Funzionamento pannelli fotovoltaici

I pannelli fotovoltaici

Grazie all'avanzare della tecnologia, la potenza del sole è stata sfruttata per generare energia verde. L'energia solare può essere utilizzata per la produzione di corrente elettrica, per il riscaldamento, per l'illuminazione e per il fotovoltaico. I pannelli solari convertono le particelle di luce in energia fruibile.

I pannelli non garantiscono però una produzione costante di energia: la sua potenza e quantità varia in base alla quantità di illuminazione, alla stagione e alla particolare posizione geografica dell'abitazione stessa. Quale è l'esatto procedimento tramite cui viene prodotta energia? Per prima cosa, i fotoni solari colpiscono la cella del pannello fotovoltaico, che cattura gli elettroni, rilasciandoli poi all'interno del cablaggio. Gli elettroni si diffondono lungo la superficie della cella fotovoltaica. Le componenti interne fanno sì che si crei uno squilibrio energetico tra aree posteriori e anteriori della cella. La diretta conseguenza è la creazione di un potenziale di tensione, con un funzionamento molto simile alle tradizionali batterie. Una singola cella fotovoltaica varia di formato e dimensione, a seconda della quantità di energia che si desidera produrre. Installare un impianto fotovoltaico è abbastanza semplice. I vantaggi sono molti. Ricordiamo la possibilità di diminuire i costi energetici e di scongiurare le pericolose emissioni di carbonio.

Funzionamento pannelli fotovoltaici

Sunix® 10A Pannello solare regolatore della carica Regolatore di carica con USB intelligente, display a LED 12V-24V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€


Come far funzionare correttamente un impianto fotovoltaico

far funzionare correttamente un impianto fotovoltaico Un impianto fotovoltaico è composto da una serie di celle collegate tra loro, in grado di catturare gli elettroni solari e trasformarli in energia fruibile. Le celle vengono poi collegate ad un generatore di tensione. Perché tutto il sistema funzioni correttamente, è indispensabile porre attenzione alla sua installazione e relativo cablaggio. Prima di tutto, misurate la dimensione del tetto, in modo da decidere quanti pannelli acquistare. Dopo aver realizzato il telaio portante, posate le celle, ancorandole al tetto con le rispettive staffette metalliche in dotazione. Riempite gli interstizi con un silicone sigillante. Fate attenzione ad installare le celle con una giusta inquadratura. Per aiutarvi, utilizzate una livella professionale. Cercate di posare l'impianto nel lato del tetto maggiormente esposto al sole, così da avere il massimo dell'energia disponibile in ogni ora del giorno.

    ECO-WORTHY 10 Watt Pannello solare Kit Sistema: 1pc 10W 12V Modulo solare con 3A regolatore di carica W Cavi / Batteria 12 Volt Caricabatteria per camper barca

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 45€


    Funzionamento pannelli fotovoltaici: Il cablaggio

    Seguendo le indicazioni riportate nel manuale di istruzioni, dovrete provvedere al cablaggio elettrico del vostro sistema fotovoltaico. Iniziate a collegare le celle tra loro. Successivamente, il fascio di cavi va collegato all'inverter principale: il polo positivo del cavo principale delle celle va inserito nel terminale positivo dell'inverter. Fate lo stesso con il polo negativo. Ricordatevi di proteggere il fascio di fili con una guaina apposita. I cavi devono essere di una dimensione corretta, per evitare che si verifichino eventuali cadute di tensione. Un altro fattore a cui prestare particolare attenzione è il regolatore di corrente, chiamato anche inverter. Esso ha il compito di mantenere costante il flusso elettrico, proteggendo nello stesso tempo il sistema da sovraccarichi energetici. In linea generale, ricordatevi che la quantità di energia in entrata dovrebbe essere superiore ai 300 volt, in modo che l'inverter possa generare corrente immediatamente fruibile a 130 volt, evitando di appoggiarsi ad un trasformatore supplementare. Una volta finito il cablaggio, verificate che il vostro sistema fotovoltaico funzioni alla perfezione. Un sistema fotovoltaico non è sufficiente ad alimentare completamente un'abitazione o una piccola azienda. Dovrete comunque mantenere i tradizionali metodi in uso. Sicuramente, avrete un notevole decremento dei costi energetici e darete una mano all'ambiente e all'ecosostenibilità. Una volta ogni due anni, il sistema fotovoltaico va fatto esaminare ad una ditta autorizzata, che tramite test appositi, verificherà che sia funzionante e che rispetti le norme di sicurezza e conformità in vigore. A seguito del test, vi verrà rilasciato il relativo certificato di conformità CE. Per quanto riguarda la manutenzione, non vi sono particolari problemi. Fate attenzione a lasciare alle celle lo spazio sufficiente a catturare l'energia solare, eliminando quindi piante e rami secchi sulla loro superficie, che potrebbero anche rovinare il delicato materiale sottostante.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO