Materiali biocompositi

Che cosa sono i materiali biocompositi

Il prodotto biologico piace e non è solo una moda del momento, infatti negli ultimi anni è entrato in maniera usuale a far parte delle abitudini quotidiane degli italiani. In particolare sta prendendo vita nel settore edile, dove si cerca di progettare abitazioni a risparmio energico e a impatto ambientale zero. La casa deve essere il luogo più sicuro dove vivere, a volte però i maggiori agenti inquinanti si annidano proprio attorno alle mura domestiche, per questo occorre scegliere materiali naturali per isolare, arredare e dipingere il proprio appartamento. Negli edifici di nuova costruzione il materiale biocomposito utilizzato è il cemento armato. Grazie alla sua forte personalità è in grado di definire all’interno e all’esterno l’impronta contemporanea e sobria di un’abitazione. Di recente si sente parlare sempre più spesso di materiale biocomposito, ma di cosa si tratta? Il termine biocomposito è formato da due parole distinte fra loro: bio e composito. Bio sta per biologico e indica tutto ciò che deriva dalla natura senza l’utilizzo di sostanze chimiche di sintesi; composito in scienza dei materiali, è un materiale costituito da più materiali semplici differenti. Quindi il materiale biocomposito non è altro che una combinazione di due o più elementi dove il costituente principale è una resina e il materiale di sostegno sono le fibre naturali ricavate da piante o cellulosa. In natura il materiale composito non esiste, ma è l’unione di più elementi per crearne uno con caratteristiche diverse dai materiali di partenza. Ogni materiale mantiene la sua identità nel composto finale senza disperdersi o fondersi nell’altro.
Materiali biocompositi

Modern Design Mensola in vetro per bagno con Vetro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,5€


Generalità

fibre bio compositeI componenti che agiscono nella formazione dei materiali compositi sono tutti biocompatibili. La matrice in resina è naturale e biodegradabile, come la fibra di vetro, la fibra di carbonio, mentre la parte fibrosa è costituita da fibre naturali (canapa, lino, juta, fibre di legno ecc.). Il cemento armato è l’esempio evidente di materiale biocomposito, dove i due elementi cemento e acciaio conservano la loro identità anche se assemblati per creare un’unica materia.

    Corone pesanti con attacco a molla, con denti riportati in metallo duro A PASSO VARIABILE adatte a forare calcestruzzo, conglomerati cementizi, pietre e murature Ø 160

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 230,21€


    Esempi di materiali biocompositi

    Oltre al cemento armato, restando nel settore edilizio alcuni esempi di materiali biocompositi sono:

    - il mattone ecologico, si presenta nella forma di un tradizionale mattone, costituito però da legno di canapa e calce. Questo tipo di mattone fa parte dei materiali per l’edilizia sostenibile poiché la canapa ha la capacità di assorbire anidride carbonica dispersa nell’ambiente. Il mattone si ottiene combinando la parte legnosa della canapa con un legante a base di calce. Il mattone che si ottiene con questa combinazione di elementi è rigido, resistente e leggero, tanto da trovare diverse destinazioni in edilizia.

    - la lana di pecora viene utilizzata come isolante, oltretutto ha la capacità di assorbire le sostanze inquinanti nell’aria. L’unica nota stonata è la presenza di poliestere che gli conferisce rigidità. Nonostante esista il poliestere naturale come la cutina, sempre più spesso viene utilizzato quello sintetico, ovvero la plastica che di naturale ha ben poco.

    - i pannelli di bambù trovano impiego per i tetti e per i soffitti. In entrambi gli usi tendono a conservare il caldo in inverno e mantenere fresca la casa in estate. Il compensato di bambù viene realizzato con il 50% di fibra di poliestere e il 50% di fibra di bambù.


    Materiali biocompositi: Vantaggi

    Uno dei principali vantaggi nell’utilizzo di materiali biocompositi è la possibilità di riciclo. In questa maniera si riducono la presenza di materiali provenienti dall’industria petrolchimica, ci guadagna l’ambiente, diminuiscono le spese di trasporto preferendo materiali prodotti localmente. Costruire una casa sostenibile oggi si può, non solo limitando il consumo energetico, ma garantendo al suo interno una migliore qualità dell’aria, un efficiente sistema di riscaldamento, una maggiore sicurezza in caso di incendio, una migliore impermeabilizzazione per contrastare il formarsi di muffe. Dal punto di vista fiscale, la legge riconosce sgravi e agevolazioni, un particolare da non sottovalutare se si pensa che alla fine dei lavori, il valore economico della propria abitazione aumenta, e in caso di vendita può rivelarsi un grande vantaggio.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO