Il martello

Cos’è un martello

Il martello è un utensile, generalmente serve per battere. E’ costituito dalla massa e dal manico. La massa a sua volta si differenzia di due parti: la testa che non è altro un blocchetto di acciaio con al centro un foro detto occhio dove è infilato il manico di legno duro, fissato con una bietta di legno o di metallo e la penna, che è la parte più sottile, viene usata per altre operazioni come l’estrazione dei chiodi. La testa e la penna costituiscono la massa, ossia la parte che fornisce l’energia cinetica adatta per sferrare il colpo. A distinguere un martello da un altro è la testa che varia a seconda l’utilizzo che si deve fare dell’attrezzo. Per questo ci sono martelli da falegname, da carpentiere, da calzolaio e così via.
martello

HMF – Contenitore per chiavi di emergenza, con martello per Rompere il vetro, 15 x 12 x 4 cm, colore: rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


Uso del martello

Uso del martello Muratore, carpentiere e stuccatore sono figure professionali specializzate nel campo delle costruzioni per le cui attività sono necessari un ordine di attrezzi specifici. Il dilettante è più simile a un costruttore che realizzando da sé le varie opere deve riuscire a affrontare più attività specializzate. Non ha quindi bisogno di una vasta gamma di attrezzi come quella che hanno in dotazione gli specialisti. Il martello che va ad aggiungersi agli attrezzi del fai da te deve essere maneggevole, pratico, con il manico di legno. L’operazione più comune che si compie con il martello è piantare un chiodo. Per poterlo fare occorre seguire delle regole specifiche, per evitare di prendersi a martellate qualche dito. Si punta il chiodo nel legno o su una parete, con uno o due colpi di martello, in modo che stia dritto senza essere sostenuto, poi lo si pianta con colpi decisi tenendo il polso diritto e la bocca del martello perpendicolare alla testa del chiodo.


    Set porta attrezzi rosa per donna; borsa per fai da te; il kit include un martello rosa, pinze rosa, cacciaviti rosa, 25pz in una borsa rosa.

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,06€


    Tipi di martelli

    martelli In commercio ci sono diversi tipi di martelli, secondo il lavoro che si deve svolgere esiste un martello specifico che va conservato negli attrezzi del fai da te. Il martello a penna biforcata è il classico arnese usato in falegnameria o per sbrigare lavori di questo genere. E’ il martello più utile della dotazione di attrezzi fai da te. La penna biforcata all’estremità della testa serve a estrarre i chiodi; per sopportare lo sforzo la testa deve essere ben fissata a un’impugnatura robusta. I chiodi piegati si estraggono facendo scivolare la penna biforcata del martello sotto la testa del chiodo e tirandola all’indietro lungo il gambo del chiodo stesso. La testa curva del martello ruota sul legno senza produrre danni ma si può proteggere il legno posando sotto il martello una striscia di cartone o di pannello di fibre. In questo modo si esercita anche un forza maggiore. Per i lavori delicati si usa il martello a penna dritta. La penna a forma di cuneo serve per puntare, cioè piantare parzialmente il chiodo tenuto tra indice e pollice. Il piccolo e leggero martello per semenza è ideale per piantare semenza e bullette. Il mazzuolo si usa per piantare lo scalpello e vari lavori di demolizione. E’ utile anche per piantare nelle pareti i grossi chiodi per murature. Per rompere sottofondo e pavimentazioni si noleggia la mazza, che è anche l’attrezzo più adatto per piantare paletti e pilastri delle recinzioni. Con il mazzuolo di legno si colpiscono gli scalpelli da legno, si può usare il martello quando lo scalpello ha l’impugnatura in plastica resistente ai colpi. I mazzuoli di legno non devono mai essere utilizzati per piantare i chiodi.


    Il martello: Consigli e prezzi

    Per usare in modo perfetto il martello bisogna prestare attenzione a come si impugna il manico. Se lo si tiene troppo vicino alla massa, la forza che si libera per il colpo è poca, questo potrebbe causare il piegamento dei chiodi. L’impugnatura corta è da praticare se si vogliono assestare dei colpi leggeri, altrimenti è meglio che il martello sia impugnato all’estremità del manico. I martelli sono reperibili nei negozi di ferramenta o in quelli "del fai da te", a prezzi accessibili. Si parte da un minimo di 7 euro per arrivare anche a 30 euro, dipende dalla marca, dal tipo del materiale, dal tipo di arnese. Un martello da carpentiere si trova sugli scaffali a 6 euro, ma se fornito di particolari caratteristiche può raggiungere anche i 20 euro. Vista la spesa irrisoria e la sua versatile utilità, il martello non può mancare nella cassetta degli attrezzi del fai da te.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO