Balcone fiorito

Come realizzare un balcone fiorito: operazioni preliminari

Per trasformare un semplice e spoglio terrazzo in un paradiso fiorito è necessario comprendere quanti vasi (e di quali dimensionai) possiamo sistemare e decidere, approssimativamente, la loro posizione.

Generalmente, per i balconi si preferiscono i classici vasi a vaschetta, stretti e lunghi, che si possono collocare anche negli appositi portavasi e sistemare alla balaustra.

Se si ha a disposizione un ampio balcone, si possono utilizzare anche vasi, o vasche, di dimensioni più grandi (da tenere a terra).

E' bene ricordare che un vaso grande non solo consentirà di mettere a dimora piante più o meno grandi, ma ci permetterà anche di avere a disposizione un maggiore "spazio di crescita" (che si traduce in una miglior sviluppo dell'apparato radicale).Ogni vaso dovrà poggiare su un capiente coprivaso.

Per avere piante sane e belle è indispensabile utilizzare un terriccio di qualità medio-alta. E' importante scegliere un buon terriccio in quanto esso rappresenta il substrato che dovrà fornire il corretto apporto di sali minerali ai vostri fiori.

Se si coltivano piante stagionali, sarà importante procurarsi anche dello stallatico (che andrà sistemato nelle fioriere) e, per i mesi più caldi, del concime liquido.

Prima di decidere quali fiori coltivare è importante capire l'esposizione al sole del vostro terrazzo. Ci sono fiori e piante che hanno assolutamente bisogno della luce diretta del sole ed altri che, al contrario, non la sopportano.

Balcone fiorito

Balcone 506709 Cassetta per fiori, 100 cm, colore: Antracite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,09€


I prìncipi dei balconi: i gerani

geraniChi ha la fortuna di aver un bel balcone perennemente baciato dal sole può scegliere tra un gran numero di fiori da coltivare.

I principi dei balconi sono i gerani.

Coloratissimi, allegri e resistenti, i gerani, sono molto semplici da curare. Originario dell'Africa australe, il geranio (Pelargonium), ben sopporta il caldo e non teme la siccità.

Il geranio può essere coltivato in vasi rotondi, di media grandezza, o in fioriere. L'importante è calcolare tra ogni pianta coltivata uno "spazio vitale" di circa venti centimetri.

Per quanto riguarda il terriccio, il gerani hanno radici forti e robuste (e crescono bene più o meno ovunque), ma necessitano di substrati drenati e soffici, ma leggermente acidi. Una buona idea è quella di mescolare terreno e torba.

I gerani vanno innaffiati con regolarità. preferibilmente durante le prime ore del mattino, facendo attenzione che non si verifichi un dannoso ristagno d'acqua.

Le operazioni relative alla potatura (da effettuare esclusivamente con appositi forbici da giardinaggio) e la concimazione (che avverrà con un fertilizzante ricco di azoto, potassio e ferro) vanno effettuate all'inizio della primavera (e continueranno, poi, durante la fioritura).

Nel caso in cui i gerani subiscano l'attacco di parassiti (acari e afidi sono i più pericolosi) è necessario trattarli con specifici insetticidi. I gerani sono fiori resistenti, ma possono essere aggrediti anche da funghi e muffe.


    Siepe Artificiale per Balcone Recinzione, protezione della privacy, protezione dai raggi UV LianLe (F: Rosa)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,45€


    Balcone fiorito: E se il balcone è ombreggiato?

    mughettoChi ha un terrazzo esposto a nord, dovrà fare i conti anche con lunghe ore d'ombra. Un balcone ombreggiato, però, non è obbligatoriamente un balcone senza fiori.

    Alcuni fiori, infatti, crescono e vivono meglio con poco sole.

    Degli ottimi fiori dal balcone in ombra sono i mughetti.

    Il mughetto è una piana erbacea perenne caratterizzata da radici rizomatose e da profumatissimi fiori a forma di campanellino (di colore rosa o bianco).

    Si tratta di un fiore molto resistente: non teme le gelate ed, anzi, ama le basse temperature.

    Piantato in primavera o in autunno, il mughetto, fiorisce nel mese di maggio, Per crescere sano ha bisogno di un terreno fresco e leggero, meglio se ricco di detriti vegetali.

    L'annaffiatura dev'essere regolare, ma moderata, mentre la concimazione che avviene durante i mesi primaverili ed autunnali dev'essere effettuata con concime organico in polvere.

    Se si vuole dare un po' di colore al balcone si possono scegliere le astilbe, deliziose pianti perenni originarie dell'Asia. Possono crescere anche all'ombra più completa e sono molto facili da curare: necessitano solo di un terriccio ricco di humos e sempre umido.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO