Muri

Perchè conoscerlo:

Il fai da te è un hobby che riscuote sempre più successo tra le persone, che scelgono di dedicarsi a quest' occupazione perchè permette di occuparsi di vari settori, capaci di affascinare ed interessare moltissime persone, qualsiasi siano le loro necessità, i loro interessi e le loro capacità, e qualsiasi siano gli scopi che vogliono raggiungere. Il fai da te, infatti, include operazioni che spaziano dal giardinaggio alla creazione di oggetti di bigiotteria, al restauro di oggetti e di mobili fino alla manutenzione di una struttura o della propria automobile, dalla creazione di una stuttura fino all' installazione di un impianto e via dicendo. In questo modo tutti, gli appassionati di edilizia, di giardinaggio, di motori, di bigiotteria, di decoupage e tanto altro ancora, possono scegliere di occupare il proprio tempo dedicandosi al fai da te. Occuparsi di bricolage permette di ottenere moltissimi vantaggi, tra cui c'è quello di trascorrere il proprio tempo in occupazioni davvero utili, rilassandosi e svagando un po' la propria mente, ma sopratutto imparando tecniche nuove, esercitando le proprie capacità manuali e pratiche, e svolgendo lavori molto utili, se se stessi, agli ambienti che si frequentano, alle proprie auto o alle proprio motociclette, o anche alle proprie piante. Tutto questo, risparmiando moltissimo denaro, in quanto attraverso il fai da te ogni lavoro può essere eseguito con un costo molto minore rispetto a quello che si andrebbe ad affrontare se il lavoro fosse eseguito da dei professionisti del settore. Una volta che si chiede l' intervento di questi ultimi per effettuare una creazione o una riparazione, bisogna infatti calcolare che questi professionisti, siano essi idraulici, muratori, giardinieri o meccanici, vanno retribuiti per il loro lavoro. Invece, grazie al fai da te, il costo di creazioni e riparazioni o manutenzione comprende soltanto la spesa per i materiali o al massimo di attrezzi (che però possono essere anche presi a noleggio), il che permette di diminuire vertiginosamente il prezzo da pagare. Ovviamente, questo non a discapito del risultato: come è possibile notare da molti lavori eseguiti da uomini fai da te, il risultato non è diverso da quello ottenuto dal lavoro di professionisti, sopratutto se si tratta di fai da te abbastanza esperti.

muro

AUKEY Caricabatterie USB da muro, 5 Porte USB Wall Charger 50W, per iPhone 7 / 6S, iPad Air, Samsung Galaxy Tab 3 / 2, 5V Tablet PC e altri dispositivi di Aukey

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Cos'è:

muro di pietraCome è stato già detto, attraverso il fai da te è anche possibile occuparsi di edilizia, quindi riparare, effettuare la manutenzione e costruire strutture o impianti. E in una struttura, si sa, gli elementi fondamentali sono i muri, interni ed esterni. Questi garantiscono alla casa di tenersi in piedi, di suddividere l' ambiente esterno, di essere protetta da agenti esterni come ad esempio la pioggia, il freddo o la neve. Per garantire un adeguato isolamento termico ed acustico, e la solidità delle pareti, portanti, divisorie ecc, i muri devono essere edificati con un determinato metodo, seguendo precis e indicazioni ed utilizzando tecniche, materiali e strumenti ben definiti. Tutto ciò deve essere anche dettato dalla tipologia di muro che si va a creare, dal suo ruolo all' interno della casa e dall' ambiente in cui il muro dovrà essere installato: se si tratta di un ambiente umido, ad esempio, bisogna utilizzare determinati materiali piuttosto che altri, meno resistenti all' umidità e all' acqua e quindi più propensi a marcire.

  • bricolage Il bricolage, comunemente chiamato anche “fai da te”, consiste nell' occuparsi di tanti vari lavori manuali senza vestire le vesti di un professionista. Il bricolage può, infatti, essere annoverato tr...
  • muretto in pietra Attraverso il fai da te è possibile effettuare moltissime operazioni, che variano da un campo all' altro: il fai da te, infatti, comprende operazioni di giardinaggio, di edilizia, di manutenzione dell...
  • muro a secco In edilizia, si intende, col termine “muro”, uno struttura sviluppata in senso verticale, realizzata attraverso l’ utilizzo di vari materiali, e attraverso un determinato legante che ha la funzione d...
  • Attraverso il fai da te è anche possibile occuparsi della realizzazione di un muro di cinta. I muri di cinta servono per delimitare delle proprietà, quindi per tracciare in modo marcato le linee di co...

KingTop Portascopa e Portaspazzole Da Muro Attrezzi 5 posti e 6 ganci Supporto Per Scopa e Spazzolone Robusto Salvaspazio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€
(Risparmi 15€)


Requisiti necessari:

Il muro è una elemento edile utilizzato per creare una struttura vera e propria. I muri possono essere interni (ed in questo caso sono definiti pareti e hanno il compito di dividere gli ambienti interni della struttura) o esterni (in questo caso hanno il compito di limitare e di segnare il perimetro della struttura). Si tratta di una struttura verticale che viene eretta grazie all' utilizzo di vari materiali che vengono tenuti insieme con un legante (di varia natura). L' utilizzo dei muri è tutelato e motivato dalle caratteristiche che questa struttura deve avere: un buon muro, infatti, deve avere una funzione portante, e allo stesso tempo deve garantire protezione, isolamento e sicurezza. Protezione dagli agenti atmosferici, isolamento termico ed acustico e sicurezza dal fuoco e nel caso si presenti fenomeni sismici come, ad esempio, il terremoto. Per assicurarsi che un muro possieda e garantisca tutte queste caratteristiche, bisogna eseguire delle verifiche, ovvero bisogna verificare:

1. la resistenza statica, quindi bisogna calcolare quanto la trave può sostenere.

2. La resistenza agli agenti atmosferici, in cui si calcola la vulnerabilità dei materiali che compongono il muro all' acqua o al freddo.

3. L' isolamento termico, con la quale bisogna assicurarsi che il muro riesca a separare l' ambiente esterno da quello interno, rendendo quest' ultimo vivibile.

4. La coibenza acustica: con questa, infine, bisogna verificare se il muro è effettivamente insonorizzato.


Tipologie:

I muri vengono suddivisi in varie categorie, a seconda della loro funzione all' interno della struttura, a seconda dei materiali che vengono utilizzati per la creazione dei muri, a seconda della forma che gli si va assumere e dei leganti utilizzati per tenere insieme i vari materiali.

Per quanto riguarda la loro funzione all' interno della struttura, i muri vengono suddivisi in:

1. muri portanti (questi hanno la capacità di tenere in piedi la struttura. Devono essere quindi solidi e spessi).

2. Muri divisori (hanno lo scopo di dividere gli ambienti interni di una struttura, quindi devono garantire un buon isolamento acustico).

3. Muri di tamponamento (il cui scopo è quello di occultare gli spazi tra le travi ed i pilastri vari).

In base ai materiali che vengono utilizzati, è poi possibile distinguere in:

1. Muri in pietra.

2. Muri in Laterizio.

3. Blocchi di laterizio.

In base alla tecnica con la quale sono stati costruiti e ai leganti che vengono utilizzati per tenere insieme la struttura e i vari materiali utilizzati per costruirla, invece, i muri si suddividono in:

1. Muri a secco, che vengono costruiti con l' ausilio di leganti (come ad esempio il cemento).

2. Muri con malte (che usufruiscono dell' ausilio delle malte).

3. Muri di getto ( costruiti nelle cavità del terreno servendosi delle casseforme).

Per quanto riguarda invece la loro forma, i muri possono distinguersi in:

1. monostrato

2. multistrato.


Preparazione:

Per quanto riguarda la costruzione di un muro, bisogna partire da una fase di preparazione, che rende possibile la correttezza nello svolgimento di tutto il lavoro. Infatti, un muro non può essere costruito semplicemente partendo dal terreno e innalzando una struttura semplicemente ponendo un mattone sull' altro con l' ausilio di collanti, bensì vi è bisogno di costruire delle vere e proprie fondamenta prima di innalzare il muro. Per realizzare le fondamenta (o fondazioni) di un muro, bisogna tracciare sul terreno il perimetro che si intende conferire al muro e, dopo aver effettuato questa operazione, bisogna effettuare un apposito scavo entro quel perimetro. La profondità dello scavo dipenderà, ovviamente, dalla lunghezza del muro da realizzare: per un muro alto più o meno un metro e cinquanta, ad esempio, potrebbe bastare uno scavo di quaranta centimetri.

Dopo aver effettuato lo scavo, bisogna riempirlo con un getto di calcestruzzo, che deve essere preparato con la betoniera precedentemente. Lo strato di calcestruzzo deve arrivare fino alla superficie del terreno, e quindi essere livellato con esso tramite una livella e di uno spianatoio. Se si vuole poi che le fondamenta fuoriescano dalla superficie del terreno, per una qualsiasi ragione, è possibile utilizzare una cassaforma, che può essere realizzata con dei listelli di legno.


Muri: Costuzione e consigli:

Per quanto riguarda poi la costruzione vera e propria del muro, si può procedere utilizzando dei mattoni che non necessitano di intonaco, anche se è comunque indispensabile chiudere con cura i vari giunti. Si tratta di mattoni capaci di rendere, come prodotto finale, una struttura molto buona anche dal punto di vista estetico. In questo caso, dopo aver disposto la prima fila di mattoni sulle fondamenta, bisogna procedere disponendo la seconda fila ponendo i mattoni in modo sfalsato rispetto alla prima fila, e così bisogna procedere fino alla fine del muro. Con l' aiuto di una livella, è però importante calcolare che il muro sia perfettamente dritto e “a piombo”.

Per costruire un muro vero e proprio, bisogna procedere come è stato descritto nei paragrafi precedenti: preparando quindi il suolo ad ospitare una struttura perpendicolare ad essa, e garantendo alla struttura stabilità e resistenza, sia per quanto riguarda le fondamenta, che devono assicurare alla struttura che questa sia ben ancorata al terreno, sia per quanto riguarda la creazione vera e propria del muro, il quale deve essere costruito con materiali, strumenti e tecniche adatte affinchè esso sia resistente alle sollecitazioni e capace di avere sempre una certa stabilità, in modo da non crollare alla minima sollecitazione, mettendo in pericolo la struttura e l' incolumità delle persone che vivono al suo interno. Sono, però, da tenere in considerazione anche determinati fattori: quando si costruisce un muro, come in ogni operazione edile, bisogna fare determinati calcoli, affinchè tutto sia matematicamente perfetto. La prima cosa da calcolare è la quantità di mattoni sufficiente per condurre a termine la costruzione del muro. Per ottenere la quantità di mattoni necessari per costruire il muro, bisogna considerare la superficie che il muro dovrà avere, per poi dividerla per la grandezza di un singolo mattone. In pratica, bisogna dividere l' area del muro che si andrà a costruire per l' area di un singolo mattone che si ha intenzione di utilizzare. Il risultato di questa divisione sarà il numero di mattoni di cui si necessita. Oltre ai mattoni, poi, non bisogna dimenticarsi di munirsi anche dei materiali da utilizzare come leganti. Per quanto poi riguarda gli attrezzi, bisogna munirsi di un metro pieghevole, un metro a nastro, una zappa, una vanga, una pala, una cazzuola, un frattazzo, una livella, il filo a piombo, un trapano per l' impasto o una piccola betoniera , un trapano, uno spago e dei paletti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO