Chiave candela

Cos'è la chiave candela

Strutturalmente, la chiave per le candele dell’auto presenta all’estremità dell’asta, posizionata verticalmente allo snodo e alla bussola un foro in cui, in modo perpendicolare agisce un’asta più piccola che funge da impugnatura per imprimere una semplice rotazione. La bocca del tubo è di forma esagonale con una guarnizione di gomma per trattenere la candela una volta svitata. Questa chiave, è tutt’oggi molto utilizzata sia da coloro che la usano per il fai da te che dagli stessi meccanici professionisti. Anche se le candele hanno degli standard ben precisi, ci sono alcuni modelli di automobili, soprattutto quelle di grossa cilindrata, che montano candele leggermente più spesse, e quindi può capitare che quella di tipo standard non sia compatibile con la chiave che si dispone, per cui avere a portata di mano il kit con tutti i ricambi è molto più semplice e vantaggioso. Le motociclette invece, pur avendo un accesso facilitato rispetto a quello di un’auto, in quanto le candele non sono inserite in profondità, necessitano comunque della chiave (anch’essa con standard specifici) per evitare di danneggiare la filettatura utilizzando chiavi inadeguate o addirittura con pinze; infatti, ciò può non solo consumare la sagoma del dado di presa della candela, ma senza una giusta profondità (altra caratteristica importante della chiave) può causare pericolose traslazioni orizzontali, tali da spezzare la candela a metà, rendendone problematica e dispendiosa dal punto di vista economico la riparazione.
chiave candela

Kraftmann - Forza Shirtzshop 137 Candele A Forma Di Chiave Con Set Di Utensili 6 Tlg 16-18 -21 Mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


Utilizzo chiave candela

chiave candela La chiave a candela è disponibile sul mercato di forme diverse sia per quanto riguarda i dadi che i bulloni; infatti, si comincia da quelle di misura (in pollici) da 1/4 da un lato e 3/4 dall’altro, con continue variazioni che oscillano combinate tra loro nelle misure di 1/2 e 3/8 di pollice rendendola quindi utilizzabile a coppia per diverse tipologie di dadi e bulloni. Tra gli usi più comuni di questa chiave a candela è senza dubbio quello che riguarda lo smontaggio di particolari bulloni (anche di grosse dimensioni) spesso parte integrante di alcuni componenti come ad esempio la resistenza di uno scaldabagno. Quest’ultima, infatti, è visibile soltanto dalla parte finale del dado ed in genere è inserita nella cavità dello scaldabagno che senza una chiave a candela è praticamente impossibile da svitare sia per mancanza di presa che per la forza da imprimere, tenendo conto che se viene lasciata lenta potrebbe causare perdite di acqua. Una resistenza di uno scaldabagno, va inoltre periodicamente svitata e ripulita dal calcare per evitare che possa deteriorarsi ed essere necessariamente sostituita. Grazie alla chiave a candela e all’apposita asta acquistabile insieme ad essa, è sufficiente incastrarla nella calettatura della testa della resistenza quindi con una presa sicura ed efficace, e facendo leva con l’asta (lunga circa 20 centimetri) quest’ultima si allenta a tal punto da essere poi addirittura svitata con le mani, ripulita e riposizionata di nuovo con l’operazione inversa utilizzando sempre la stessa chiave.

  • Alcune note La livella torica rappresenta un oggetto, o forse in questo specifico caso è più giusto parlare di livella torica come di uno strumento di lavoro, particolarmente utile in molti casi e, elemento assol...
  • utilizzo cannello a gas Il cannello a gas è un attrezzo alimentato, per l’ appunto, a gas, che ha la funzione di riscaldare superfici per fare in modo che si prestino a vari tipi di lavorazione, come ad esempio la piegatura,...
  • Una chiave, tante chiavi... Grazie a Kronin sono famosissime quelle del regno, protagoniste nel titolo di uno dei romanzi più belli del Novecento europeo. In gergo calcistico, i registi tengono in mano quelle del centrocampo e, ...
  • attrezzifaidate I piccoli e grandi lavori quotidiani richiedono sempre il costante uso di attrezzi e utensili. Molti dei suddetti attrezzi servono anche per effettuare piccole riparazioni o lavori di giardinaggio. ...

Proxxon 1,27 cm, Chiave a bussola da 1/2" per candele, 16 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,88€


Chiave candela: Misure chiave candela

misure chiave candela La chiave a candela indipendentemente dalla dimensione dei pollici corrispondenti alla testa di viti e bulloni, è disponibile anche di piccole dimensioni, e costituisce un ottimo attrezzo manuale per svitare tutti i bulloni e dadi di qualsiasi dimensione, soprattutto quelli in cui anche se occorre una certa forza, vi è almeno lo spazio sufficiente per agire con l’asta di supporto. La praticità e la sua versatilità consentono anche di svitare una ruota di un’automobile nel caso non si abbia disponibile la chiave specifica. Ovviamente, il suo uso è subordinato a specifiche leggi fisiche per cui maggiore è la lunghezza dell’asta da infilare nei fori del tubo, e minore risulta lo sforzo da fare per svitare il dado in questione (Appunti di fisica: leva vantaggiosa). Indipendentemente dall’uso che s’intende fare delle chiavi a candela, è altresì importante sottolineare che questo tipo di chiave grazie alla sua profondità, garantisce ottimi risultati salvaguardando sia le teste di dadi e bulloni che la salute di chi manovra l’utensile, perché offre una buona aderenza (se si sceglie la misura adeguata) ed evita quindi pericolosi sganci della presa stessa.L'utilizzo delle chiavi candela non presentano quindi notevole difficoltà, tuttavia è opportuno prendere sempre delle piccole precauzioni onde evitare danni e farsi male per cui bisogna usare sempre la chiave della giusta misura e mai superiore che può danneggiare la testa del bullone, e mai inferiore perché potrebbe avere una presa in profondità non efficace. Prima di usare la forza per svitare qualsiasi oggetto è sempre consigliato l’uso di liquidi spray sbloccanti che si trovano facilmente nei supermercati o nei negozi che vendono ricambi auto, molto utili ed efficaci per effettuare questi tipi di lavori.



COMMENTI SULL' ARTICOLO