Il decking

Cosa si intende per decking

Gli spazi esterni di un'abitazione, piccoli o grandi che siano, possono essere sfruttati e vissuti in vari modi, se accoglienti e comodi.

Per renderli tali basta qualche accorgimento che li faccia diventare non solo gradevoli alla vista, ma pratici.

Un giardino, una veranda, lo spazio antistante l'ingresso, lo spazio piscina, diventano, soprattutto durante la bella stagione, un luogo ambito per vivere all'aperto

Il presupposto importante è che sia comodo ed agevole, da utilizzare in relax e senza disagi. Occorre quindi che la pavimentazione sia adatta per ospitare sedie, tavoli, barbecue e quant'altro.

Con questo obiettivo si sviluppa il decking, la pavimentazione per esterni bella e pratica, da montare nei propri spazi con praticità. I decks possono essere messi in posa anche da appassionati del fai da te.

decking

SABBIA FINE BIANCA 5KG - fondo acquario, sabbia posacenere, sabbia giardino zen

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€
(Risparmi 2€)


I diversi materiali per il decking

materiali per il decking Accanto al classico ed intramontabile legno, opportunamente trattato per resistere agli agenti atmosferici, si affiancano materiali innovativi il cui scopo è sempre quello di aumentare le prestazioni, senza tralasciare la bellezza estetica, e con un occhio attento al costo ed all'impatto ambientale.

Da queste esigenze nascono nuovi prodotti formati da fibre, polveri naturali e polimeri, che cercano di unire le migliori qualità di ciascuna materia.

WPC, pietra ricostruita, semilavorati di polveri di legno duro con polietilene ad alta densità ed additivi, sono alcune delle alternative al legno.

Il legno non ha bisogno di molte presentazioni: può trattarsi del pregiato teak, proveniente dalle foreste del Brasile, con la certificazione che attesta il ripopolamento per la sostenibilità ambientale, oppure di bamboo termotrattato. L'ipè è uno dei legni più duri e durevoli al mondo, di origine tropicale e molto usato, ma anche legni nostrani come il Pino silvestre europeo si prestano a creare pavimentazioni efficaci.

Il WPC è un materiale composto da legno riutilizzato e plastica, modellato ad alte temperature e pressato. Si ottiene una doga estremamente resistente alle intemperie, agli urti, all'usura ed agli agenti chimici, che necessita di poca manutenzione. Il WPC sopporta escursioni termiche anche elevate, non si scheggia, non teme muffa, termiti ed insetti vari, è antiscivolo ed è adatto anche per ambienti ricchi di salsedine come quelli marini.

Un accenno alla pietra high tech, che viene impiegata con moduli lineari e anima in acciaio; il prodotto è più leggero di altri materiali in pietra e garantisce una buona resistenza ai carichi pesanti, oltre che impermeabilità e proprietà antiscivolo.

    Molly M24425-XJ, 7 x 35 mm, 15 kg, termici, con connettore di blocco (25 pezzi)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€
    (Risparmi 4,45€)


    Posa dei decks

    Posa dei decks Per le pavimentazioni in legno, di solito si usano viti o chiodi, oppure delle clip laterali, ma ci sono sistemi brevettati per cui le doghe vengono inserite a pressione su alcuni supporti.

    Il sistema è sicuro, pratico e rende semplice anche l'eventuale sostituzione di una o più doghe.

    La messa in posa dei decks in WPC è un'operazione abbastanza facile. In generale, la superficie su cui si andrà a sistemare deve essere solida e leggermente in pendio, di 5 millimetri circa per metro. I decks hanno un sistema a click, per cui si montano senza particolari attrezzi e, in caso di necessità, sono molto facili da tagliare o segare.

    La pietra high tech utilizza le tecniche di posa degli altri materiali e può essere montata su un'orditura, se serve una pavimentazione mobile. I kit con piedini regolabili consentono di creare le pendenze ed il drenaggio.


    Il decking: Manutenzione delle pavimentazioni decking

    Per la manutenzione ordinaria, le pavimentazioni decking, in legno trattato o WPC, vanno pulite con una semplice scopa e lavate con acqua e detersivo neutro. In caso di presenza di macchie particolari, seppure sia un caso non molto frequente in quanto il materiale è quasi totalmente non assorbente, ci sono prodotti specifici che tolgono le macchie, soprattutto di unto, e possono anche essere usati a scopo preventivo, soprattutto se si tratta di luoghi pubblici o molto frequentati. Ad un'eventuale presenza di muffa, dovuta a lunghi periodi di umidità senza adeguata ventilazione, si può ovviare con un prodotto antimuffa. Sono da evitare acidi, prodotti corrosivi o contenenti ammoniaca.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO