Mansarde in legno

Mansarde in legno: tecniche di costruzione

Costruire una mansarda e rendere l'ambiente simile a quello che si può trovare in un rifugio di montagna, è ideale per la privacy e il comfort, ed inoltre le tecniche sono abbastanza semplici. Infatti, generalmente vengono arredate con rivestimenti in legno, quali perline e mobili. Per renderla simile ad una baita di montagna, si può anche modificare il tetto rendendolo spiovente. Si tratta in questo caso di un' elaborazione semplice che prevede l'inclinazione della soffitta, utilizzando murali di legno atti a simulare travi. Il lavoro richiede un pizzico di inventiva, conoscenza delle tecniche basilari del bricolage del legno, ed alcuni tra utensili e materiali.
Mansarde in legno

Faro 33319 Ventilatore da Soffitto con Luce Veneto, Beige

Prezzo: in offerta su Amazon a: 120,3€


Mansarde in legno: i materiali e gli attrezzi

legnoI materiali necessari per la costruzione di una mansarda in legno, sono oltre a quest'ultimo, alcuni attrezzi come il seghetto alternativo per piccoli tagli di traversine e murali, la sega circolare per quelli particolarmente sagomati, oltre a chiodi, viti e collanti specifici per legno e muratura. Questi ultimi sono la colla vinilica e quella di pesce, ma in commercio se ne possono trovare altre sempre di natura animale, che hanno una notevole capacità di incollaggio su diverse superfici.

Il legno migliore per risparmiare e nel contempo molto resistente, è l'abete che ha costi limitati ed è possibile lavorarlo e rifinirlo con particolari coloranti a base di anilina. Inoltre, si può trasformare completamente, fino a simulare l'aspetto di mogano, ciliegio, palissandro o noce, a seconda dei propri gusti e dell'arredo che si intende impostare.

    Faro 33347 Ventilatore con Luce Honolulu Acrilico, Bianco

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 163,94€


    Mansarde in legno: impostazioni preliminari

    Mansarde in legnoUna mansarda dal tetto spiovente necessita innanzitutto di murali in legno della stessa dimensione dei travi classici, per cui la scelta ricade su quelli che hanno una misura di almeno 10x10 centimetri. Questi sono disponibili in genere nei centri all'ingrosso di legnami con aste abbastanza lunghe, tali da consentire di ancorarle da un lato all'altro della stanza senza giunture o prolunghe. Per impostare una mansarda è quindi importante dargli l'aspetto tipico che tutto sommato, riguarda principalmente la soffitta.

    Per la realizzazione è dunque necessario scegliere il lato da cui si intende partire con l'inclinazione (in genere quello che guarda verso una finestra o altri punti luce), dopodichè è sufficiente ancorare un murale di 10x10 centimetri in posizione orizzontale, quindi perpendicolare al pavimento. La stessa cosa va fatta sul lato opposto ad un'altezza tale da rientrare nelle misure scelte (e comunque non al di sotto dei due metri).

    Adesso, si può procedere ad installare altri murali della stessa dimensione, ancorandoli perpendicolarmente dal lato più alto verso quello basso. In un ambiente perfettamente quadrato come ad esempio di 4x4 metri, sono sufficienti altrettanti murali per ottenere l'intelaiatura necessaria. Quest'ultima, funge da graticola della soffitta, su cui poi in fase di finitura, si applicano dei pannelli di cartongesso da rivestire con perline in legno. Terminata l'impostazione della mansarda, ci si può dedicare ad altre opere, tra cui i rivestimenti murali con perline e la pavimentazione con i vari tipi di parquet disponibili sul mercato sia grezzi che prefiniti.


    Mansarde in legno: le finiture

    Una volta impostata una mansarda, le finiture sono altrettanto importanti per rendere l'ambiente accogliente ed in tema con il design prescelto. Si comincia quindi dalle finestre, acquistabili su misura del vano e disponibili di diverse qualità, anche se in questo caso quelle in alluminio-legno sono particolarmente indicate. Per gli amanti del fai da te, c'è inoltre la possibilità di costruirle con l'attrezzatura a disposizione. Il pavimento, se preesistente in ceramica e ben livellato, può essere ricoperto con listoni in legno prefabbricati, che consentono un rapido assemblaggio e sono abbastanza grandi e resistenti.

    A lavori ultimati, si sceglie la tonalità dei colori dell'ambiente, e si procede con la tinteggiatura utilizzando aniline, vernici o flatting (se si sceglie il color legno naturale). Le pareti, per una mansarda con questa impostazione, vanno ricoperte con perline ad incastro (grezze o prefinite), che completano l'opera di costruzione della struttura, per cui non resta che provvedere ad inserire i mobili, anche eventualmente autocostruiti.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO