Rinnovare la piastrellatura

La progettazione

Un lavoro come quella della piastrellatura di un ambiente della nostra abitazione si rende necessario quando le vecchie piastrelle sono rovinate.

Per fare in modo che il lavoro, anche fatto da noi, sia fatto a regola d'arte è necessario procedere con la stesura di un progetto redatto su carta millimetrata; in tal modo avremmo la certezza che ad ogni quadrato di un centimetro di carta millimetrata corrisponda una delle nostre mattonelle (ovviamente adetteremo il nostro disegno in caso di piastrella di forma rettangolare).

Alla distanza di una mattonella dall'inizio della parete da piastrellare, piazzeremo una piccola asse di legno ben dritta. Questa accortezza ci ritornerà utile in quanto sarà la nostra guida per partire bene con la posa in opera.

Iniziamo, quindi, la nostra operazione applicando l'apposito collante per piastrelle su queste ultime e iniziando ad appoggiarle alla parete lungo le assi di legno che abbiamo precedentemente posizionato. Per garantire il corretto allineamento delle piastrelle consigliamo l'utilizzo di un distanziatore a croce. Quando saremo certi che le prime piastrelle avranno perfettamente aderito alla parete, potremmo rimuovere le assi di legno e continuare con la posa delle mattonelle.

rinnovare piastrellatura

Pavimento gres porcellanato per interno Colorado beige 30x60, 1 scatola = mq. 1,31

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


La fase di posa in opera

rinnovare piastrellatura Le prime difficoltà le incontreremo quando dovremo posizionare il rivestimento in prossimità, ad esempio, dei sanitari, operazione per la quale si dovrà necessariamente tagliare ed adattare la mattonella alla irregolarità della parete. Per rendere più semplice l'operazione, possiamo utilizzare un cartoncino sul quale segneremo con la matita la linea di taglio da seguire. A questo punto con un seghetto con lama al carbonio tagliamo con la massima cura e precisione la nostra piastrella per evitare che possa rovinarsi durante il taglio. Altra difficoltà potrebbe derivare da piastrelle che dovranno essere posizionate in prossimità di prese di corrente, interruttori e così via. In questo caso, è preferibile utilizzare un trapano provvisto di apposito accessori per praticare dei fori nelle piastrelle: anche questa operazione deve essere effettuata con la massima accortezza.

Terminata la fase di posa di tutte le piastrelle, si passa alla fase di apposizione dello stucco in tutte le intercapedini con un'apposita spatola di gomma, avendo cura di passare successivamente una spugna umida, e rimuovendo dopo circa 10 minuti lo stucco in eccesso con un panno.


    Fugenial "Fuginator®" Spazzola per fughe tra le piastrelle - Per pulire efficacemente le fughe ed eliminare la muffa in cucina - Setole verdi (pulizia cucina)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,95€


    La scelta del rivestimento nei vari ambienti

    rinnovare piastrellatura Nella scelta del tipo di rivestimento che applicheremo, si combineranno diversi fattori: la qualità del materiale che vorremmo utilizzare, il costo che dovremo sostenere, l'adattabilità all'ambiente e, ultimo ma non meno importante, il fattore estetico.

    Circa le piastrelle che utilizzeremo in cucina, dobbiamo seguire alcune regole base. Le piastrelle dovranno essere abbastanza resistenti ma allo stesso tempo porose per evitare che assorbano l'umidità circostante; inoltre queste piastrelle devono pulirsi facilmente per permettere la rimozione dello sporco di tutti i giorni. Parimenti per il bagno, la porosità della mattonella è un elemento basilare. Il bagno infatti è l'ambiente più umido della casa e quindi la mattonella deve rispondere a queste caratteristiche; inoltre, deve essere resistente allo sporco e ai detersivi che vengono utilizzati per la pulizia quotidiana, per evitare che si macchino in modo indelebile.


    Rinnovare la piastrellatura: Alcuni consigli utili

    rinnovare piastrellatura Può essere opportuno, utilizzare delle mattonelle di grosse dimensioni, questo perchè le fughe saranno ridotte e la superficie da pulire sarà meno estesa.

    Si consiglia anche che i rivestimenti siano in ceramica. Questo materiale infatti offre una buona resistenza all'acqua e allo sporco, purchè si utilizzino dei prodotti specifici. E' un materiale molto brillante che non deve però essere rovinato con prodotti non adatti.

    Infine l'aspetto estetico. E' ovvio che la scelta del rivestimento si effettuerà sulla base del gusto personale, ma è opportuno farla anche immaginando il tipo di arredamento che troverà collocazione negli ambienti piastrellati.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO