Coibentazione pareti

Pannelli coibentati per pareti

Il termine coibentare indica l'isolamento di due elementi in modo che essi non abbiano scambi di temperatura o di vibrazioni sonore.

La coibentazione si attua interponendo nell'intercapedine tra le superfici un materiale che sia termoregolante o fono assorbente.

La coibentazione è quindi realizzata per regolare la temperatura di un edificio o di una stanza, per isolare dai rumori oppure per entrambi questi motivi.

Solitamente i pannelli coibentati che si utilizzano per isolare sono composti da poliuretano espanso, lana di vetro o di roccia, polistirolo espanso o gomme sintetiche a bassa conducibilità termica. La coibentazione ben eseguita consente di ridurre il flusso termico di calore in uscita e, nelle stagioni calde, impedisce che questo penetri nell'edificio, per cui risulta efficace e protegge sia dal freddo che dal caldo. Moderni pannelli coibentati sono disponibili sul mercato in diverse finiture che vanno dall'aspetto legno, mattone, grigio - bianco, in modo da realizzare il rivestimento più confacente all'edificio. Sono pannelli semplici da montare, adatti anche per gli amanti del fai da te.

Coibentazione pareti

ARTIMESTIERI - PITTURA TERMICA DI SUGHERO - ANTIMUFFA e ANTICONDENSA per pareti FREDDE poco ISOLATE - 15 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 144,89€


Isolamento termico edifici

Isolamento termico edificiIl cosiddetto cappotto dei muri perimetrali è appunto una definizione usata per indicare la coibentazione degli edifici con materiale isolante.

La classe energetica di un edificio è un'informazione che influisce sul valore dell'immobile e deve essere indicata in caso di vendita.

Un tecnico abilitato rilascia l'Attestato di Certificazione Energetica, dopo aver stabilito con opportuni calcoli questo dato.

Un edificio dotato di buona coibentazione è amico dell'ambiente e vale di più sul mercato.

I materiali disponibili per l'isolamento termico ed acustico sono molti, ciascuno con pregi e difetti, per cui bisogna valutare i singoli casi e scegliere il migliore per ciascuna esigenza.

In grandi linee, si distinguono in isolanti naturali, come i pannelli in fibra di legno, sughero, cellulosa, perlite, pannelli di calce espansa e simili, oppure materiali isolanti sintetici, formati da polistirolo espanso o estruso, lana di vetro, lana di roccia ed altri ancora.

L'isolante migliore è quello che conduce male il calore e tutti questi materiali sono cattivi conduttori termici. La scelta è quindi influenzata da quanto isolamento termico è necessario, dallo spazio e dalle condizioni disponibili per realizzarlo, dal costo del materiale, dalla possibilità o meno di crearlo da soli o dalla necessità di far intervenire ditte specializzate, come nel caso di sistemi che utilizzano grandi quantità di schiume.

    ARTIMESTIERI - Intonaco Termico Di Sughero bancale da 60 sacchi - kg 900 - circa 1.9 mc

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 1682,89€


    Coibentazione pareti interne

    Ci sono casi in cui non è possibile coibentare un'abitazione esternamente, perchè la struttura è sottoposta a vincoli architettonici, perchè non si vuole toccare un muro facciavista o per mancanza di spazi adeguati ed altri motivi tecnici.

    In questi casi si può ovviare con una coibentazione interna, che migliora il comfort dell'abitazione e fa guadagnare dai 2 ai 4 gradi di temperatura, anche se si perde qualche centimetro di spazio utile. E' la soluzione scelta anche quando si vuole isolare solo una parte di un edificio.

    Se si decide di coibentare internamente bisogna fare attenzione a diversi aspetti. L'operazione va eseguita con molta cura e può essere fatta sullo strato di supporto, e cioè direttamente sulla muratura, con un materiale che sia permeabile al vapore e non favorisca condensa interstiziale. Si può coibentare internamente anche utilizzando delle strutture di sostegno staccate di qualche centimetro dalle pareti, su cui vengono montati i pannelli di materiale isolante che, in questo caso, deve essere rigido.

    La coibentazione interna va eseguita non solo sui muri perimetrali, ma anche su soffitti e pavimenti, con pannelli e intonaci isolanti, altrimenti si corre il rischio di deterioramento delle pareti in corrispondenza dei punti termici.

    In generale, è opportuno ricorrere alla coibentazione interna solo quando non è possibile eseguirla esternamente, poiché risulta meno efficace, ma è da considerare che, se il cappotto esterno garantisce una temperatura costante negli edifici, la coibentazione interna permette di riscaldarli più in fretta quando si accende un sistema di riscaldamento. Per questo motivo viene ritenuto valido per le case vacanza o per i luoghi abitati saltuariamente, che bisogna riscaldare in poco tempo.

    La coibentazione valorizza gli edifici.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO