Calce viva

Caratteristiche principali

Per produrre calce viva è indispensabile utilizzare il calcare. Il calcare si trova naturalmente all'interno di rocce sedimentarie ricche di carbonato di calcio. Viene estratto in cave apposite, come ad esempio quelle che si trovano sulle Dolomiti. Il materiale, dopo l’estrazione, viene frantumato in maniera grossolana e introdotto in fornaci costruite allo scopo. Il calcare viene portato ad una temperatura che oscilla dagli 800°C fino ad un massimo di 1000°C e, in una decina di ore, avviene la trasformazione del calcare in calce viva. Dopo questa cottura eseguita a temperature assai elevate, il peso del materiale in uscita, è ridotto del 40% rispetto a quello introdotto. La causa di questa importante perdita di peso è da ricercare negli atomi di ossigeno e carbonio che si liberano dal calcare in qualità di anidride carbonica. La calce viva difficilmente viene commercializzata sotto forma di sassi, ma viene preventivamente macinata e insaccata in balle completamente impermeabili per evitare qualsiasi contatto con l’acqua o l’umidità.

La calce, per poter essere adoperata in edilizia, deve essere preventivamente spenta. Questo processo consiste nell’idratare con acqua la calce viva. La reazione che avviene è istantanea e molto violenta. Infatti si verifica un elevato sviluppo di calore e la trasformazione chimica dell’ossido in idrossido. Lo spegnimento della calce può essere eseguito per immersione o per aspersione: due maniere completamente diverse. Lo spegnimento per aspersione, viene effettuato solo a livello industriale perché è richiesta una serie di attrezzature dotate di nastri trasportatori mentre lo spegnimento per immersione è più semplice e si effettua gettando la calce viva in una vasca di spegnimento.

Calce viva

HG - Solvente per pellicola di cemento/calce viva, 5 L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,56€
(Risparmi 7,74€)


Come veniva prodotta in passato la calce viva

La calce viva attualmente in commercio, viene fatta unicamente a livello industriale ma in passato la sua produzione era relegata a piccole realtà rurali. Ad esempio nei Pirenei e nelle zone attigue alle Alpi Apuane la materia prima, ovvero il calcare, era facilmente reperibile e per questa ragione la popolazione della zona produceva quantità di calce viva atte a soddisfare a pieno le esigenze del luogo.

I forni della calce venivano scavati in terreni caratterizzati da una buona pendenza in modo tale che non servissero i muri di protezione. Questi forni venivano suddivisi in due parti distinte che consistevano in una parte alta delimitata da una sporgenza e da un focolare collocato in fondo al forno. La finitura del forno era fatta con argilla resistente alle elevate temperature. Il forno veniva caricato con un buon quantitativo di pietre calcaree e, successivamente, ricoperto da persone esperte del mestiere. La parte bassa veniva successivamente riempita di fascine di legni ben essiccati dall’elevato potere calorifico. Durante tre giorni e tre notti il focolaio veniva alimentato in continuazione affinché la temperatura si mantenesse costante attorno ai 1000 gradi centigradi. Il processo della calcinazione fa trasformare il calcare avente formula chimica CaCO3 in calce viva o ossido di calcio che dir si voglia: CaO.

  • blocchi di calcestruzzo Nell’ edilizia moderna fare a meno del calcestruzzo è quasi qualcosa di impossibile: si tratta, infatti, di un materiale che è diventato sempre più importante, e che infatti, oggi come oggi, rientra s...
  • La calce rasata viene utilizzata in quei processi di intonaco che vengono chiamati stabilitura. Lo strato è costituito da grassello di calce miscelato con materiali inerti silicei fini, come ad esempi...
  • Alcune note Le riparazioni in muratura rappresentano una delle classiche e più diffuse attività cui dobbiamo, presto o tardi, confrontarci se vogliamo procedere ad un qualsiasi tipo di aggiusto fai da te. Ovviame...
  • Calce idraulica La calce idraulica è un legante di tipo idraulico che indurisce anche in acqua, al contrario delle classiche calci aeree, che si solidificano solamente a diretto contatto con l’aria. Si tratta di un m...

Arabia 431 _ 1 4 cemento piastrelle immagine speculare stile Liberty Orientalische marocchina piastrelle

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44€


Calce viva: Dove si adopera la calce viva

La calce viva non si adopera in edilizia se prima non viene idrata ma tuttavia trova una vasta gamma di applicazioni in ambiti diversi. Ad esempio, può essere adoperata per ridurre il tasso di acidità delle acque o per la depurazione delle stesse. Infatti la calce viva riesce a trasformare i fosfati e le altre impurità presenti in sostanze non dannose né per l'uomo né per l'ambiente. Si possono utilizzare percentuali di calce viva come candeggiante o sbiancante e per disinfettare gli ambienti di ogni tipo. Se la calce viva viene sparsa su un terreno infestato da malattie fungine o da parassiti di vario tipo, lo purifica alla perfezione rendendolo di nuovo coltivabile. Alcuni agricoltori adoperano la calce viva su larga scala per rendere meno acidi i loro appezzamenti e poter così piantare ortaggi che desiderano un ph tendenzialmente basico.

La calce viva può essere acquistata in negozi che vendono articoli per agraria oppure in quelli che propongono alla loro clientela materiali edili.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO