Riscaldamento radiante

Riscaldamento radiante: la definizione

Il riscaldamento radiante fornisce lo stesso effetto che si prova quando si tocca con una mano un elemento di un piano di cottura caldo, e lo stesso avviene toccando ad esempio un pavimento, avente questo tipo d’impianto. Il riscaldamento nello specifico, ha una serie di vantaggi; infatti, è sicuramente più efficiente di quello classico, dei radiatori a parete o ad aria forzata, perché elimina le perdite di calore, che spesso si determinano nelle loro condotte.

Molte persone affette da allergie patogene, spesso preferiscono il calore radiante, perché non distribuisce allergeni, come invece accade con i sistemi ad aria forzata. I riscaldamenti radianti inoltre si possono trovare di diversi modelli e misure, come ad esempio quelli a base liquida, ovvero sistemi detti " idronici" che usano poca elettricità, e possono invece utilizzare una vasta gamma di fonti di energia per riscaldare il liquido, dal gas, al gasolio, alla legna o alle caldaie solari. I sistemi di riscaldamento a pavimento radiante, sono diversi dai pannelli radianti utilizzati in genere su pareti e soffitte, ed hanno una serie di vantaggi non trascurabili, che in termini di economia domestica, possono rivelarsi di fondamentale importanza.

Riscaldamento radiante

Pannello radiante a infrarossi TIH 700 S

Prezzo: in offerta su Amazon a: 119,95€
(Risparmi 85,02€)


Riscaldamento radiante: i vantaggi

Riscaldamento radiante I riscaldamenti radianti consentono di risparmiare molta energia; infatti, funzionano con acqua a temperature molto basse, che raggiungono appena i 30-35 °C, rispetto ai 60-70 °C di altri impianti con radiatori. Questa tipologia di riscaldamento radiante, può essere utilizzato anche per il periodo estivo, e in questo frangente, nelle condotte circola acqua molto fredda. La costante distribuzione sia del calore sia del freddo, è indispensabile per assicurare un ambiente particolarmente confortevole in ogni stagione dell'anno. Un altro vantaggio, non da sottovalutare del riscaldamento radiante è quello di poterlo occultare, quindi senza creare disagi per il design impostato nella casa. Se si sceglie quindi un impianto sotto la pavimentazione, può essere comunque rifinita con ogni tipo di rivestimento, che non crea problemi di diffusione del calore verso l'interno della stanza.

  • riscaldamento radiante a pavimento Il riscaldamento di una casa, può essere realizzato attraverso diverse metodologie, ognuna con conseguenti vantaggi e svantaggi. Al fattore strettamente economico, si affianca il fattore strettamente ...

TecTake Pannello radiante riscaldamento a infrarossi infrarosso con staffa per il fissaggio a muro o soffitto - disponibili in diverse misure - (270 Watt | Nr. 401071)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 119,99€


Riscaldamento radiante: il montaggio e il funzionamento

Riscaldamento radianteNegli impianti di riscaldamento a pavimento di tipo tradizionale, l’acqua quando è riscaldata da una caldaia, circola in un sistema a circuito chiuso realizzato con tubi sottili in rame o in pvc. Anche il riscaldamento radiante, può essere installato alla stessa maniera, e gestito da sofisticati sistemi elettronici, che consentono di ottimizzarne i consumi e autoregolare il clima all'interno della casa, alla presenza di variazioni di temperatura esterna.

Se invece l'impianto è realizzato per la regolazione del clima estivo, l’acqua è raffreddata da un'apposita unità refrigerante, proprio come accade con i modelli di condizionatore Split. Il montaggio di un riscaldamento radiante, è di facile realizzazione, anche per gli amanti del fai da te, grazie alla possibilità di agire su materiali di facile assemblaggio, a cominciare dalle tubazioni che non richiedono particolari filettature o saldature. Questi ultimi, agiscono in genere attraverso incastri o dilatazione e fusione di materiali plastici che di fatto, saldano in modo resistente e definitivo diversi metri di condotte. Il riscaldamento radiante a pavimento, è realizzato a forma di serpentina, con tubi di andata e ritorno di uno spessore di circa 2 centimetri, e la posa avviene direttamente sul massetto di cemento, il tutto poi ricoperto con una pavimentazione fatta di piastrelle, marmi, moquette o parquet.


Riscaldamento radiante: la diffusione del calore

A differenza di un impianto di riscaldamento tradizionale, quello radiante a pavimento, non comporta sostanziali differenze di temperatura tra le varie stanze o zone che compongono la casa. Infatti, l’aria calda tende a salire dal basso verso l’alto distribuendosi uniformemente in tutto il volume di un ambiente, senza quindi particolari sbalzi termici. Con il riscaldamento radiante, un ambiente domestico, può godere di una piacevolissima temperatura in inverno, che si aggira intorno ai 22-23 gradi. Una volta raggiunto il massimo del regime, il riscaldamento radiante, incorpora il calore, conservandolo a lungo, facendo quindi interrompere il flusso d'acqua e di energia elettrica che lo alimenta, diventando di fatto un ottimo modo per ottenere un risparmio energetico considerevole.




COMMENTI SULL' ARTICOLO