Schema impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico

L'impianto fotovoltaico è un impianto di produzione di energia elettrica per uso domestico o industriale generata dall'energia solare. In altre parole questo tipo di impianto è in grado di convertire i raggi del sole in energia elettrica utilizzabile per alimentare i carichi, allo stesso modo di come farebbe l'energia elettrica prodotta con i classici ed inquinanti sistemi basati sull'utilizzo del combustibile minerale. Produrre energia elettrica dal sole è di per sé qualcosa di eticamente bello, dal momento che coniuga la modernità fatta di movimento e di motori con il sole, simbolo per eccellenza, fonte inesauribile e pulita di luce e di calore.

Produrre energia dal sole non è semplice e richiede l'apporto della tecnologia e della competenza. Gli energy manager, nuove figure nate attorno a questo business, sono i professionisti necessari al progetto di un impianto fotovoltaico che sia efficiente e robusto.

Schema impianto fotovoltaico

ECO-WORTHY Pannello Solare Policristallino 25 Watt Modulo PV con 0,91m di Cavo + Cavo Di Prolunga di 1,83 m con Clip per Batteria + Regolatore Solare da 3 Ampere 12 V/24 V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55,92€


Componenti di impianto

Componenti di impiantoSenza scendere troppo nel dettaglio realizzativo, è quanto meno opportuno prendere dimestichezza con i componenti principali, elementi ineludibili di un impianto fotovoltaico.

I pannelli solari sono uno degli elementi cardine: sono sostanzialmente loro i trasduttori, gli elementi grazie ai quali avviene la conversione dell'energia da solare ad elettrica.

Fatti di materiali semiconduttori, sono fra gli oggetti tecnologici che più risentono della continua evoluzione e ricerca che anima le università e le aziende di tutto il mondo operanti in questo business. Gli ultimi modelli, caratterizzati da alta efficienza, sono in silicio mono o policristallino ed arrivano a produrre una potenza di picco di 250 W per pannello. Sono inoltre progettati per lavorare nelle più difficili condizioni ambientali.

L'energia prodotta dai pannelli è continua per cui non utilizzabile in casa dove tutti i carichi sono alimentati in corrente alternata. Gli inverter fotovoltaici sono le macchine che operano questa conversione dell'energia elettrica da continua in alternata, garantendo in questo modo l'utilizzo della stessa sia in ambito domestico che industriale. I moderni inverter sono corredati da software e hardware dedicato grazie al quale è possibile sia il controllo che il monitoraggio dell'energia prodotta. Gli inverter ad accumulo rappresentano, poi, una ulteriore evoluzione dell'inverter classico dal momento che, dotati di batterie, consentono per l'appunto l'accumulo dell'energia prodotta nei momenti di picco per poterla in seguito utilizzare nei momenti di maggiore fabbisogno. Un sensibile passo in avanti, questo, verso l'autosufficienza, il potersi rendere indipendente dalla rete nazionale ed essere autonomi con la propria energia "solare".

  • fotovoltaico Con il termine fotovoltaico si indica tutto quello che consente di utilizzare l’energia del sole per produrre energia. Il termine si riferisce sia al settore di produzione degli impianti, che al tipo ...
  • Alcune note Da un po’ di tempo a questa parte, e negli ultimi anni con sempre maggiore convinzione, si sta diffondendo anche all’interno del nostro Paese, dopo che l’Europa del Nord e non solo sono indiscutibilme...
  • Alcune note Il fotovoltaico sui tetti è un elemento che si sta diffondendo con sempre maggiore diffusione all’interno del nostro Paese. A conti fatti il fotovoltaico sui tetti è solo una delle tante e variegate d...
  • Dimensionamento impianto fotovoltaico Il fatto di dimensionare un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori, a partire dal clima, nonché da tutti quei fattori tecnici, economici ed architettonici che sono direttamente collegati fra...

Sunix® 10A Pannello solare regolatore della carica Regolatore di carica con USB intelligente, display a LED 12V-24V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Schema impianto fotovoltaico: Schema di impianto fotovoltaico

Lo schema di impianto fotovoltaico è fondamentale dal momento che esso permette di definire:

- il percorso di generazione della corrente a partire dalla radiazione solare

- l'ubicazione dei componenti principali e secondari

- l'ubicazione dei contatori necessari alla misurazione sia dell'energia consumata che soprattutto di quella ceduta alla rete nazionale

- le quantità complessive di energia prodotta, utilizzata e ceduta.

Esso inoltre varia notevolmente in complessità a seconda della destinazione d'uso: gli schemi di impianti fotovoltaici destinati ad un uso domestico, parliamo di potenze intorno ai 3Kw, sono infatti notevolmente più semplici di quelli industriali, che arrivano a potenze dell'ordine dei Mw.

Uno schema classico parte dai pannelli, detti anche generatori fotovoltaici, che sono tipicamente posizionati sul tetto della abitazione o della fabbrica. I moduli fotovoltaici devono quindi essere collegati ad un dispositivo, detto sezionatore, prima di essere collegati all'inverter. Questa è una misura di sicurezza obbligatoria, esiste infatti una norma CEI apposita, che permette di proteggere l'impianto, proteggendolo dai picchi di tensione, in caso di guasti alla linea elettrica.

L'inverter, come detto in precedenza, ha il compito di trasformare l'energia in alternata ed è posizionato a valle dei sezionatori.

Discorso a parte meritano i contatori necessari al conteggio dell'energia prodotta ed utilizzata.

Nel caso di impianti fotovoltaici non "stand alone" ovvero connessi alla rete nazionale dell'energia, sono necessari:

- il contatore di produzione che permette la misurazione di tutta l'energia prodotta dall'impianto

- il contatore bidirezionale.

Quest'ultimo misura i due flussi di elettricità, quella prodotta dall'impianto ed immessa nella rete e quella prelevata dalla rete stessa. A seconda dell'esposizione al sole, infatti, l'impianto è in grado di produrre energia in più rispetto al consumo oppure in meno, la notte ad esempio. Grazie al contatore bidirezionale, quindi, è possibile misurare le "entrate" e le "uscite" di corrente elettrica e determinare in questo modo quanto pagare al gestore.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO