Bracciale macramè fai da te

In Italia il macramè trovò le sue radici nelle zone fiorentine e nel genovese, dove la maggiore attività era quella dell'artigianato tessile con produzione di tessuti adatti alla lavorazione a nodi.

Anche gli uomini si dedicavano al macramè, specialmente i pescatori che durante i lunghi mesi passati in mare creavano dei veri e propri pezzi da museo.

bracciale macrame


Primi passi

realizzare bracciali macramèI nodi usati per questo tipo di lavorazione sono pochi e piuttosto semplici, con poche prove in breve tempo otterrete dei buoni risultati.

Per iniziare il lavoro tagliate un filo nella misura della larghezza del lavoro fate un nodo all'inizio ed uno alla fine del filo ed appuntatelo con due spilli ad un cuscino piuttosto pesante ( l'ideale sarebbe avere a disposizione un tombolo ), il filo deve essere ben teso.

Questo filo che si chiama " filo portanodi " è la base del lavoro a macramè.

Tagliate ora i fili che vi serviranno per eseguire il lavoro, piegatene uno a metà e passatelo sotto il portanodi dal basso verso l'alto, infilate i due capi nel cappio e tirate per formare un nodo, proseguite con tutti gli altri fili, mantenendoli vicini, evitando però che si sovrappongano.

  • bracciali all'uncinetto Se vi piacciono i lavori manuali e avete fantasia, potreste dedicarvi alla realizzazione di bracciali uncinetto che saranno unici e particolari. Per fare ciò avrete bisogno di materiale facilmente rep...
  • fare bracciali scooby doo La realizzazione di braccialetti denominati scooby doo è una moda nata già negli anni Sessanta, quando, per realizzarli, si utilizzava del semplice spago. Pare che alla creazione di scooby doo si de...
  • Bracciali uomo Ormai l'idea che solo le donne possano indossare i gioielli è stata ampiamente sdoganata. Un tempo si pensava che solo il gentil sesso potesse ornare il proprio corpo con dei monili, fossero essi anel...
  • Creare bracciali Prima di iniziare la creazione del nostro bracciale sarà necessario munirsi di alcuni fondamentali attrezzi, diversi a seconda del modello da elaborare, senza i quali il progetto non si potrà realizza...


Nodo piatto

realizzare un bracciale macramèSul portanodi avviate quattro fili, come spiegato in precedenza, tenete fermi i due fili centrali avvolgendoli all'anulare della mano sinistra.

Portate il filo di destra sopra i due fili centrali formando un'anello e passandolo sotto il filo di sinistra.

Passate il filo di sinistra sotto i due fili centrali e quindi nell'anello dal basso verso l'alto.

Tirate contemporaneamente i due fili laterali, si formerà così un piccolo intreccio che farete scorrere verso l'alto.

In questo modo avete formato la prima parte del nodo.

Prendete il filo di sinistra e formate un'anello passando sopra i fili centrali e sotto il filo di destra.

Prendete il filo di destra e passatelo sotto i fili centrali e quindi dentro l'anello di sinistra.

Tirate i fili laterali facendoli scorrere verso l'alto e completando così il nodo.

Dovete tirare i fili sempre nello stesso modo così che i nodi risultino regolari e ben allineati.

Anche se questi passaggi in un primo momento possono sembrarvi complicati non demoralizzatevi e vedrete che con poca pratica tutto vi diverrà semplice.


Bracciale con nodo piatto e perle veneziane

Occorrente:

Filo grosso nel colore desiderato

tre grosse perle veneziane

una chiusura rettangolare per bracciale con tre fori

La lavorazione semplice di questo bracciale accostata alle perle veneziane ne fanno un pezzo unico ed elegante.

Su di un filo portanodi avviate dodici fili che userete per realizzare tre cordoncini a nodo piatto.

Durante la lavorazione inserite una perla veneziana in ogni cordoncino, per fissare la perla fate passare i fili all'interno del foro, quindi riprendete la lavorazione a nodo piatto.

E' importante che le perle vengano inserite a distanze alterne in modo che non si tocchino tra di loro.

Terminato il bracciale fissate alle due estremità un fermaglio rettangolare cucendo ogni cordoncino ad uno degli appositi fori.

Con lo stesso metodo potete creare bracciali con un maggior numero di perle o con più cordoncini.


Bracciale macramè fai da te: Materiali adatti alla lavorazione macrame

Oggi il mercato offre una vasta gamma di filati adatti alla lavorazione macramè, l'importante è che siano robusti in modo da non sfilacciarsi o spezzarsi.

Il più utilizzato è il cotone facilmente reperibile in diverse dimensioni e colori, il cotone lanato per la sua morbidezza è indicato per creare braccialetti.

Inoltre per ottenere effetti diversi potete sperimentare altri tipi di materiali:

- Refe, una fibra molto resistente e ritorta, adatta per le lavorazioni sottili.

- Seta, filato pregiato da bellissimi colori.

- Juta, filato molto ruvido da abbinare con perle rustiche di legno o metallo.

- Cordoncini di fibre sintetiche, reperibili in diversi colori e dimensioni.

- Coda di topo, cordoncino lucido in poliestere realizzato in tutti i colori.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO