Come si fa il cartongesso

vedi anche: Cartongesso

Cos'è il cartongesso

Il cartongesso è una lastra di pochi millimetri di spessore, circa 12,5, usata soprattutto per controsoffittature o pareti divisorie.

Il gesso è un minerale tenero molto comune in natura e per questo motivo, sin dalle più antiche civiltà, è stato adoperato per vari scopi, fondamentalmente in edilizia.

Le lastre di cartongesso sono formate da una parte centrale di gesso inserita tra due fogli di cartone opportunamente trattato per essere resistente e per funzionare come armatura esterna.

Anche il nucleo centrale in gesso viene addizionato con additivi per risultare resistente al fuoco, all'acqua, agli urti o all'umidità, a seconda dell'impiego per cui viene richiesto.

Le lastre che ricoprono il gesso possono essere anche di altri materiali, come il piombo e possono essere decorate, per renderle più gradevoli in caso di utilizzo per muri divisori.

Esse possono avere anche una funzione fonoassorbente o essere utilizzate per ottenere un miglioramento della correzione acustica.

Le lastre di cartongesso hanno una larghezza standard di 1,2 metri e una lunghezza che varia da 60 centimetri a 4 metri, così da essere adattabili a soffitti di altezze diverse.

cartongesso

TRIPLEX® H4 *100 Viti, 6 X 40 mm-Tavolo in 2 i sec.-Tasselli autoperforanti, senza Martello né Cacciavite ma solo con Punta di trapano.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,32€


Come si usa il cartongesso

Come si usa il cartongessoIl successo di questo materiale deriva principalmente dalla sua semplicità di uso, oltre che dalla facilità di reperimento della materia prima.

Non è necessario essere dei professionisti per ottenere buoni risultati col cartongesso.

Per costruire una parete divisoria basta seguire pochi accorgimenti.

Innanzitutto bisogna tener presente che le pareti si realizzano posizionando due lastre di cartongesso con al centro un materiale isolante, come può essere la lana di vetro, quindi per l'acquisto bisogna calcolare il doppio del perimetro dello spazio da chiudere col cartongesso.

La parete divisoria può servire per creare un altro ambiente in una stanza abbastanza grande, per separarla in due, o creare una cabina armadio o un ripostiglio.

Una volta tracciate le due linee parallele su pavimento, mura e soffitto e, soprattutto, dopo essersi accertati che siano perfettamente a piombo e perpendicolari, si montano le guide con dei tasselli almeno ogni 40 cm, cominciando dal pavimento.

Nelle guide si inseriscono i montanti. Considerando che le lastre sono di m 1,20 e che la lastra va posizionata in modo che il centro sia nel montante, questi ultimi andranno posizionati ogni 60 cm. Inserita la prima fila di lastre di cartongesso ed opportunamente fissata con viti speciali per il cartongesso, si può provvedere al posizionamento di eventuali fili elettrici o tubi.

A questo punto si colloca il materiale isolante e si procede col montaggio dell'altra fila di lastre di cartongesso, che chiude la parete e forma il muro.

  • cartongesso Il cartongesso è un materiale molto leggero e facilmente maneggiabile, pertanto molto diffuso nell' edilizia. E' costituito da gesso di cava, un materiale facilmente reperibile, compresso tra due fogl...
  • parete attrezzata in cartongesso Come si può facilmente dedurre dal nome, il cartongesso è ottenuto dal gesso minerale, un materiale molto diffuso nel campo dell’ edilizia fin dai primi tempi dell’ architettura, e infatti molte sono ...
  • libreria in cartongesso Il fai da te include moltissime occupazioni, adatte a qualsiasi persona, che spaziano dal giardinaggio, alla creazione di piccoli bijou, alla modifica di oggetti e strutture. Si tratta di operazioni c...
  • parete in cartongesso Attraverso il fai da te è possibile occuparsi di varie operazioni, ognuna in un settore diverso. Ciò rende possibile a tutti, indipendentemente dai loro scopi e dai loro interessi, interessarsi al fa...

Skil 6221AA Energy Trapano Avvitatore a Filo, Nero/Antracite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,09€
(Risparmi 5,9€)


Come si fa il cartongesso: Rifiniture e consigli

Rifiniture cartongesso Quando la parete è ormai formata e ben fissata, si rifiniscono con dell'apposito nastro tutti i punti di unione dei pannelli e si procede a stuccare sia il nastro che le viti.

Quando lo stucco è ben asciutto, si liscia per bene e si può procedere all'imbiancatura che, naturalmente può essere fatta nel colore che si preferisce. E' importante ricordare che le pareti di cartongesso non tollerano bene il posizionamento di viti o di chiodi. Per ovviare a questo problema esistono dei tasselli particolari, detti ad ombrello, che una volta oltrepassato lo spessore del cartongesso, si aprono, appunto ad ombrello, agganciandosi alla parte interna della parete e realizzando una buona tenuta. Il materiale isolante che si inserirà nell'intercapedine tra le due pareti di cartongesso sarà scelto tendendo presenti le caratteristiche dell'ambiente e le prestazioni che la parete deve raggiungere, quindi un isolante termico, piuttosto che acustico o ignifugo. La pittura migliore per il cartongesso è un'idropittura acrilica per interni, specifica per questo materiale, che ha un ottimo potere coprente e opacizzante. E' applicabile con il rullo o airless e garantisce una buona assorbenza, omogenea su ogni superficie. Il cartongesso è la soluzione semplice ed economica per risolvere piccoli problemi di spazi da sfruttare, senza bisogno di fare opere in muratura ed evitando tutto il fastidio di sporco e disagio che l'intervento di un professionista comporta. Questo lo rende un materiale da tenere in considerazione nelle varie evenienze che talvolta si presentano, come una buona, semplice e pratica tecnica per usare gli spazi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO