le tende

Tutti i tipi di tende: pregi, difetti ed errori più comuni

In tutte le nostre abitazioni basta girarsi e il nostro occhio non potrà non ricadere che su una tenda. E possiamo trovarci in salotto, in veranda, in terrazzo e anche in cucina o camera dal letto perché, è quasi superfluo da ribadire, ma si tratta di uno degli oggetti più diffusi nelle case del nostro Paese. Del resto una prova di quanto stiamo affermando la possiamo avere in pochissime e rapide mosse: se anche non facciamo parte degli addetti ai lavori ma siamo assolutamente neofiti della materia e ci avviciniamo all’argomento tende attraverso internet, la confusione che regna sui principali motori di ricerca è imbarazzante. E non intendiamo con questo colpevolizzare in una qualche misura i gestori dei motori di ricerca più diffusi in Italia e all’estero per una sorta di mancanza nell’ambito della gestione delle informazioni in merito a tutti i tipi di tende, intendiamo di contro sottolineare l’ampiezza dell’argomento che risulta inequivocabilmente difficile da rendere sistematico. Il nostro obiettivo è quindi duplice: come già in tante altre occasioni la nostra mission è quella di chiarire le idee al nostro lettore in modo da rendere più chiari i concetti di base e offrire in questo modo un valido sostegno nel momento della scelta e dell’acquisto di una determinata tenda. Quindi procederemo essenzialmente in questo modo: cercheremo in questa occasione di offrire una rapido ma pur sempre preciso e completo excursus sui principali tipi di tende, sulle loro caratteristiche, i loro impieghi e destinazioni. E, come è nostra abitudine ormai consolidata da tempo, proveremo anche a individuare pregi e difetti dei differenti tipi di tende in modo da evitare le consuete e mai gradite brutte sorprese al momento dell’acquisto.
La tenda è oggi un vero oggetto di arredo

Tenda Zanzariera Magnetica standard colore Bianca 120x230 Euronovità EN-23797

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


Tutto sulle tende da interno: da soffitto, da parete o da finestra

Esistono tantissimi differenti tipi di tende, ognuno con le sue peculiarità Il primo nostro obiettivo sarà dunque quello di offrire una valido supporto a tutti coloro sono interessati all’acquisto di tende da interni. Attenzione: in questa prima fase non stiamo ancora operando una differenza specifica a seconda della stanza cui le tende in esame saranno poi destinate, ma stiamo semplicemente descrivendo alcuni tipi di tende da interni. E, in maniera intuibile, ci soffermeremo anche sulle caratteristiche tecniche e le modalità di installazione e montaggio. Quando si parla di tende per interni vi sono alcune regole base che possono aiutare il cliente al momento dell’acquisto facendolo propendere per l’uno o per l’altro tipo. Diciamo che il consiglio degli esperti al momento dell’acquisto di una tenda per interni consiste essenzialmente nel tenere sempre a mente quattro criteri di base: si tratta, a ben guardare, di quattro parametri che devono chiarire le idee all’acquirente. Una tenda per interni deve essere scelta, bene o male, sempre in base a tali quattro considerazioni basilari: la camera di destinazione che la tenda dovrà arredare, le esigenze pratiche di chi abita in quella stanza, la tipologia di tessuti con cui la tenda in questione è stata realizzata e il gusto estetico di chi acquista. Un ulteriore criterio estraneo a queste quattro linee guida di riferimento è quello che può guidare il cliente al momento dell’acquisto delle nuove tende in base al funzionamento, o meglio, in base al tipo di montaggio cui dobbiamo affidarci. Eistono infatti, sempre rimanendo nell’ambito delle tende per interni, una serie di montaggi e fissaggi differenti, tra cui, ad esempio, la distinzione di fondo tra tende a soffitto o parete oppure le tende montate direttamente sulla finestra. Ovviamente non si tratta esclusivamente di una decisione di natura estetica: vero è che un buon peso specifico è rappresentato appunto dal gusto di chi si reca a comprare le nuove tende e, ancora di più, dal gusto di chi abiterà quella casa. Ma è altrettanto vero che sono ragioni di natura pratica a condizionare ulteriormente la scelta di tende a soffitto o a da applicare direttamente alla finestra. Un esempio pratico veloce e chiarificatore? Basta pensare al bagno di casa e al tipo di tenda che vi abbiamo: è molto strano, o meglio, è assai poco diffuso che nel bagno di casa abbiamo una tenda a parete a soffitto e la larga maggioranza di noi opta per una tenda applicata direttamente alla finestra. E tutto ciò per ragioni pratiche: per ragioni di spazio in primis e, in secondo luogo, per evitare di bagnare o sporcare in altro modo una tenda a soffitto o a parete per forza di cose assai più ingombrante di una tenda applicata direttamente alla finestra e senza dubbio meno indicata al bagno.

    Tenda zanzariera magnetica standard colore Nera 120x230 euronovità EN-23803

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


    Le regole per non sbagliare il montaggio delle tende

    Montare una tenda è facile: poche e facili mosse per un buon risultato Dunque, fatta a questo punto la decisione di base vale a dire se pensare ad una tenda da parete o soffitto oppure se comprare una tenda da applicare direttamente alla finestra in esame, occorre analizzare quali possono essere i differenti tipi di montaggio che vanno bene e per una tenda a soffitto che per una tenda da applicare alla finestra. Si tratta, in modo facilmente deducibile, di metodi di montaggio molto differenti. Iniziamo a parlare dei criteri di montaggio per le tende a parete o a soffitto. Il primo passo per il corretto funzionamento di una tenda a parete o soffitto è la scelta del tipo di ancoraggio giusto prima ancora del tipo di montaggio. Chiaramente quando parliamo di ancoraggio stiamo facendo riferimento alla scelta di come attaccare, ancorare per l’appunto, la nuova tenda al soffitto. Essenzialmente possiamo far riferimento a tre differenti metodi di ancoraggio: si parla infatti o di binari, o di ancoraggio a pacchetto oppure dei classici bastoni per tende. Questi tre tipi differenti di ancoraggi condizionano per forza di cose il tipo di montaggio da effettuare, cosicché, per semplicità, possiamo associare i tre tipi di ancoraggio a tre differenti tipologie di montaggio. Per le tende da interni a soffitto o a parete infatti possiamo parlare dei binari per tende, delle tende a pacchetto e dei bastoni per tende. Nel primo caso, quello dei binari per tende, il montaggio prevede l’inserimento del tessuto della tenda a soffitto all’interno di una serie di occhielli di ridotte dimensioni che scorrono all’interno di due cabalette in alluminio (i cosiddetti binari per intenderci) e che permettono al tessuto di muoversi in modo compatto in orizzontale. Il secondo metodo di montaggio delle tende a parete è quello comunemente classificato come a pacchetto, vale a dire quello in cui il tessuto della tenda viene fissato attraverso l’applicazione del velcro e, in ultimo, esiste il metodo dei bastoni da tenda: nient’altro che cilindri di vario materiale – specialmente diffusi i bastoni in legno, acciaio e ferro ma le soluzioni degli architetti sono sempre pronti a innovarsi – che servono a mantenere dei tessuti intorno a cui passano degli anelli circolari cui è attaccato il tessuto. Fino ad ora abbiamo parlato delle tecniche di montaggio per quanto riguarda le tende da interno a parete o a soffitto, ma occorre aiutare anche i nostro lettore che per una lunga serie di ragioni, siano esse pratiche e di comodo o esclusivamente figli del gusto personale, ha optato per le tende da interne che si applicano direttamente alla finestra. In questo caso il montaggio è ancora più rapido rispetto a quanto descritto nel caso delle tende a parete o a soffitto perché esistono esclusivamente due differenti possibilità: il montaggio delle tende da applicare direttamente alla finestra può infatti avvenire o tramite bastoncini o tramite flash. Vediamo di che cosa si tratta. Nel caso del montaggio attraverso bastoncini, il procedimento è facile da intuire anche semplicemente dal punto d vista logico: occorre infatti solamente fissare due bastoncini orizzontali in alto e in basso rispetto alla finestra da coprire. Allo stesso modo, il metodo di fissaggio della tenda da interni da applicare direttamente alla finestra avviene tramite l’utilizzo di flash: la scelta tra il primo e il secondo metodo è una scelta di natura essenzialmente estetica. Di solito, nella larga maggioranza dei casi, la scelta viene fatta nel modo seguente: i flash sono preferiti per ambienti arredati con stile moderno, mentre i bastoncini sono più adatti ad ambienti arredati in stile classico.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO