Quando è possibile realizzare un soppalco

Quando è possibile realizzare un soppalco

Il soppalco risulta essere una soluzione ideale, e quindi molto sfruttata, per ampliare la superficie abitabile dell'abitazione. In questo modo, infatti, si recupera una parte dell'abitazione che altrimenti non verrebbe utilizzato. Il procedimento appare relativamente facile da realizzare, tuttavia è bene capire quando è possibile realizzare un soppalco e quando invece no. Secondo la normativa vigente non sempre si può mettere in pratica questa soluzione in quanto vi sono requisiti da rispettare. Sono per lo più i Regolamenti Edilizi dei Comuni a dare indicazioni molto precise in tal senso, che possono più o meno variare a seconda dell'ente territoriale di competenza. In più capita che le regole cambino a seconda della zona urbanistica della stessa città o da un edificio all'altro. Ciò si spiega con il fatto che, se nelle case di antica costruzione con soffitti di notevole altezza è possibile sviluppare gli ambienti in verticale, altre abitazioni non consentono questa soluzione.
esempio soppalco

NASTRO EDILIZIA BY TESA MM. 48X50 Confezione da 18PZ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,6€


Realizzare un soppalco: la normativa di riferimento

soppalco acciaio Le norme a cui si rifanno i regolamenti per realizzare un soppalco sono il Regio Decreto 1265 del 27 luglio 1934 (il testo unico delle leggi sanitarie) e il Decreto Ministeriale del 5 luglio 1975 che ha modificato l'altezza minima e i requisiti igienico-sanitari previsti per i locali abitativi. Ciò vale sia per le nuove costruzioni che per gli ampliamenti, le ristrutturazioni e le variazioni di destinazione. Prima di tutto, per sapere quando è possibile realizzare un soppalco, bisogna esaminare il Regolamento del Comune competente: infatti non sempre la loro costruzione è permessa. Nella normativa saranno indicati anche i criteri da rispettare per quanto riguarda l'altezza, la profondità e le dimensioni del soppalco e le modalità di progettazione. In più sono indicati i rapporti aeroilluminanti, calcolati attraverso la somma della superficie della stanza e quella del soppalco: a seconda del Regolamento Comunale sono 1/8 oppure 1/10. Infine è necessario verificare presso gli uffici tecnici competenti del Comune se si deve presentare una pratica edilizia.

  • soppalco Quando in casa cambiano le esigenze della famiglia può capitare di dover realizzare un ampliamento dell'abitazione. A seconda della disposizione dei vani, la realizzazione di un ampliamento con soppal...

R470A Kit riqualificazione energetica radiatore 1/2, con valvola, detentore e testa termostatica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,2€


Le misure minime da rispettare

soppalco in legno Per realizzare un soppalco occorre che siano rispettate le altezze minime indicate nella normativa di riferimento: ciò significa in pratica verificare che la stanza dove si vuole costruire il soppalco abbia un soffitto sufficientemente alto. In genere deve essere di almeno 435 centimetri, perché lo spessore minimo della struttura è di 15 centimetri e in entrambi gli ambienti saranno necessari almeno 210 centimetri di spazio. Non solo si tratta dei requisiti richiesti da quasi tutti i Regolamenti del Comune (alcuni sono anche più restrittivi), ma è la regola base perché si abbia un comfort adeguato. Per quanto riguarda la superficie soppalcabile, anche questo è uno dei vincoli che compaiono più spesso all'interno dei Regolamenti: in genere si tratta di una percentuale della superficie totale della stanza. Infatti il soppalco non può coprire completamente un altro ambiente. Il rapporto può essere di 1/3 o di ½ a seconda dei casi e dell'altezza degli ambienti stessi. Infine c'è da ricordare che, se il soppalco non rispetta le misure minime indicate per quanto riguarda l'altezza, non viene considerato abitabile e quindi potrà essere usato soltanto come ripostiglio o solaio. In quest'ultimo caso l'intervento viene considerato una manutenzione straordinaria ed è necessario presentare solo la Scia.


Le varie tipologie di soppalco

soppalco abitabile Esistono varie tipologie di soppalco, abitabile o non abitabile, ancorato alle pareti o ancorato a pavimento: in quest'ultimo caso serviranno dei pilastri per sostenere il sistema orizzontale. Sono i soppalchi più semplici con strutture portanti in ferro e il pavimento in pannelli di legno con un rivestimento a piacere, che può essere un parquet o una moquette. I pilastri, tuttavia, interferiscono con l'ambiente sottostante, quindi sono molto popolari le alternative del soppalco ancorato al soffitto con montanti oppure alle pareti. In quest'ultimo caso si parla di soppalchi sospesi che devono essere sempre di piccole dimensioni: non ci sono elementi di sostegno verticali perché il peso del pavimento viene retto dalle barre metalliche incassate nel muro e che si estendono da parete a parete.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO