Unita immobiliare

Definizione dell'unitÓ abitativa

Secondo quanto stabilito dal d.p.r. n. 1142/49, nell'articolo 40, si intende come singola unitÓ immobiliare urbana un insieme di fabbricati, un fabbricato o una sua porzione che appartenga ad uno stesso proprietario e che, in base all'uso locale, rappresenti un cespite indipendente.

Il termine cespite indica, per definizione, un elemento che rappresenta per una persona una fonte di reddito.

In sintesi, anche se nel linguaggio comune l'unitÓ immobiliare Ŕ intesa principalmente come sinonimo di appartamento, tecnicamente pu˛ essere individuata anche da altri tipi di costruzione come ad esempio una cantina, un box auto o qualsiasi altro tipo di fabbricato che possa essere configurato come una fonte di reddito autonoma. L'articolo successivo del decreto, il 41, specifica che ogni singola unitÓ immobiliare deve avere quota di partecipazione. In questo modo si stabilisce un principio che Ŕ valido in termini catastali, ma che si pu˛ ritrovare anche in diversi altri settori all'interno dell'ordinamento giuridico. Secondo tale principio un immobile non pu˛ esistere a meno che non sia intestato a qualcuno.

come intestatario la ditta che ne Ŕ in possesso. La ditta Ŕ l'insieme dei possessori, dei proprietari o delle persone che hanno dei diritti di godimento reali sull'unitÓ in questione. Tali persone devono essere chiaramente designate individualmente e per ciascuna di esse deve essere specificato con esattezza il diritto spettante o la

Unita immobiliare

Sfrattati. Miseria e profitti nelle città americane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,7€
(Risparmi 3,3€)


Identificazione dell'unitÓ immobiliare

unitÓ immobiliare Lo stesso d.p.r. n. 1142/49 definisce anche il modo in cui si pu˛ identificare unĺunitÓ immobiliare. Tale compito Ŕ assolto dall'articolo 42, secondo il quale ogni singola unitÓ accertata deve avere un'identificazione catastale con precisa indicazione dell'indirizzo comprensivo di localitÓ o via, numero civico, piano, scala ed ogni altro elemento che serve alla sua esatta identificazione, con il dovuto riferimento alla mappa. Gli articoli che si trovano successivamente all'interno del decreto, si occupano della necessitÓ di effettuare, per ciascuna unitÓ immobiliare, gli opportuni rilievi atti a stabilirne la consistenza catastale che influisce sui tributi dovuti.

    Le servitù prediali. Volontarie, coattive, pubbliche, costituzione, esercizio, estinzione, tutela, le singole servitù

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,9€
    (Risparmi 5,1€)


    Unita immobiliare: Oneri e diritti

    Dopo aver fatto le dovute considerazioni dal punto di vista catastale, andiamo a vedere quali sono i diritti e gli oneri che competono a chi possiede un'unitÓ immobiliare.

    Gli oneri di maggior rilievo sono quelli di tipo tributario, i proprietari sono infatti tenuti al pagamento di quelle che vengono chiamate imposte fondiarie. Prima tra queste l'ICI, a meno che non si abbia diritto all'esenzione come la legge prevede per casi particolari, ad esempio quando si tratta di prima casa. Tale tassa Ŕ sempre a carico dei proprietari e non riguarda in alcun modo gli inquilini.

    Subito dopo, in ordine di importanza, abbiamo la Tarsu o Tia, vale a dire la tassa sulla gestione dei rifiuti. Questo tributo riguarda sia il proprietario sia l'eventuale conduttore, nel caso in cui l'immobile sia stato concesso in locazione.

    La proprietÓ di un'unitÓ immobiliare comporta la necessitÓ di adeguarsi alla norme che regolano gli aspetti riguardanti la sicurezza e l'ordine pubblico. Questo significa che si dovrÓ fare in modo che il proprio bene non vada a recare un pericolo alla comunitÓ. Dovranno essere rispettate, inoltre, le norme urbanistiche e quelle locali circa il modo d'uso delle abitazioni e il rispetto degli orari.

    Quando l'unitÓ immobiliare Ŕ di tipo indipendente, il proprietario non avrÓ altri obblighi, nel caso invece di ubicazione in strutture condominiale, saranno dovute anche le spese per la gestione delle parti comuni.

    Il parere condiviso in modo unanime in dottrina e in giurisprudenza Ŕ che ogni volta che si accompagna ad un diritto reale, frazionario o esclusivo, una obbligazione legata alla titolaritÓ dello specifico diritto sul bene, la relazione tra obbligo e diritto ha ragione d'essere nella reale titolaritÓ del diritto secondo il principio per il quale ai vantaggi sono associati alcuni eventuali aspetti negativi.

    Andando a semplificare questo significa che, a meno di esonero concordato assieme alla totalitÓ dei partecipanti al condominio, ogni singolo titolare di ciascuna unitÓ immobiliare Ŕ tenuto alla partecipazione alle spese che devono essere sostenute per la conservazione e per la gestione delle parti comuni, solo per il fatto di essere il proprietario dell'unitÓ.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO