Come restaurare un armadio



In questa pagina parleremo di : restauro


Pezzi molto pregiati e d'epoca hanno prezzi elevati e pertanto devono essere curati con attenzione per potersi mostrare in tutta la loro bellezza. In questa guida pratica vi spiego come fare per restaurarne uno e riportarlo all'originale splendore senza tuttavia rovinarlo o farlo scendere di quotazione. Ci vuole tempo e fatica per ripristinare un armadio antico, ma il risultato finale può essere così sorprendente e mozzafiato che vale la pena di imparare la corretta tecnica di restauro. Vediamo come procedere passo per passo.

Il materiale occorrente


restauro mobili Prima di procedere procuratevi tutto il materiale necessario, che troverete facilmente in qualsiasi negozio di bricolage. Acquistate dei panni morbidi, olio di sapone, della colla specifica per legno, un cacciavite, cera per mobili, vernice sia colorata (se avete intenzione di ridipingerlo) che trasparente e un prodotto antitarme. In casa invece non farete fatica a trovare degli stuzzicadenti e un vecchio spazzolino da denti.

Le operazioni preliminari: controllo del suo stato


Innanzi tutto esaminate attentamente l'armadio. Se non vi sono indicazioni precise che testimoniano che si tratta di un pezzo di antiquariato (dovrebbe essere presente il marchio dell'artigiano), portatelo a far valutare da un esperto, in modo che avrete una idea ben chiara di ciò che dovrete fare senza andarlo a rovinare o perdere di valore di mercato. Pulite tutta la superficie con un panno naturale leggermente imbevuto di olio di sapone. Levate poi i residui di sporco e di polvere dalle varie fessure con uno spazzolino da denti o uno stuzzicadenti. Segnate quindi con un gessetto da sarto le parti sia piccole che più grandi che dovrete ripristinare. Come regola generale, ricordate che gli oggetti d'antiquariato possono essere molto resistenti, ma è bene non eseguire troppi lavori su di essi.

I pezzi usurati: come sostituirli


Guardate attentamente sia l'interno che l'esterno dell'armadio, oltre a tutte le sue componenti come cassetti e cassettiere. I pezzi di ricambio per ler piccole parti mancanti, quali manopole, cassetti, maniglie e ripiani possono essere reperiti in negozi specializzati per il restauro dei mobili antichi o in mercatini dell'artigianato. Le nuove parti potrebbero non corrispondere esattamente alle originali: in questo caso cercate di acquistarle il più simili possibile. Sarebbe bene eseguire una sostituzione completa anche delle viti e dei bulloni di fissaggio. Consultatevi con un esperto su come sostituire i pezzi di legno più voluminosi che sono marciti. La realizzazione di un nuovo elemento che si adatti il più possibile al vecchio è meglio che sia fatta da un mastro falegname o artigiano.

La restaurazione del legno


Con la carta vetrata a trama grossa, levigate tutta la superficie del legno, per eliminare ogni asperità e avvallamento. Fate però attenzione a non grattare troppo o rischierete di ottenere l'effetto contrario. Non dimenticate di trattare i piedi e le rifiniture. Con la pasta di stucco o del silicone, tappate le fessure lasciate dalle tarme. Se volete un lavoro di precisione, mettete il prodotto in sede con una siringa senza ago. Livellate l'eccesso di stucco con una spatola piatta. Dopo che esso sarà completamente asciugato, applicate una dose generosa di prodotto antitarme, che eviterà la comparsa di fastidiosi e pericolosi parassiti.

Come restaurare un armadio : La verniciatura


Pensate attentamente alla finitura del pezzo. Ridipingere un armadio antico non deve ridurre nè il suo valore nè la sua bellezza. Dopo averlo carteggiato leggermente, cominciate a stendere una base uniformante. Aspettate che si asciughi, quindi con un pennello a setole naturali date la prima mano di colore, facendo attenzione a seguire le venature del legno. Aspettate ventiquattro ore e proseguite con la seconda mano. Dopo che anche questa è completamente asciutta, rifinite il tutto con la vernice trasparente, che ha il compito di fissare il colore e di renderlo lucido. Sulle zone particolarmente rovinate potete prendere in considerazione l'idea di eseguire un grazioso decoupage, in tinta con la vernice sottostante. Motivi che si adattano molto bene ad un armadio sono gli angioletti, le edere, i tralci di rose e scene antiche di dame e cavalieri. Una volta finita l'opera, date una mano finale di cera d'api lucidante e protettiva.


come ristrutturare un mobile
come ristrutturare un mobile

La maggior parte dei tavoli in legno non hanno bisogno di essere completamente smontati per essere restaurati in quanto si tratta di superfici piane, escluso i piedi che possono essere tondeggianti o ...

visita : come ristrutturare un mobile


  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati


restauro libri
Restauro libri

Il fai da te permette di occuparsi di tantissime operazioi direttamente con le proprie mani, mentre invece, senza il fai da te, queste operazioni sarebbero state affidate a persone qualificate. Ovviam ...

Vai alla pagina Restauro libri
restauro mobili in legno
Restauro legno

Attraverso il fai da te è da sempre possibile occuparsi di varie operazioni in svariati campi, dal giardinaggio alla manutenzione della propria auto, dalla costruzione di cucce per i propri cani a q ...

Vai alla pagina Restauro legno
mobile restaurato
Restauro mobili

Il fai da te è un’ occupazione,o meglio una tecnica, che è sempre più allettante per le persone, un po’ per i vantaggi che offre, molti e anche piuttosto notevoli, un po’ perché si tratta di operazion ...

Vai alla pagina Restauro mobili
Restauro infissi

Sappiamo benissimo che sia i mobili che gli infissi,ogni tot di tempo , necessitano di un leggero restauro, che serve per mantenere intatto nel tempo il materiale di cui sono composti e per far si che ...

Vai alla pagina Restauro infissi