Impugnazione delibera condominiale

L'impugnazione della delibera condominiale

Nel momento in cui si riunisce l'assemblea di condominio vengono prese alcune decisioni relative alla vita del condominio stesso. Tali decisioni sono le delibere. Queste sono, se legittime, assolutamente vincolanti per tutti i condomini. Esiste, però, la possibilità di impugnare la delibera. Tale azione è possibile quando un condomino crede che i suoi diritti vengano lesi dalla stessa delibera. Tale atto non è presentabile solo dal condomino dissenziente ma anche da coloro che si sono astenuti dalla votazione o che erano del tutto assenti. L'impugnazione della delibera condominiale si chiede al giudice per ottenere una conferma al fatto che la delibera sia illegittima per il suo essere in contrasto o con la normativa vigente o con il regolamento condominiale. Se la delibera non viene impugnata (entro 30 giorni) da uno o più condomini si ritiene da questi tacitamente approvata ed accettata a tutti gli effetti e per questo motivo non potrà più essere impugnata in futuro. Questo significa che da quel momento in avanti sarà completamente vincolante per tutti i condomini.
impugnazione delibera condominiale

Ricciòlo - zerbino in PVC su misura - Marrone 01 - 120x250cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 154,91€
(Risparmi 23,23€)


Le delibere viziate

delibera Le delibere viziate sono delibere che sono in contrasto con la legge o, in alternativa, con il regolamento condominiale. Per questo motivo esse non possono essere attuate e devono essere giudicate legalmente. Le delibere viziate possono essere di due differenti tipologie. Vi sono, innanzitutto, le delibere nulle. Queste si pongono in gravissimo contrasto con la legge o con i regolamenti. Anche se non vengono impugnate, tali delibere rimangono comunque nulle perché dietro loro non sussistono i presupposti di legittimità. Per questo non sono suscettibili si essere sanate. Una delibera è nulla quando manca dei suoi elementi essenziali, quando il suo contenuto è illecito o illegale, quando lede i diritti individuali di uno o più condomini o quando vanno ad incidere negativamente sulla proprietà esclusiva di ogni condomino.

Vi sono, poi, le delibere annullabili definite così se il contrasto è minimo e può essere sanato. Se non impugnate entro 30 giorni, anche le delibere inizialmente definibili come annullabili diventano effettive e vincolanti.

  • condominio La delibera condominiale non è altro che una decisione di interesse pubblico (riguardante il condominio) presa dagli abitanti riuniti dello stesso. Perché abbia validità, la delibera condominiale deve...

Flacone da 1 l schiuma spray con lancia regolabile con adattatore serie Karcher

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,36€


Sospensione di una delibera condominiale

Sospensione delibera Finché il giudice non ne decide l'illegittimità, tutte le delibere godono della cosiddetta presunzione di validità. Per questo molte volte le decisioni in esse contenute vengono eseguite immediatamente, senza rendersi conto che tali azioni possono ledere in maniera irrimediabile i diritti di uno o più condomini. Per questa motivazione è possibile richiedere la sospensione di una delibera condominiale. In questo modo si sospende l'efficacia della delibera ancora prima che venga, eventualmente, giudicata illegittima. Sono diversi i momenti in cui è possibile richiedere la sospensione di una delibera condominiale. E', infatti, un'azione che può essere contemporanea alla presentazione dell'impugnazione o in un tempo successivo alla stessa.E' possibile presentare tale richiesta anche in maniera antecedente ma sia la richiesta di impugnazione che quella relativa alla sospensione devono arrivare entro 30 giorni dalla data della delibera stessa.


Impugnazione delibera condominiale: Come impugnare una delibera condominiale

impugnazione delibera condominiale Ma come impugnare una delibera condominiale? L'impugnazione va fatta davanti ad un giudice civile anche se, a partire dal 2013 dopo il Decreto Legge numero 69/2013 (ovvero il cosiddetto Decreto del Fare), è obbligatorio, per coloro che desiderano proporre l'impugnazione, tentare prima la conciliazione tramite il Ministero della Giustizia. Solo se questa non avrà esito positivo si potrà procedere. Secondo l'articolo 1137 del Codice Civile sono valide tutte le delibere che non sono state dichiarate illegittime dal giudice. Per questo si ha la cosiddetta presunzione di validità per tutte le delibere. L'impugnazione va fatta sempre e comunque entro 30 giorni dal momento in cui l'assemblea condominiale si è riunita ed ha deliberato. Nel caso di delibere annullabili, l'impugnazione può essere fatta da condomini assenti durante l'assemblea, dagli astenuti ed, infine, da coloro che avevano espresso parere contrario. Nel caso delle delibere nulle, invece, l'impugnazione può essere fatta da chiunque. Entro 30 giorni, tale provvedimento va poi comunicato al condominio o a chi lo rappresenta.



COMMENTI SULL' ARTICOLO