Tegole antismog

Lo smog

Lo smog è un problema molto serio, provocato da agenti inquinanti che immettono nell’aria delle particelle dannose per l’ambiente e per l’uomo. Proprio per questo motivo è sorta l’esigenza di creare delle tegole da sistemare sul tetto e in grado di assorbire queste particelle tossiche. Come tutti sanno, il tetto è una protezione orizzontale dell’abitazione, in grado di offrire non soltanto una funzione strutturale ma anche di isolare, impermeabilizzare, riparare l’interno dell’immobile. Esso è costituito da elementi portanti come travi e capriate, membrane isolanti come i fogli di catrame o altro materiale, barriere al vapore e tegole. Queste ultime presentano caratteristiche tecniche ed estetiche diverse, in quanto ogni tetto ha un’esigenza specifica. Infatti, la scelta del materiale è dettata, non soltanto da questioni estetiche, ma anche dal clima del luogo in cui l’abitazione si trova. Il mercato offre delle tegole in grado di resistere alle frequenti e pesanti piogge, al peso della neve, al ghiaccio, ma anche al forte vento e alla calura della stagione estiva. Oltre a tutte queste caratteristiche fisico-tecniche, è possibile acquistare delle tegole che oltre a proteggere la struttura interna, sono in grado di assorbire agenti inquinanti presenti nell’aria e realizzate nel rispetto dell’ambiente: si tratta delle tegole antismog.
tegole

MAPELASTIC MALTA BICOMPONENTE 32KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 77,35€


Le tegole

tegole antismog Le tegole antismog possono essere considerate dei materiali ecologici alla pari dei giardini pensili realizzati sui tetti delle abitazioni, delle tegole con impianti fotovoltaici o quelle trasparenti che permettono un riscaldamento interno naturale dell’abitazione. Partendo dalle fasi di produzione e dai materiali inerti impiegati per la realizzazione delle tegole antismog, si può affermare che questi prodotti sono totalmente ecologici, green e riciclabili al cento per cento. Il riciclaggio avviene mediante l’impiego delle tegole come sottofondo stradale o per realizzare opere di sottofondazione. I materiali di composizione di questo prodotto sono: sabbia naturale, ossidi di ferro, acqua, polvere cristallina bianca chiamata biossido di titanio. Si tratta di un fotocatalizzatore durevole nel tempo, il quale andando incontro a una reazione chimica, quando esposto alla luce attiva la reazione di ossidazione degli agenti inquinanti, trasformandoli in Sali inorganici innocui per l’ambiente se presenti in piccole quantità (carbonato di calcio, nitrati e solfati).

    Piastrelle in Plastica con Finitura ad Effetto Legno 37,7 x 18,6 cm da Interno, Esterno e Giardino, Beige, Versatili e Autobloccanti PEZZI 14

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 37€


    Tegole antismog e costruzioni ecosostenibili

    tegole antismog I sali inorganici vengono assorbiti dal terreno, graize alle pioggie, permettendo un totale assorbimento ad opera del terreno. Il funzionamento delle tegole antismog è molto semplice e uguale al processo di fotosintesi clorofilliana attuato dalle piante. Questi trasformano l’anidride carbonica e rilasciano nell’aria l’ossigeno. Allo stesso modo, le tegole trasformano gli agenti nocivi (ossidi di azoto) in Sali inorganici. Associando l’utilizzo di queste tegole antismog, a costruzioni ecosostenibili e realizzando infrastrutture che comportano il massimo sfruttamento delle risorse rinnovabili, si potranno creare delle soluzioni abitative e no, nel totale rispetto dell’ambiente. Basti pensare che se queste tegole venissero sistemate in un tetto di medie dimensioni di un’abitazione del centro abitativo, l’assorbimento annuale di azoto equivale a circa le emissioni di un’auto in 18000 chilometri.


    Funzionamento

    tegole antismog Come già accennato in precedenza, i materiali di composizione di questi prodotti sono: sabbia, ossidi di ferro, cemento, con uno strato a elevata resistenza e un fotocatalizzatore chiamato biossido di titanio. Questo materiale si presenta sottoforma di polvere bianca e cristallina che solitamente viene impiegata nell’industria tessile, plastica e cosmetica. Il fotocatalizzatore avvia il processo di fotocatalasi, mediante la quale, la sostanza colpita da una certa intensità luminosa attiva una reazione di ossidazione trasformando sostanze organiche in inorganiche. Visto che la fotocatalasi ha bisogno di luce, la pioggia svolge un ruolo molto importante in quanto elimina i Sali inorganici prodotti da questo processo, facendoli arrivare al terreno, il quale a sua volta li assorbe e assimila.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO