Sementi orto

Sementi ortaggi

Per la buona riuscita dei prodotti la scelta dei sementi ortaggi riveste un ruolo importantissimo. In commercio si può trovare qualsiasi tipo di seme, da quelli degli ortaggi più facili da coltivare a quelli un po' più complessi. Tra le varietà di sementi maggiormente utilizzati vi sono quelli considerati ibridi. Sono quelli selezionati e sperimentati, talvolta anche in laboratorio, con altri tipi di piante per ottenere, nel corso degli anni, semi in grado di offrire una grande resistenza alle malattie. Questi semi garantiscono una migliore riuscita nelle coltivazioni, con produzioni più uniformi ed abbondanti. La particolare resistenza alle malattie inoltre rende necessario un minor utilizzo di anticrittogramici, donando prodotti più sani e biologici. Molti pensano che i semi prodotti da piante ibride siano sterili, ma non è così. In realtà anche da questi semi si possono riprodurre piante, che però non presenteranno le stesse caratteristiche della pianta madre e non garantiranno la continuità dei risultati avuti con il primo raccolto. Per questo motivo è sconsigliato utilizzare questi semi per la riproduzione.
Piccolo germoglio

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Sementi orto on line

Piante di pomodori Sono sempre di più le aziende che propongono l'acquisto di sementi orto on line. I prezzi vantaggiosi e la più ampia varietà di scelta hanno decretato un sempre maggiore successo dei negozi telematici. Come quelli trdizionali offrono prodotti di diverse tipologie: dagli ibridi a quelli a impollinazione libera. Nella confezione proposta dagli e-commerce, come in quella in vendita nei negozi tradizionali, troverete tra le altre indicazioni anche le informazioni relative a questa importante distinzione. Mentre i semi ibridi sono il risultato di incroci, quelli ad impollinazione libera provengono da procedimenti naturali effettuati in pieno campo. Questi ultimi presenteranno tutte le caratteristiche della pianta madre. Si tratta in pratica del metodo utilizzato nella totalità dei casi prima dell'avvento degli ibridi. I prodotti ottenuti dai sementi ad impollinazione libera si presentano con sapore più intenso, forme e colori variabili. Meno affidabili in termini di risultato rispetto agli ibridi, offrono costi di acquisto notevolmente inferiori e la possibilità di generare nuove piante ogni anno utilizzando i semi del prodotto ottenuto.

  • Attraverso il fai da te è anche possibile dedicarsi al giardinaggio, ovvero a tutte quelle operazioni necessarie per rendere il giardino di casa propria accogliente e bello, così come è possibile effe...
  • carote Spesso, chi si occupa di giardinaggio “fai da te” , decide di coltivare, piuttosto che le varie piante ornamentali, un vero e proprio orticello. Questa scelta può essere motivata da molti fattori, spe...
  • zucca La zucca è una pianta propria dell' America centrale, anche se i semi più antichi sono stati ritrovati in Messico, e risalgono al 7000 circa a.C. E' stata importata in occidente subito dopo la scopert...
  • Alcune note Mettere a punto il progetto di un orto rappresenta qualcosa di molto interessante e, allo stesso tempo, qualcosa di molto positivo e assolutamente fattibile per una porzione sempre crescente di italia...

Il Kit ortaggi stravaganti di Plant Theatre - 5 straordinari ortaggi da coltivare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Sementi orticole

Patate I sementi orticole si suddividono in quattro importanti categorie: curcubitacee, solanacee, brassiche e composite. Le prime sono piante erbacee rampicanti o striscianti, che si sviluppano lungo un fusto cavo, e producono frutti con una polpa carnosa racchiusa all'interno di una buccia. Tra i prodotti principali di questa varietà ricordiamo le zucche, le angurie, il cetriolo ed il melone. Le solanacee sono piante erbacee o legnose caratterizzate da fiori actinomorfi. A questa famiglia appartengono patate, pomodori, melanzane e peperoni. Le brassiche sono invece piante erbacee a grandi foglie, biennali o perenni. A questa varietà appartengono i cavolfiori e tutte le varietà di cavoli. Infine le composite, conosciute anche con il nome di asteraceae, sono tutte quelle piante che danno prodotti caratterizzati da infiorescenze. A questa varietà appartengono la lattuga, il radicchio, il cardo, il carciofo, la cicoria indivia ed il girasole.


Catalogo sementi orto

Piante di insalata Quando visualizziamo un catalogo sementi orto è necessario tenere sempre ben presente le caratteristiche della zona in cui viviamo. I migliori risultati infatti, saranno ottenuti se prediligiamo prodotti che ben si adattano alle condizioni atmosferiche caratteristiche del territorio. Sulle confezioni e nei cataloghi possiamo trovare i periodi più indicati per la semina di ogni prodotto, ma dovremmo anche considerare che da una zona all'altra si possono avere condizioni climatiche completamente diverse nello stesso periodo dell'anno. Così se per un prodotto vengono indicati ideali per la semina i mesi tra aprile e giugno ed abitiamo in Sicilia potremmo iniziare le operazioni già i primi di aprile, mentre se abitiamo in Trentino potrebbe essere consigliabile procedere alla semina alla fine di maggio. In catalogo troviamo anche una serie infinita di altre informazioni, come la varietà e l'eventuale preparazione del terreno richiesta. Troveremo anche la data in cui il seme è stato confezionato. Sebbene sia importante la data di scadenza è sempre bene tenere presente che per una buona germinazione, un prodotto più fresco offre garanzie migliori.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO