Smaltimento pannelli fotovoltaici

Ciclo di vita di un pannello

Optare per i pannelli fotovoltaici è una scelta dalla duplice valenza: per prima cosa si sceglie di utilizzare un'energia pulita, avendo un forte rispetto per l'ambiente. In secondo luogo è un buon investimento per il portafogli: la spesa iniziale per l'acquisto e l'installazione del fotovoltaico viene ammortizzata in pochissimi anni. E si può arrivare ad un risparmio di oltre il 70% sulla bolletta dell'energia elettrica.

Un pannello o modulo fotovoltaico può durare anche 20 anni. Non ha nemmeno bisogno di particolare manutenzione, se non le regolari operazioni di pulizia da effettuare circa due volte l'anno. Quando un pannello fotovoltaico arriva alla fine del suo ciclo vitale si pone il problema del suo smaltimento. Vediamo come fare.

pannelli

REVOCELL GEL Batteria Alte Prestazioni per Fotovoltaico EJH122000

Prezzo: in offerta su Amazon a: 500€


Smaltimento dei pannelli fotovoltaici

pannelli1Fino a qualche tempo fa c'era una gran confusione riguardo allo smaltimento dei pannelli fotovoltaici. A sopperire a questa mancanza di regolamentazione, ci ha pensato il Decreto Legislativo n. 49 dell'aprile 2014. Questo decreto regola proprio lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici da rottamare. La società di riferimento in Europa e in Italia per lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici è la Erp Italia. La sigla Erp sta per European Recycling Platform.

  • Alcune note sugli impianti fotovoltaici chiavi in mano Le aziende operative nel settore dell’energia e tutte quelle ad esso collegate stanno ampliando in modo assai convincente la propria offerta. E lo stanno facendo sia dal punto di vista meramente quan...
  • Alcune note I pannelli fotovoltaici trasparenti stanno invadendo le nostre case, o meglio, con una battuta, potremmo dire che stanno colonizzando i nostri tetti. Il fenomeno della diffusione dei pannelli fotovolt...
  • Alcune note Da un po’ di tempo a questa parte, e negli ultimi anni con sempre maggiore convinzione, si sta diffondendo anche all’interno del nostro Paese, dopo che l’Europa del Nord e non solo sono indiscutibilme...
  • Installare pannelli fotovoltaici Uno dei problemi principali del nostro caro pianeta riguarda lo stato d'inquinamento in cui purtroppo versa ormai da qualche anno. La questione ambientale, infatti, è una delle più dibattute oggigiorn...

Shsyue®6 V/3 W/500mA pannello solare caricatore solare modulo diy batteria solare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,99€


Direttive per lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici

pannelli smaltimento Per fare chiarezza nel complicato scenario dello smaltimento dei pannelli fotovoltaici, la ERP Italia ha stabilito una serie di regole da seguire alla lettera. Lo smaltimento dei moduli ad energia solare infatti va eseguito necessariamente in maniera corretta non solo per la salvaguardia dell'ambiente, ma anche per la convenienza del cittadino stesso. Seguendo le direttive delle società di smaltimento si può recuperare - e quindi riutilizzare- oltre il 70% dei materiali che compongono il modulo fotovoltaico.

Quindi è anche interesse di colui che ha acquistato il modulo ad energia solare, smaltirlo nel modo più corretto possibile. Assolutamente vietato è l'abbandono fai da te del modulo o di parti di esso ai bordi delle strade. Oltre ad un grave danno per l'ambiente (si va incontro a pesanti sanzioni), c'è un grande spreco di risorse che non conviene a nessuno.


Smaltimento pannelli fotovoltaici: Distinzione tra pannelli fotovoltaici

distruzione pannelli La Erp Italia, come detto, ha stilato un vademecum per il corretto smaltimento dei pannelli fotovoltaici, recependo il Decreto Legislativo n. 49 dell'aprile 2014. Questo decreto distingue due grandi categorie di pannelli fotovoltaici: quelli con potenza fino a 10 kw e quelli con potenza uguale o superiore a 10kw.

Per gli impianti più piccoli, questi possono essere gestiti dal cittadino. Gestiti in che modo? Andranno portati alla più vicina isola ecologica (sono oltre 3500 in tutta Italia). In alternativa, è possibile informarsi e accordarsi col servizio rifiuti del proprio municipio per il ritiro a domicilio. Questo può prevedere il pagamento di un contributo, ma le procedure cambiano da regione a regione, quindi è bene informarsi preventivamente.

Per i pannelli fotovoltaici di potenza uguale o superiore a 10 kw va fatta un'ulteriore distinzione. Il Decreto n.49 infatti, distingue tra i moduli ad energia solare immessi sul mercato prima del 12 aprile 2014 e quelli invece mandati in commercio a partire da questa data in poi.

Se il pannello fotovoltaico è "nuovo", cioè immesso sul mercato dopo il 12 aprile scorso, il compito del cittadino è molto semplice: si esaurisce infatti nel portare il pannello presso l'isola ecologica più vicina o contattare il servizio rifiuti comunale per il ritiro a domicilio. Il decreto n.49 stabilisce infatti che è compito del produttore occuparsi della disinstallazione. L'importante è accordarsi con il produttore per il ritiro presso il luogo di disinstallazione.

Se invece il pannello fotovoltaico è "vecchio", cioè immesso sul mercato prima della data limite del 12 aprile 2014, la dismissione deve avvenire in maniera individuale. Bisognerà quindi contattare in maniera autonoma gli operatori della gestione rifiuti.

Attenetevi sempre a queste regole per non andare incontro a pesanti sanzioni ma soprattutto per non rischiare seri danni ambientali. Un pannello lasciato ai bordi delle strade è un problema insormontabile: le sue parti plastiche non sono biodegradabili e creeranno disagi a tutto l'ambiente circostante per decenni.



COMMENTI SULL' ARTICOLO