Vespaio aerato

Che cos'è un vespaio aerato

Il vespaio aerato si trova negli ambienti che sono a contatto diretto con i terrapieni: in pratica consiste in un'intercapedine tra il terreno e la parete del locale e che favorisce l'aerazione. Per questo viene spesso definito una camera d'aria. In ogni caso è un vano isolante che migliora il comfort abitativo e la salubrità dell'edificio, in quanto lo protegge da esalazioni, contaminazioni ed efflorescenze. Uno dei principali obiettivi del vespaio aerato è eliminare l'umidità di risalita e le risalite di acque di falda; allo stesso modo si previene la formazione di condense e di muffe e le esalazioni di gas radon dal terreno. In particolare ques'ultimo risulta molto pericoloso per la salute delle persone che usufruiscono dell'immobile. Le modalità e le tecniche utilizzate nel corso del tempo per creare queste intercapedini sono tante: quella base consiste nella posa di uno strato di ciottoli o pietrame calcareo che drenino l'umidità in eccesso. In alternativa si possono usare gli igloo, cioè casseri a perdere in materiali plastici, o le cupole in EPS.
vespaio aerato

Stop Spifferi KIT1 metro ISOLAMENTO Termico Acustico Cassonetto AVVOLGIBILI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,8€


I vespai aerati con cupole

vespaio aerato Le cupole in EPS per vespai aerati sono l'ultima tipologia introdotta sul mercato: si caratterizzano per svolgere due funzioni allo stesso tempo, cioè quella isolante e quella di sostegno. Sono diventate molto popolari e diffuse per il fatto di impiegare prodotti che garantiscono una rapida posa in opera del vespaio. Questa tipologia si basa infatti sull'uso di casseforme a perdere modulari realizzate in materiale plastico: sono autobloccanti e si installano facilmente, così si risparmia tempo e denaro rispetto agli altri metodi. Un esempio di cupola per vespaio aerato è Cupolex, commercializzato dalla ditta produttrice Pontarolo Energineering Spa: gli elementi modulari sono in polipropilene, cioè in plastica rigenerata. Hanno un'altezza variabile, mentre le dimensioni in pianta sono sempre 58x58 centimetri: vanno collegati tra loro così da creare una struttura autoportante. A questo punto si fa una gettata in calcestruzzo così da avere una soletta poggiante su pilastrini: il suo spessore dipende dal carico che dovrà supportante. L'intercapedine sottostante deve rimanere libera mentre i pilastrini devono avere un interasse di 56 centimetri.

    imballaggi2000 Pannelli Polistirolo Isolamento Termico Densita' 15 kg Mc 100X100X2 30 Pezzi

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 40€


    I vantaggi che si ottengono con le cupole

    vespaio aerato Il vespaio aerato ottenuto con una cupola è molto vantaggioso rispetto ai metodi tradizionali: infatti permette di effettuare il lavoro in un'unica fase. In questo modo si racchiudere vespaio aerato e isolamento in un unico getto. Di conseguenza lo spessore totale del pacchetto non ha differenze, i costi di lavorazione sono minori e anche i tempi di realizzazione. L'isolamento ha un orientamento in direzione della parte fredda, così da mantenere la temperatura interna degli ambienti costante: di conseguenza si ottiene un notevole risparmio energetico. In secondo luogo il vespaio aerato con cupola è coibentato, quindi si elimina il ponte termico tra le fondazioni e la soletta: in questo modo si aumenta notevolmente il comfort abitativo e la salubrità degli ambienti. Infatti il ricircolo dell'aria sotto il piano di calpestio convoglia umidità e gas nocivi fuori dall'edificio. Si tratta del metodo ideale in caso di riscaldamento a pavimento.


    Vespaio aerato: Le tipologie di vespaio aerato

    tipologie di vespaio Il vespaio aerato risulta tra i sistemi di protezione degli edifici dall'umidità del suolo più semplici che esistano. La tecnica su cui si basa era impiegata già ai tempi degli antichi romani. Oggi il sistema di costruzione si è evoluto con l'adozione di numerose soluzioni innovative: in genere il vespaio aerato è un sistema di attacco a terra le cui superfici orizzontali hanno uno spessore medio dai 30 ai 50 centimetri. Quelle verticali hanno invece un cunetta di raccolta con una pendenza adeguata così che le acque infiltrate possano defluire. Ci sono tante tipologie di vespaio: quelle classiche sono formate da tavelloni poggiati su muretti poco distanti l'uno dall'altro. Infine sono ricoperti da una cappa di cemento armato. Una tipologia più innovativa prevede l'installazione degli igloo, cioè di cupole .



    COMMENTI SULL' ARTICOLO