Materiale per bigiotteria

I pezzi essenziali

Per iniziare a creare dei gioielli, dovete procurarvi il kit di base. Le forbicine con la punta smussata sono indispensabili per tagliare i fili più nettamente possibile. Un lato delle loro lame ha una superficie piana, per un taglio dritto e perfetto. Non utilizzate mai queste forbicine con i fili in acciaio, in quanto li rovinerebbe. In questo caso, avrete bisogno di un paio di tronchesi.

Il tronchesino con lama obliqua è in grado di tagliare fili duri e spessi.

Le pinze tonde hanno ganasce arrotondate con un diamtero maggiore alla base. Esse consentono di piegare i fili e formare anelli di varie dimensioni.

La pinza piatta ha punte a forma rettangolare. Serve per trattenere i fili e può anche essere sfruttata per effettuare curvature ed angoli.

Le pinze specifiche per le rifiniture hanno mascelle metalliche ricoperte di un rivestimento morbido. Servono nel momento in cui si vogliono aggiungere i tocchi finali ad un pezzo di gioielleria.

Materiale per bigiotteria

Espositore Porta orecchini braccialetti collane Anelli Bigiotteria JDS022W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Perle, gemme & co

Perle e gemme Per creare i vostri gioielli, oltre all'attrezzatura, avete bisogno naturalmente delle perle e degli elementi decorativi.

Acquistate innanzi tutto il filo di nylon, che è facile da lavorare ed è disponibile in una vasta gamma di colori e stili. Altre basi altrettanto valide sono il filetto, il monofilamento, le corde e il cuoio.

Come già ben sapete, esistono innumerevoli tipologie di perline. I modelli più piccoli sono spesso utilizzati per i lavori di tessitura e ricamo. Molto belle le perle in vetro, dalle minuscole perline di cristallo sfaccettato alle grandi perle in vetro fuso. Potete poi trovare elementi in metallo, oppure realizzati con materiali naturali, come legno o pietra.

Ovviamente sono indispensabili anche gli elementi di chiusura. Anche in questo caso le possibilità sono moltissime, dai semplici gancetti a molla alle fibbie più particolareggiate, talvolta dei veri e propri gioielli che diventano il punto focale del monile.

Per creare anelli e bracciali rigidi, in commercio troverete delle basi liscie alle quali applicare con la colla o con la tecnica della saldatura le diverse gemme. Infine, tenete a disposizione i gancetti per gli orecchini.

    Espositore Grande Porta braccialetti collane Bigiotteria JDS023W

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


    Materiale per bigiotteria: Il materiale necessario per lavorare la bigiotteria in vetro

    I gioielli in vetro sono molto ricercati per la loro bellezza, luce ed eleganza.Lavorare il vetro richiede un'attrezzatura abbastanza costosa, ma i risultati saranno sorprendenti.

    Occorrono un bruciatore, occhiali protettivi e gli strumenti in grafite. Le lenti didimio proteggono dal fuoco, e la grafite ha una elevata resistenza al calore, quindi può essere utilizzata per modellare il vetro fuso. La vermiculite, disponibile nei centri di giardinaggio, viene collocata in un contenitore ignifugo ed è ideale per ricottura di oggetti in vetro di piccole dimensioni.

    Usando una combinazione di propano e ossigeno pressurizzato con un regolatore di ossigeno, si possono raggiungere le alte temperature necessarie a fondere e vetro soffiato. Attenzione alla ventilazione: una buona soluzione è quella di installare una cappa ventilata sopra la zona di lavoro o un ventilatore a soffitto.

    Vi dovrete poi procurare il vetro con il quale realizzerete i vostri gioielli di bigiotteria. Due dei più comuni tipi di vetro soffiato sono il calcico (chiamato anche vetro soft) e il borosilicato (che è invece un tipo di vetro particolarmente duro). Ogni tipo si differenzia per il coefficiente di dilatazione (COE), che determina la velocità con cui il vetro si espande quando viene riscaldato e poi modellato. Nello specifico, il Borosilicato ha un COE di 33 , il che significa che si espande a un ritmo più lento rispetto al Calcico, che invece ha un rating COE compreso tra 90 e 104. Queste caratteristiche sono fattori importanti da tenere in considerazione nel determinare il tipo di vetro che si desidera utilizzare per il proprio lavoro. Ad esempio, il Borosilicato non raggiunge lo shock termico e può quindi sopportare tempi più lunghi di modellazione, mentre il vetro di calce sodata si scioglie molto più rapidamente ad una temperatura inferiore. Indipendentemente da quale andrete a scegliere, ricordatevi di non mescolarli mai insieme o di non assemblarli, in quanto sono incompatibili.

    Dopo aver creato un pezzo base di vetro soffiato, è possibile arricchirlo con ulteriori gemme e perle, per ottenere un risultato unico e bellissimo.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO