Box doccia a soffietto

Il progetto

Se avete un box doccia con porta a soffietto, potete apportare delle aggiunte che la renderanno molto più confortevole e funzionale. Grazie alla conformazione della porta a soffietto, viene risparmiato l'angolo di apertura di un tradizionale portello, rendendo possibili eventuali modifiche ed aggiunte alla cabina doccia. In base al modello e alle prestazioni della cabina doccia, la porta a soffietto può essere realizzata con apertura manuale o automatica. Anche i materiali e le lavorazioni consentono tantissime possibilità: troviamo infatti porte in plasticato e in vetro, sia completamente liscie che finemente lavorate. Le docce più informali spesso hanno invece la porta a soffietto in plastica o in un mix di plasticato e PVC, che offrono praticità di utilizzo, totale impermeabilizzazione e facilità di manutenzione. Starà a voi e alle vostre esigenze di uso e di estetica scegliere il modello che più vi piace. Qualsiasi sia la scelta, ricordate che il processo di apertura deve essere fatto con delicatezza, perché il punto debole di queste porte è proprio la fragilità delle cerniere e delle giunture dovuta all'usura del tempo e a movimenti scorretti. In questo progetto vedremo come aggiungere una seduta e come ottimizzare la doccia rendendola elettrica.
Box doccia a soffietto

Forte BKP100001 Box Doccia Angolare Riducibile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,37€
(Risparmi 12,53€)


Come costruire la seduta laterale

Box doccia a soffietto Nella costruzione o ristrutturazione di una doccia, una delle aggiunte più interessanti è la seduta. Ovviamente ci deve essere lo spazio necessario, in questo caso garantito dalla chiusura a scomparsa della porta a soffietto. Per prima cosa, determinate la dimensione, la forma, l'altezza e la posizione per la panchina. In commercio esistono delle sedute prefabbricate che si installano con estrema facilità. Posizionate la seduta nell'area adibita, fissandola al piatto doccia con il cemento a presa rapida. Lungo la base dovete poi posare il liner di impermeabilizzazione. In questo modo la seduta diventerà un rialzo del piatto doccia.

    Rollplast BVEN2LONCC28080 Box doccia a soffietto, dim. 80 cm x H 185 cm, in PVC, a un lato, anta unica, con apertura laterale., Bianco

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 51,43€
    (Risparmi 0,57€)


    Box doccia a soffietto: Come realizzare una doccia elettrica

    La doccia elettrica consente di ridurre il consumo dell'acqua, in quanto ne viene utilizzata solo una frazione riscaldata.

    Contrassegnate i fori sulla parete, in modo da sapere esattamente dove dovrete installare l'unità doccia. Seguendo queste guide, praticate dei fori pilota con un trapano elettrico.

    Eseguite un foro di 1 cm nella parete, per montare il tubo di diramazione di rame che collegherà la testa della doccia alla valvola principale dell'acqua. Spingete il tubo attraverso il foro, quindi misuratelo e tagliatelo nella lunghezza corretta. Montate un rubinetto alla fine del tubo di diramazione, precisamente all'interno del condotto di aerazione che si trova dietro la parete doccia. La freccia sul rubinetto deve essere rivolta verso la testa della doccia.

    Ora montate la giuntura a T, semplicemente stringendo i dadi. Misurate e tagliate un ulteriore pezzo di tubo di collegamento, se necessario. Il tubo e la giuntura a T saranno ora in prossimità del rubinetto, e si uniranno al tubo di diramazione della valvola principale.

    Installate il miscelatore, posizionandolo alla fine del tubo di diramazione di rame, e fissatelo con delle viti che farete passare nei fori pilota eseguiti precedentemente. Inserite il tubo flessibile del doccino.

    Passiamo ora alla parte elettrica, che richiede una grande attenzione. Fate un foro nel soffitto, in un punto nel quale sia possibile montare il pull-switch. Fissate la piastra di montaggio in sede, cercando di inquadrarla per bene. Fate arrivare una sezione sufficiente di cavo del circuito fino al pull-switch. Lasciate almeno 12 cm di cavo in più per poterlo collegare alla scatoletta dell'interrutore. Per ancorare il filo in posizione, è possibile utilizzare delle canaline di plastica e delle guaine a graffetta. In alternativa (sarebbe la soluzione più sicura), fatelo passare tra una fila di borchie dietro il muro. Fissate la piastra posteriore dell'interruttore nel punto a voi più comodo e tagliate il cavo in eccesso nella posizione esatta del cavo di cablaggio interno. Spellate il cavo di 2 cm: troverete un filo nero, un filo rosso e un gruppo di fili scoperti. Intrecciate i fili scoperti e i cavi di terra in un unico fascio, che avrete cura di coprire con una guaina prima di collegarli al terminale del pull-switch.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO