro su cui s’intende intervenire, si applica il composto con una cazzuola da muratore o con una macchina intonacatrice creando uno spessore di circa 5-8 centimetri. A questo punto si lascia asciugare e si rimuove con un raschietto. Eliminando il composto a base di argilla non rimarranno residui o tracce della stessa. In alternativa all’argilla si può utilizzare una resina sintetica che libera ioni basici o acidi che scindono i Sali presenti sul muro agevolandone l’asportazione.

    Set di 2 Lucchetti da Esterno in Zinco, Finitura in Ottone, Rivestimento Protettivo Esterno Antiruggine, 50 Mm - Arco Alto - Serratura a Chiave

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,61€
    (Risparmi 18,97€)


    Estrattori di Sali solubili: gli impacchi

    sali solubili Gli impacchi sono degli ottimi estrattori di Sali solubili che si depositano all'interno della struttura muraria, e in modo particolare se il fenomeno di risalita riguarda pietre molto porose. Gli impacchi sono realizzati con polpa di carta priva di Sali solubili e bagnati in acqua deionizzata. Prima di procedere con la stesura dell’impacco è necessario rimuovere la parte esterna dell’intonaco rovinata da muffe o altri problemi estetici, pulire il muro eventualmente raschiandolo per bene. A questo punto si stende la miscela e si ricopre tutta la zona con un telo in plastica o in polietilene e sigilli le estremità con del nastro adesivo e impermeabile. Dopo almeno due giorni o più (dipende dai tempi del prodotto impiegato), rimuovi il film e l’impacco, pulisci con delle spazzole vegetali, bisturi e leggeri spruzzi d’acqua nebulizzata. In alternativa agli impacchi si possono utilizzare dei siliconi in emulsione. A questi si miscelano dei fluidificanti e DWS SAL, prodotti affini ai materiali lapidei (pietre), in grado di creare una barriera chimica volta a proteggere dal fenomeno di risalita.


    Estrattori di sali solubili: Estrattori bio eco-compatibili di Sali solubili

    estrattori sali solubili Gli estrattori bio eco-compatibili di Sali solubili, come si evince dal nome, sono realizzati con materiali interamente naturali a base di acqua distillata e fibre di pura cellulosa. Questo prodotto può essere applicato a spruzzo su uno spazio di piccole e grandi dimensioni. Non è tossico, infiammabile e non c’è bisogno di prendere precauzioni durante il suo utilizzo. Esso si differenzia dagli estrattori a base di argilla perché queste ultime tendono a ritirarsi e diminuirne l’aderenza sul muro. L’estrattore bio eco-compatibile è molto versatile perché può essere applicato su qualsiasi tipo di superficie (dalla pietra, cotto, alla ceramica). Il suo funzionamento segue il principio dell’evaporazione grazie al cosiddetto differenziale di capillarità. In altre parole, dopo aver steso il prodotto sul muro, per mezzo della capillarità della superficie, l’acqua presente nel substrato evapora portando con se i Sali solubili che si erano cristallizzati attraverso l’essicazione.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO