Sacchetti di plastica

L'Europa chiede all'Italia di ridurre la produzione di sacchetti di plastica

E' datata novembre 2013 la richiesta che il parlamento europeo di Bruxelles ha emanato nei confronti dell'Italia: ridurre il consumo di sacchetti di plastica e convertirli in sacchetti realizzati con materiali alternativi. Un dato allarmante vede l'Italia usare pro capite ben 180 sacchetti di plastica all'anno, contro i 4 usati da un abitante della Danimarca, Ma perché i sacchetti di plastica sono così inquinanti? Un passo indietro chiede di essere fatto, rivolgendo la nostra attenzione alle fasi produttive. I sacchetti di plastica sono realizzati con il petrolio, per cui il ciclo produttivo inizia da materie altamente inquinanti e difficili da smaltire. Segue l'impiego casuale e occasionale dei sacchetti di plastica, che vengono lasciati chissà dove e danno vita ad un ciclo di inquinamento dalle conseguenza disastrose. E' infatti appurato che la maggior parte dei sacchetti di plastica finisce nelle acque dolci e nel mare, dove pesci, tartarughe e animali marini muoiono a causa di soffocamento o perché scambiano i sacchetti per delle meduse galleggianti e tentano di inghiottirle. I sacchetti di plastica vengono difficilmente riciclati e la maggior parte dei comuni destina il loro smaltimento ai bruciatori della raccolta indifferenziata. Va da se che i fumi derivati dalla combustione della plastica sono nocivi per l'ambiente e per i terreni, un problema ampiamente discusso e largamente riscontrabile nel nostro paese.
Sacchetti di plastica

imballaggi2000 Borse Plastica Biodegradabili Shopper Medie 500 Pezzi Mater Bi Compostabili

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,99€


Quale alternativa ai sacchetti di plastica?

sacchetti di plastica I paesi più civilizzati hanno da tempo imposto alla grande distribuzione e ai negozi di non confezionare la merce venduta in sacchetti di plastica, ma di dotare i clienti di buste di carta o di sacchetti realizzati in materiale biodegradabile. Molte realtà della GDO del nostro paese hanno aderito con successo all'iniziativa, abbattendo la distribuzione di sacchetti di carta e incoraggiando i clienti a scegliere materiali alternativi. I sacchetti biodegradabili possono essere utilizzati per riporre il rifiuto umido e quindi vengono immediatamente riciclati.La loro composizione è ovviamente meno resistente dei sacchetti di plastica, ma basta avere l'accortezza di non riempire i sacchetti fino all'orlo e di suddividere gli alimenti o la merce acquistata in più buste. Un'ottima alternativa ai sacchetti di plastica consiste nel procurarsi delle shopper in cotone. Belle, colorate ed ecologiche, esse sono resistenti e capienti, per cui basta ricordarsi di portarle con se quando si va al supermercato e procedere a riempirle con la spesa. Molte persone contestano la salubrità delle shopper di cotone, ma un lavaggio bi settimanale con acqua calda e sapone, le mantiene pulite, profumate e disinfettate. Anche quando ci si reca nei negozi per lo shopping, si deve cercare di non richiedere i sacchetti di plastica, ma di riporre gli acquisti nelle shopper in tessuto. Questi piccoli gesti possono tradursi in un grande aiuto per l'ambiente e in un risparmio economico. I sacchetti di plastica non vengono quasi mai regalati dai negozianti, per cui non doverli acquistare si converte alla fine dell'anno in un risparmio di denaro consistente.

    Sacchetti senza manici in rotolo hd a strappo - Formato cm. 25x35 - Rotolo da 500 sacchetti trasparenti ideali per la conservazione in frigorifero di ortofrutta, verdure, pesci, cibi freschi e frutta - Buste utilizzabili per la raccolta di escrementi di cani e gatti e per sigillare pannolini usati

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,92€


    Sacchetti di plastica: Come usare al meglio i sacchetti di plastica che si possiedono

    Se si dispone di alcuni sacchetti di plastica non si devono buttare, ma usare in modo intelligente. La loro caratteristica principale è la resistenza e il fatto che trattengono i liquidi. Se ci rechiamo in piscina possiamo usare i sacchetti in plastica per accomodare il costume da bagno, la cuffia le ciabattine bagnate, mentre se andiamo in palestra possiamo riporre gli asciugamani bagnati o l'accappatoio. Un uso ovvio dei sacchetti di plastica è quello di ospitare i rifiuti della raccolta indifferenziata, risparmiando sull'acquisto dei sacchi da pattumiera. Per tenerli ordinati e riporli in uno spazio compresso, i sacchetti di plastica devono essere ripiegati in modo preciso. Bisogna stendere bene il sacchetto e piegarlo molte volte nel lato della lunghezza. Otterremo a questo punto una striscia, la quale va ripiegata partendo dal basso formando tanti piccoli triangoli. Per chiudere il sacchetto è ora sufficiente infilare il lembo dei manici nella fessura, che si crea naturalmente nella parte sottostante. Da ingombranti e voluminosi, i sacchetti di plastica si trasformano così in un piccolo pacchetto, perfetto per essere riposto nei cassetti occupando pochissimo spazio.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO