Luce artificiale

Luce artificiale

Alla fonte di luce naturale per eccellenza, ovvero il Sole, indispensabile per la stessa vita umana, l’uomo, nel corso dei secoli, ha affiancato altre fonti di luce, in grado di produrre illuminazione in maniera artificiale. Oggi quando, si pensa alla luce artificiale, il primo tipo di luce che viene in mente è quella prodotta da apparecchiature generalmente elettriche, ma non è sempre stato così. Le prime fonti di luce artificiale risalgono infatti all’antichità, quando era diffuso l’uso del fuoco per produrre, oltre che calore, luce: focolari, torce e poi candele, candelabri e lanterne erano gli strumenti utilizzati per illuminare le case, gli edifici di culto e, spesso, anche le strade. Al fuoco si affiancarono poi le lampade e le torce ad olio e, a partire dai primi anni dell’Ottocento, si diffuse l’illuminazione a gas, sperimentata prima nelle case, e poi per l’illuminazione pubblica. Ma la vera e propria svolta che riguarda la luce artificiale è stata l’applicazione dell’elettricità all’illuminazione, invenzione che si fa risalire alle lampade ad incandescenza costruite da Wilson Swan nel 1878 e perfezionate poi da Thomas Edison l’anno successivo, precedute dalle lampade ad arco, che utilizzavano un arco elettrico per produrre una luce che si avvicinasse il più possibile a quella prodotta dal Sole. A queste lampade si affianca poi la lampada a carburo o ad acetilene, che veniva utilizzata dai minatori e, oggi, dagli speleologi, in sostituzione di quelle ad olio.
lampadine

Lampada Acquario Meduse Artificiali Finto Luce Comodino Notte Pila

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


La lampadina: da edison ai giorni nostri

La lampadina Nella lampada ad incandescenza di Thomas Edison, sfruttando l’effetto Joule (che consente ad un conduttore attraversato da una corrente elettrica, in base all’intensità di quest’ultima, di disperdere energia sotto forma di calore), la luce veniva prodotta grazie al riscaldamento di un filamento di tungsteno (un metallo di transizione identificato, nella tavola periodica, dal numero atomico 74 e dal simbolo W) attraverso il quale passa la corrente elettrica: venivano così prodotti, contemporaneamente, calore e luce. Questo tipo di lampada aveva una durata pari a circa 1000 ore, esaurite le quali andava sostituita. Oggi la fonte di luce artificiale più simile alla lampada ad incandescenza è la lampada alogena, ma naturalmente si tratta di una variante molto più evoluta, con una durata e un’efficienza luminosa maggiori. Un altro tipo di lampada è quella a scarica, che produce luce grazie ad un gas, come il sodio oppure il mercurio, che viene ionizzato per effetto di una scarica elettrica: un esempio sono oggi le lampade fluorescenti o al neon nelle quali, oltre al gas, è presente anche un materiale fluorescente, e la cui resa è sicuramente maggiore rispetto alle lampade ad incandescenza. Tutte queste lampade sono caratterizzate dalla presenza di un filamento, e diventano inutilizzabili una volta che questo si brucia completamente. Oggi sono infine molto diffusi i LED, ovvero i diodi ad emissione luminosa: si tratta di dispositivi costituiti da uno o più diodi, alimentati da un apposito circuito elettrico, che producono luce artificiale grazie a quella che in fisica viene definita ricombinazione Elettrone-Lacuna, ovvero attraverso l’emissione di fotoni. I LED, anche se più costosi, hanno una resa e una durata maggiori rispetto ai tipi di lampade precedenti, tanto che quando si avvicinano alla fine della loro "vita" non si spengono subito ma la luce artificiale comincia semplicemente a perdere di intensità.

  • lampadario La luce, oggi come oggi, per l' uomo è un elemento indispensabile anche di sera, quando quella naturale offerta dal sole è ormai svanita. Fortunatamente, oggi l'uomo può avvalersi della luce ottenuta ...
  • luci al neon colorate Quando ci si occupa della propria casa, è inevitabile occuparsi anche della sua illuminazione, che deve essere sempre efficiente in quanto deve permettere sempre ad un ambiente di essere luminoso e qu...
  • interruttore on-off Molti strumenti elettronici sono così comuni, così facili e frequenti da rintracciare, che in tantissimi casi si finisce per trascurarne l’importanza, la validità e la possibilità di trovarli sul merc...
  • Alcune note Quando si parla di progettazione illuminotecnica spesso si pensa di sapere fino in fondo a cosa è giusto fare riferimento. E, tante altre volte, si tende a sminuire, più o meno inconsciamente, il conc...

LE 12W Luci per Piante E27 12Leds, 9 Rosso+3 Blu Frutta/Verdure//Piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,59€
(Risparmi 14,4€)


Perchè è importante una corretta illuminazione artificiale

illuminazione artificiale Nel corso dei secoli le tecniche e gli strumenti che consentono di avere sempre a disposizione la luce si sono evolute e oggi, questo campo, non è più appannaggio esclusivo di elettricisti o tecnici che, per mestiere, si occupano di progettare impianti di illuminazione. Infatti una corretta illuminazione e un corretto utilizzo delle sorgenti di luce artificiale sono fondamentali per la stessa salute umana. Basti pensare che, secondo quanto emerso da studi specifici a riguardo, la luce artificiale può essere annoverata tra le cause dell’insonnia, di disturbi dell’alimentazione, di alterazioni dell’umore. Tutto ciò perché l’organismo umano, evolutosi secondo i ritmi regolati dalla luce naturale, ha dovuto poi adattarsi necessariamente per stare al passo con le innovazioni che riguardano l’illuminazione artificiale. Per tutti questi motivi quindi è necessario che ci sia una progettazione attentamente studiata della luce artificiale, sia per gli ambienti interni, sia per quelli esterni.


Come progettare una corretta luce artificiale

luce artificiale per interni Nella progettazione della illuminazione artificiale degli ambienti interni bisogna tener conto, oltre che della specifica normativa in materia, anche di alcuni fattori: prima di tutto la luce artificiale è importante sia per il confort visivo e fisiologico, sia per quanto riguarda il risparmio energetico; in secondo luogo i colori subiscono variazioni, ad esempio i raggi infrarossi prodotti dalle lampade ad incandescenza si sovrappongono agli altri colori e ne sfalsano la visione, mentre le lampade fluorescenti possono causare l’affaticamento della vista. Sarà quindi necessario che l’illuminazione artificiale produca una alternanza armonica tra zone chiare e zone scure, da coordinare con le caratteristiche volumetriche, gli arredi e i colori delle superfici dei diversi ambienti.




COMMENTI SULL' ARTICOLO