Serra verticale

Serra verticale: il progetto svedese

In questi giorni si parla molto di serra verticale, un progetto che potrebbe rivelarsi davvero rivoluzionario se dovesse prendere piede su larga scala. Tutto è iniziato in Svezia, dove l’azienda Plantagon ha presentato qualche anno fa l’innovativo progetto che ha ottenuto anche degli incentivi alla ricerca, visto che si tratta di una struttura legata alle energie rinnovabili. La prima serra verticale consiste in un alto edificio con vetrate oblique esposte a sud, in modo da ottenere una maggiore esposizione ai raggi del sole: la facciata di questa costruzione è profonda 6 metri e contiene circa 4000 mq di terreno coltivabile per produrre circa 500 tonnellate di verdure e ortaggi ogni anno. L’elemento davvero innovativo di questa serra verticale è lo sfruttamento di energie pulite, visto che per alimentare l’edificio vengono usati il calore di scarto e il biossido di carbonio prodotto dall’industria.

serra verticale

Superdream 6 W Lampadine Piante Pianta Crescere luci a LED per interni, copre il pieno spettro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Serra verticale: come funziona

serra verticale Costruire una serra verticale all’interno delle città sarebbe un grande passo in avanti sia nel campo alimentare, sia in quello delle energie rinnovabili e della qualità dei prodotti che si mangiano. Con questo sistema i cittadini potranno avere ogni giorno una grande quantità di verdure a chilometro zero. Ma come funziona una serra verticale? La semina avviene nei piani più alti: le piante verranno poi annaffiate con un elaborato sistema di irrigazione che fornirà acqua arricchita da sali minerali. Le piante, inoltre, verranno periodicamente spostate grazie a dei nastri trasportatori, affinché ricevano la luce solare su ogni lato. Quando verdure e ortaggi sono ormai maturi, le piante vengono poi trasferite ai piani più bassi, fino ad arrivare al piano terra, dove i prodotti vengono raccolti, controllati e poi sistemati per la vendita diretta o ai negozi. È evidente che anche i costi delle verdure saranno ridotti per gli abitanti delle città, visto che si tratta di prodotti cresciuti in zona, senza il costo del trasporto.


  • parete verde Il verde oggi sale fino al cielo, si arrampica a ricoprire le facciate di palazzi, scende ad avvolgere come un manto morbido le scalinate di hotel e di edifici pubblici, riveste corridoi creando punti...
  • Alcune note Quando si parla di giardino verticale fai da te occorre comprendere l’argomento che stiamo affrontando con la giusta dovizia di particolari e la corretta prospettiva. Perché a prima vista, e soprattut...
  • Alcune note Le facciate verdi rappresentano una trovata notevolmente innovativa nel mondo del giardinaggio e valgono come esempio paradigmatico della crescita continua che tale settore commerciale sta vivendo sop...
  • Alcune note Le pareti vegetali rappresentano una soluzione abbastanza innovativa nel mondo del giardinaggio e della botanica, un mondo, o meglio un ambito molto più aperto alle innovazioni e ai miglioramenti dell...

BAHCO PX-M2-L CESOIE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 51,33€
(Risparmi 2,54€)


La serra verticale a Expo

serra verticale Il tema dell’Expo 2015 di Milano è il cibo e tutto ciò che ruota intorno a esso, come i problemi legati all’alimentazione e alle energie rinnovabili. Per questo motivo, alla manifestazione si è parlato anche della serra verticale. L’ENEA, ossia l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie che si occupano di energia, ha presentato a Expo un prototipo italiano di serra verticale. Si chiama Vertical Farm ed è esposto nel padiglione del Future Food District: i visitatori potranno così rendersi conto di come l’alimentazione e anche il commercio delle colture potrebbe essere rivoluzionato nei prossimi anni. A differenza di quello svedese, questo prototipo è formato da un’intelaiatura metallica ricoperta da lastre di vetro e da pannelli termoisolanti, rispettivamente sui lati est e ovest e sui lati nord e sud. All’interno ci sono delle vasche dove verranno inserite le piante in scaffali disposti uno sopra l’altro e un sistema di nutrimento e irrigazione che fornirà agli esemplari le sostanze nutritive per maturare.